Antonella Clerici in forma con la dieta Flachi

Antonella Clerici in forma con la dieta Flachi: da quel che ha condiviso con il pubblico l’amata presentatrice ha perso cinque chili in un mese con quella che è conosciuta anche come la pentadieta. Vediamo insieme di cosa si tratta, sottolineando ancora una volta che qualsiasi regime dietetico si intenda provare ciò deve essere fatto sotto controllo del proprio medico.

Il mese ideale per mettersi a dieta è ottobre

Quando mettersi a dieta? Se ve lo state chiedendo e non sapete esattamente come comportarvi, sappiate che secondo un gruppo di ricercatori del Food and Brand Lab della Cornell University (Usa) esiste un mese ideale, che è proprio ottobre. Durante lo studio, il team ha seguito 3.000 persone (1.781 americani, 760 tedeschi e 383 giapponesi) per verificare la loro tesi: l’autunno è il periodo ‘d’oro’ per perdere i chili di troppo, prima che arrivino le ‘temute’ vacanze invernali.

La dieta senza sale per superare la prova costume

Siete preoccupate della prova costume? Manca poco e purtroppo la ritenzione idrica la fa ancora da padrone. E allora provate la dieta less salt no fault (con meno sale non sbagli), messa a punto dalla nutrizionista e naturopata Elisabetta Orsi in collaborazione con Aquasalis, start up svizzera che ha formulato il primo sale senza sale. Ecco le regole da rispettare.

Come mantenere il peso dopo la dieta

Dopo un lungo periodo di dieta e soprattutto il raggiungimento del peso forma, la prima cosa importante da ricordarsi è: bisogna fare il mantenimento. Purtroppo l’80% degli adulti che riescono a perdere peso, non riesce, poi, a mantenere i risultati raggiunti. Che cosa bisogna fare e quali errori è bene evitare?

Le 10 regole per seguire la dieta nutritariana

La dieta nutritariana è una delle diete più discusse del momento. L’autore è Joel Fuhrman, autore anche del libro “L’Alimentazione che impedisce scientificamente di ingrassare”. Un titolo che dice tutto ma che in realtà non sponsorizza un regime dietetico audace e poco salutare. Seguire la dieta nutritariana significa prendersi cura del proprio corpo e della propria salute, significa anche dimagrire mangiando, perché la soluzione ai chili di troppo non è un folle digiuno.

La dieta più popolare del 2014 è la dieta paleolitica

La paleodieta si è guadagnata la “fascia” di regime dietetico più popolare del 2014… negli Stati Uniti è di moda già da diverso tempo, ma a quanto pare sembra aver conquistato anche l’Italia. La dieta s’ispira al modello paleolitico, quando i cavernicoli cacciavano le prede e soprattutto raccoglievano bacche e noci.

Spesa intelligente con frigo e carrelli che contano le calorie per la dieta del futuro

Pensare al futuro è divertente, ma anche molto complicato, soprattutto se si cerca di definire non tanto che cosa faremo, ma come vivremo. Nessuno trent’anni fa, per esempio, avrebbe immaginato come internet avrebbe potuto rivoluzionare il modo in cui lavoriamo. Con questa logica, oggi riflettiamo sulla dieta. Anche l’alimentazione è un treno in corsa verso il cambiamento.

 

La dieta per dimagrire pancia e fianchi

Il vostro cruccio sono pancia e fianchi e fareste di tutto pur di dimagrire? Niente paura, oggi vi illustreremo una dieta mirata per il dimagrimento di pancia e fianchi; si tratta di una dieta dall’effetto brucia grassi, ideale per attivare il metabolismo ed eliminare i cuscinetti di troppo.

Perdere peso con la dieta dei giorni lavorativi

Per chi sta a dieta molto spesso il weekend si rivela un vero e proprio attentato alla linea: se nei giorni feriali in qualche modo riusciamo a prestare attenzione a quello che mangiamo, nel fine settimana tendiamo a rilassarci anche in campo alimentare concedendoci qualche eccesso che spesso finisce per minare il lavoro fatto durante la settimana. Proprio per questo è stata ideata la dieta Weekday, un programma alimentare mirato per per i giorni lavorativi.

La dieta del supermetabolismo di Haylie Pomroy

Sono davvero tanti i libri dedicati alle diete e al dimagrimento. Il più famoso è quello della Dieta Dukan, che in Europa è stato in cima alle vendite per numerosi mesi. Un altro testo destinato a lasciare il segno in questo settore dell’editoria è la dieta del supermetabolismo, firmato da Haylie Pomroy, nutrizionista molto apprezzata ad Hollywood, che ha fatto dimagrire miglia di persone.

Come rimediare agli sgarri della dieta

State seguendo una dieta dimagrante e avete ceduto alla tentazione concedendovi qualcosa che proprio non dovevate? Tranquilli, succede. Anche nelle diete dimagranti meno rigide arriva un momento in cui inevitabilmente si sgarra: una cena con gli amici, una porzione più abbondante del solito, un dolce e via dicendo. La prima regola è non drammatizzare e correre ai ripari.

I condimenti che si possono usare quando si è a dieta

I condimenti sono sostanze utilizzate in cucina per insaporire i piatti e aumentarne l’appetibilità. Possiamo dire che se impiegati in modo corretto e con moderazione, tutti i tipi di condimento svolgono un ruolo importante ai fini di un’alimentazione completa. Ma quali sono quelli più indicati quando si segue una dieta dimagrante? Scopriamolo insieme.

La dieta che funziona esiste ed è sempre personalizzata

In un mondo che ha come modello fisici statuari e senza un grammo di cellulite o smagliature, tutti, uomini e donne, cercano con difficoltà ogni giorno di raggiungere la linea perfetta. Una missione a volte piuttosto difficile, perché basta aprire un giornale per trovare mille modi diversi per perdere peso e gli stessi professionisti del settore, hanno idee contrastanti su come far scendere l’ago della bilancia. La dieta giusta esiste ed è sempre personalizzata, con prodotti dietetici adatti alle proprie caratteristiche.

Altalena di zuccheri-grassi, la principale difficoltà di chi è a dieta

Grassi e zuccheri, croce e delizia di tutti noi. Ammettiamolo pure: i cibi che contengono grassi e zuccheri sono anche quelli che ci attraggono di più, con buona pace della forma fisica messa a dura prova da stravizi a base di questi alimenti. Non a caso, quando ci mettiamo a dieta e decidiamo di tagliarli dall’alimentazione, abbiamo difficoltà a seguirla fino in fondo e andiamo incontro a quella che gli esperti definiscono “altalena di zuccheri-grassi”.