Kim Kardashian, la dieta da non seguire

Se parliamo di Kim Kardashian non lo facciamo per prenderla come esempio di dieta da seguire. E la ragione molto semplice: il regime alimentare che ha seguito lo scorso anno è tutt’altro che salutare.

Non seguire l’esempio di Kim Kardashian

Ed è inutile che il suo personal trainer dica che si è impegnata naturalmente e che non abbia commesso errori da questo punto di vista. Per stessa ammissione di Kim Kardashian in tre settimane ha perso più di 7 kg mangiando in modo davvero sconsiderato. In poche parole si è cibata solo di verdura e proteine pulite. Senza carboidrati o zuccheri di nessun tipo. Regime alimentare al quale ha aggiunto l’indossare una tuta da sauna due volte al giorno correndo contemporaneamente sul tapis roulant.

Nessuno ovviamente attacca l’attività fisica che ha fatto, che se presa da sola è più che salutare. Il problema sono il contestuale indossare la tuta da sauna e il regime alimentare assolutamente non sano. Sono stati moltissimi ai tempi a criticare questo suo regime super restrittivo. Soprattutto perché il calo è stato concentrato in pochissimo tempo. La dieta di Kim Kardashian presuppone l’eliminazione di almeno 700 cal. al giorno, portando a un deficit calorico così importante capace dimezzare i substrati energetici e rallentare il metabolismo.

Kim Kardashian sarà riuscita anche a entrare nel vestito di Marilyn Monroe quest’estate, ma a danno della sua massa muscolare e disidratandosi. C’è un segreto ulteriore sotto il mantenimento del risultato ottenuto. La donna si è infatti sottoposta al laser Morpheus che permette di stringere lo stomaco in poche sedute e in modo doloroso.

Metodo assolutamente sbagliato

Sono quindi diverse le ragioni per le quali il metodo di dimagrimento di Kim Kardashian è tutt’altro che consigliato. E non solo per il messaggio sbagliato che dà. Lei è ovviamente liberissima di lavorare sul suo corpo come meglio crede, tenendo conto delle conseguenze.

Quel che sarà necessario vedere sul lungo periodo è se il mantenimento di un regime alimentare di questo tipo avrà conseguenze sul suo organismo. È vero che con le possibilità economiche che ha può sottoporsi a qualsiasi intervento voglia. La vera domanda che dovrebbe porsi e che possiamo porci noi e se ne valga davvero la pena. Non è meglio definire le proprie forme con attività fisica e una dieta equilibrata?

Gli stessi risultati che ha ottenuto mettendo a rischio il suo organismo potevano essere raggiunti con una maggiore lentezza. Sarebbero stati anche più duraturi nel tempo. La speranza è che Kim Kardashian non abbia fatto niente che possa poi portarla a star male in futuro. Se volete perdere del peso affidatevi a un nutrizionista o un dietologo serio e non a trattamenti estetici o diete troppo drastiche e non equilibrate.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento