Verdure, quali sono le migliori da mangiare?

Quali sono le verdure migliori da mangiare per stare bene e in salute? Si dice sempre che per mantenere uno stato di salute adeguato bisogna consumare buone quantità di frutta e verdura. Tra di loro, però, ve ne sono alcune che sono migliori di altre: scopriamolo.

La “dieta non dieta” salva la linea e la salute

Seguire alla lettera la dieta mediterranea potrebbe essere già il punto di partenza per mantenere la linea e restare in salute. A volte è proprio quella che riteniamo un “non dieta”, perché fa parte della nostra quotidianità e della nostra cultura, a essere la dieta per eccellenza. Ma siamo sicuri di conoscerla correttamente e soprattutto di metterla in pratica?

Verdure dal sapore amaro, perchè fanno bene?

 Le verdure amare, per quanto possano risultare poco piacevoli al gusto, fanno bene alla salute; a sostenerlo è uno studio condotto da un gruppo di scienziati della University of Massachusetts Medical School. Il motivo sarebbe da ricercarsi nel fatto che le sostanze amare contenute in queste verdure innescherebbero un processo che, nel caso di alcune, malattie, potrebbe addirittura salvare la vita.

Carne rossa, mangiata insieme alle verdure fa meno male

 Non è la prima volta che la carne, e in particolare quella rossa, viene accusata di favorire alcune malattie, come il cancro al colon, soprattutto se viene consumata spesso; per fortuna, adesso, ci viene in soccorso un nuovo studio che suggerisce come limitare i possibili “danni da carne rossa”, o per lo meno, come renderla più digeribile.

Verdure prima del pasto, è una buona abitudine?

Consumare le verdure prima del pasto, che siano lesse o crude, come un bel piatto di insalata, ad esempio, sicuramente è una buona abitudine, ma non basta per mangiare di meno e perdere peso. E’ vero che le verdure hanno un ottimo potere saziante, ma fino a che punto possono incidere sul bilancio delle calorie?

Endometriosi ed alimentazione, esiste un legame? L’intervista all’esperto

Le donne affette da endometriosi sono molte, eppure la maggior parte di esse non sa nemmeno di esserlo: non riescono ad avere bambini e il più delle volte si accorgono della malattia solo durante la disperata corsa alla maternità. Secondo recenti dati Onu, la patologia colpisce 3 milioni di signore solo in Italia e oltre 150 milioni nel mondo. Ma come si diagnostica e soprattutto come si cura l’endometriosi? L’alimentazione può essere d’aiuto? Ne parliamo con l’esperto, il dottor Ettore Alemani, medico chirurgo specialista in Ostetricia e Ginecologia, dirigente medico  dell’Azienda Ospedaliera di Legnano.

Glutei sodi? Con la dieta detox di Carol Vorderman

Se desiderate avere dei glutei sodi, allora, la dieta detox di Carol Vorderman farà proprio al caso vostro! Negli States e nel Regno Unito già spopola e molte sono le dive del jet set che hanno abbracciato questo regime alimentare per liberarsi dei chili di troppo e per avere un lato B di tutto rispetto.

Ricette light: seppie saltate con le verdure

Le seppie saltata con le verdure è un secondo piatto molto leggero, ideale per chi, in vista della fantomatica prova costume, non vuole farsi trovare impreparata! Inoltre, il wok, perfetto per la cottura al salto, permette di cuocere i cibi più velocemente, senza alterarne le proprietà. La particolare forma arrotondata del wok, infatti, richiede di aggiungere meno grassi sul fondo, a tutto vantaggio delle calorie.

Le seppie, d’altro canto, hanno valori nutrizionali molto simili ai cosiddetti “pesci magri” e sono una miniera di sali minerali come fosforo, potassio, calcio, ma sono ricche anche di vitamine A, B1 e D, proteine e fibre. Inoltre, le seppie, nonostante siano faticose da masticare, sono facilmente digeribili e hanno un ridotto apporto calorico.

Regolare peso e colesterolo con la melatonina

Tenersi in forma non è semplice. Purtroppo tra il peso fluttuante e il colesterolo alto, sono poche le persone che possono vantare una forma fisica splendida. Sembrerebbe però che l’ormone della melatonina, quello che di solito si utilizza per regolare il sonno, possa essere utile per mantenere controllato il peso corporeo e soprattutto per abbassare il colesterolo cattivo.

La melatonina può diventare quindi un alleato per contrastare le malattie vascolari e cardiache e magari anche farci ritrovare un figurino invidiabile. Questo è quanto hanno scoperto i ricercatori dell’Università di Granada (Spagna) durante un esperimento. L’unica osservazione che facciamo prima di entrare nel dettaglio della ricerca è dire che, già in passato, è stata verificato il ruolo del sonno nelle oscillazioni del peso.

Ricette light: spiedini di patate novelle

Gli spiedini di patate novelle sono un contorno molto gustoso, ricco di fibre e di carboidrati, ideale per accompagnare le carni bianche, ma anche il pesce alla griglia.

Questa ricetta, è particolarmente indicata per chi segue un regime ipocalorico. Fornisce fibre, che aiutano a regolarizzare l’intestino, potassio, che favorisce la diuresi, carboidrati che danno energia e soprattutto, saziano, con un apporto di calorie, a parità di quantità, molto inferiore rispetto a quello di pane e pasta. Solo per fare un esempio, 100 g di patate novelle forniscono solo 80 kcal, contro le 340 calorie della pasta.

Ricette light: cous cous con pesce e vedure

Il cous cous con pesce e verdure è un’ottima ricetta light, oltre che iposodica, che sorprenderà in positivo il vostro palato. Si tratta, infatti, di un piatto particolarmente gustoso ed equilibrato, ricco di sostanze nutrienti.

E’ preferibile, per quanto riguarda il pesce e le verdure, che siano freschi, se proprio dovete usare del pesce congelato, allora, controllate l’origine ed evitate il pangasio o il pesce persico del lago Tanganika. Solo alla fine, il cous cous viene condito con olio extra vergine a crudo e un pizzico di fior di sale (un tipo di sale grezzo, prodotto in Francia, senza conservanti e particolarmente friabile).

Obesità infantile, le patate migliorano la dieta del bambino

L’obesità infantile dilaga all’estero come in Italia. Inutile guardare i nostri bambini con occhio compassionevole e dire: “E’ cicciottello, ma da grande si snellirà”. Sappiamo bene che non funziona così: i bambini devono seguire una dieta precisa fin da piccoli, mangiando anche le verdure. Uno studio,  finanziato dalla United States Potato Board, è stato presentato nel corso della Federation of American Societies for Experimental Biology (FASEB) Conference, e ha evidenziato che le patate, nella dieta di bambini e ragazzi, non scalzano le altre verdure.

Ma c’è di più dalla ricerca è anche emerso che un’alimentazione che prevede la presenza delle patate a pasta bianca (non fritte) contiene in media quantità maggiori di verdure ed è caratterizzata da livelli più elevati di potassio, fibre e vitamina C.