5 alimenti che aiutano a sconfiggere la cellulite

La cellulite è il nemico numero uno delle gambe delle donne e in estate, purtroppo, l’emergenza buccia d’arancia è molto più di un’esigenza, è un vero problema. Come sapete la lotta a questo inestetismo va combattuta su più fronti: estetico, sportivo e alimentare. Ecco 5 cibi che possono migliorare la salute del nostro lato B.

La dieta turbo per superare la prova costume

Perdere peso molto velocemente, arrivare alla prova costume con un girovita da vespa e possibilmente non soffrire mentre si conseguono questi risultati. Non è così facile come si possa credere. Eppure una nuova dieta promette l’esatto opposto. Si tratta della dieta turbo, spiegata nell’omonimo libro da Haylie Pomroy, nutrizionista amata da star del calibro di Jennifer Lopez, Cher, Reese Witherspoon e Robert Downey Jr.

I mirtilli aiutano a conservare il peso forma dopo i pranzi delle feste

Avete esagerato con i pranzi di Natale? È un costume comune praticamente a tutti, ma c’è possibilità di rimediare. Consumate mirtilli, che proteggono da diete troppo grassi. A sostenerlo sono il Mykkänen OT e colleghi che hanno analizzato su modello animale gli effetti di una dieta ricca di grassi, protratta per tre mesi.

  

Bollire i frutti di bosco congelati protegge dal rischio epatite A

I frutti di bosco sono un prodotto molto importante, perché ricchi di vitamine e di antiossidanti. È scoppiato quest’anno, però, lo scandalo dei surgelati che sembrano essere stati contagiati dal virus dell’epatite A, perché purtroppo contaminanti in fase di conservazione. Il ministero della Salute ha quindi diffuso una raccomandazione: consumare i frutti di bosco surgelati solo ed esclusivamente dopo la cottura.

Le calorie e i valori nutrizionali dei mirtilli

Le bacche di mirtillo sono assolutamente deliziose, oltre che ricche di proprietà benefiche. Si tratta di un frutto tipico del sottobosco, che cresce nelle zone di montagna, e anche se fa spesso capolino sui banchi dei supermercati, è ad agosto che inizia la sua raccolta. Tra le diverse specie, i mirtilli neri sono senza dubbio quelli con il maggior numero di virtù benefiche.

Mirtilli, antitumorali e anti-age

I mirtilli sono dei frutti di bosco molto gustosi, di cui le proprietà antiossidanti sono oramai note. Secondo una ricerca dell’Istituto agrario di San Michele all’Adige (Iasma), i mirtilli sono alleati preziosi contro le malattie coronariche e i tumori. Lo studio, è stato diretto dalla dottoressa Urska Vrhovsek e pubblicata da “Journal of food composition and analysis”.

Dimagrire con la dieta “blu”

La dieta blu aiuta a liberarsi dei chili di troppo velocemente con l’aiuto di frutti e succhi di colore blu-violaceo come i mirtilli, le prugne, l’uva nera o il noni, un delizioso frutto esotico da poco introdotto in Europa.

Ricette light: cheesecake ai mirtilli

Il cheescake ai mirtilli, è un dessert goloso, ideale per chi fa sport, ottimo anche come sostituto di un pasto. E’ particolarmente indicato per chi fa attività fisica perché garantisce un apporto di energia da spendere nell’immediato. Inoltre, il cheescake essendo ricco di vitamine B, favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi dal cervello ai muscoli, a tutto vantaggio della performance sportiva.

E per chi non deve allenarsi, il cheescake ai mirtilli è una deliziosa alternativa al pranzo tradizionale, oppure può essere consumato (dimezzando la porzione) come dessert alla fine di pasto molto leggero. In associazione al dolce, potete anche bere del tè bianco o del tè verde, per ridurre l’assorbimento dei grassi.

Fragole e mirtilli combattono l’ipertensione

Non è stagione per una bella macedonia di frutta, ma per i golosi, che non rinunciano alle primizie o semplicemente amano i succhi, c’è una notizia interessante: fragole e mirtilli combatto l’ipertensione. A sostenerlo è uno studio che, realizzato dall’Università dell’East Anglia e di Harvard e pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, ha evidenziato come il consumo di almeno una porzione alla settimana di questi frutti sia relazionabile alla diminuzione fino al 10% di sviluppare ipertensione arteriosa.

Non è la prima volta che parliamo di alimenti che fanno bene alla salute e dovremmo ormai sapere che i flavonoidi, contenuti in diversi vegetali e negli alimenti da essi derivati (dalla frutta fresca al e al vino rosso), e le antocianine, tipiche di fragole e mirtilli, sono devi elisir di benessere.

Latte, se accompagna alcuni alimenti ne riduce il potere antiossidante

Durante gli ultimi anni il latte è stato oggetto di dibattito in ambito scientifico. Molti ricercatori hanno condotto gli studi più disparati sul latte, per constatare se fosse un alimento light, per trovare un alimento che potesse essere una sua alternativa in caso di intolleranze al lattosio, ecc. Ultimamente ad essere oggetto di studio è stato il comportamento del latte quando è accompagnato da altri alimenti ad alto potere antiossidante, ad esempio il tè verde e il tè nero, il cioccolato e i mirtilli.

Sembra proprio che il latte azzeri completamente la capacità di impedire l’ossidazione di queste sostanze. La sperimentazione, condotta sull’uomo da un gruppo di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, meglio noto con l’acronimo Inran, è stata presentata alla Fondazione Ettore Majorana di Erice nell’ambito di un workshop internazionale sui tumori in età geriatrica.

Mirtilli e pino, la combinazione vincente per la salute della vista

E’ risaputo che la salute della vista sia importante. Una minaccia, tra le tante, è la pressione oculare che se troppo elevata si trasforma in ipertensione oculare. Tra i possibili disturbi correlati c’è per esempio il glaucoma, una patologia che può portare alla cecità. Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università degli Studi G. d’Annunzio, a Chieti e Pescara, mette in evidenza la proprietà di abbassare la pressione oculare da parte di un mix a base di mirtillo e corteccia di pino marittimo.

I ricercatori italiani, guidati dal professor Robert Steigerwalt, hanno reclutato 79 persone con l’ipertensione oculare ma senza sintomi di perdita della capacità visiva o glaucoma. I partecipanti sono poi stati suddivisi in tre gruppi. Il gruppo A ha ricevuto giornalmente un supplemento a base di 40 mg di Pycnogenol e 80 mg di Mirtoselect; il gruppo B ha ricevuto il collirio Latanoprost e il gruppo C una combinazione di entrambi. Il trattamento è durato 24 settimane.

I cibi antiossidanti: dove possiamo trovarli!

Si è sempre detto che l’ossigenazione del sangue favorisce lo sforzo fisico, che i polmoni sono i responsabili degli scambi gassosi  che permettono di condurre una vita sana, poi, tutto d’un tratto, nel vasto mare degli integratori, delle medicine alternative, del farmaco, atto più a prevenire che a curare, ecco spuntare una pa­rolina diversa: gli antiossidanti. Le ossidazioni cellulari sono delle reazioni chimiche che av­vengono nell’organismo milioni di volte in milioni di cellule: rappre­sentano il prodotto finale di una degradazione, che porta alla for­mazione di radicali liberi, pro­dotti di “scarto” che si formano all’interno delle cellule quando l’ossigeno viene utilizzato nei processi metabolici per produrre energia (ossidazione).

Dal punto di vista biochimico, i radicali liberi sono molecole in­stabili in quanto possiedono un solo elettrone invece di due. Durante il metabolismo cellulare, i radicali liberi prodotti vengono trasformati in perossido di idro­geno (acqua ossigenata), dan­noso per le cellule. Una volta formati, i radicali liberi possono essere resi inattivati dagli antiossidanti che, fornendo l’elettrone mancante, permettono agli enzimi cellulari di tamponare la loro azione dannosa. L’azione distruttiva dei radicali li­beri si evidenzia in particolare nel precoce invecchiamento delle cellule e nell’insorgenza di gravi patologie.

I mirtilli aiutano a proteggere l’intestino

I mirtilli sembrano svolgere un’azione antinfiammatoria si notevole efficacia contro colite ulcerosa e altre infiammazioni dellintestino, oltre ad avere un effetto preventivo nei confronti del cancro al colon-retto. Ad affermarlo è un recente studio condotto da un team di ricercatori della Lund University, in Svezia.

Sembra, infatti, che mangiare mirtilli favorisca il benessere dell’intestino e, inoltre, se i mirtilli vengono consumati insieme allo yogurt o ai probiotici, sembra che ne aumentino le proprietà benefiche per l’organismo. Come affermano la dott.sa Camilla Branning e la dott.sa Asa Hakansson, che sono state a capo di questa ricerca,

“Negli ultimi anni il mondo della ricerca si è reso conto che il buon funzionamento dell’organismo è influenzato in gran parte da ciò che accade nell’intestino crasso”.

Mirtilli, il frutto ideale per chi fa jogging o palestra

I mirtilli possono proteggere i muscoli dai danni dati dall’esercizio fisico e non solo. Gli antiossidanti in essi contenuti, infatti, non solo proteggono dallo stress ossidativo, dai radicali liberi e via discorrendo ma, secondo un nuovo studio condotto da un team di ricercatori neozelandesi, anche dallo stress da esercizio fisico. Pubblicato sulle pagine della rivista Molecular Nutrition & Food Research, lo studio mostra come l’estratto di mirtilli abbia ridotto significativamente i danni alle cellule indotti dall’esercizio fisico intenso.

Il dott. Roger Hurst e i colleghi del New Zealand Institute for Plant and Food Research, hanno esposto fibre muscolo-scheletriche in formazione a composti, concentrazioni di ionoforo del Calcio, che provocassero il tipo di stress indotto dall’esercizio fisico, e stress ossidativo, dato dal perossido d’idrogeno. Allo stesso tempo le fibre muscolari sono state esposte a varie concentrazioni di estratti di frutta.