Per perdere peso dopo le feste basta fare regolarmente l’amore

Si sono concluse le feste e il primo segnale è proprio la bilancia a darlo. Come minimo segna 1 o 2 chili di troppo e sanno di Panettone, pranzi con amici e parenti, torrone e dolciumi della tradizione. Come sempre in questo periodo, si moltiplicano le diete per tornare in forma. Ecco oggi abbiamo deciso di parlare di una nuova ricerca, firmata dagli scienziati dell’Università del Québec, in Canada, che sostiene che per dimagrare sia molto importante essere attivi sessualmente.

 

Read more

La dieta per perdere i chili presi durante le feste

Perdere i chili presi durante le feste di Natale ed essere in forma per l’estate; questi sono decisamente i buoni propositi più popolari per l’anno nuovo. Soprattutto se durante le feste si è esagerato un po’ con il cibo. Ogni anno ci ripromettiamo di non eccedere e, invece, alla fine delle festività ci ritroviamo alle prese con i chili accumulati con i pranzi e le cene con parenti e amici. Come rimettersi in forma, dunque? La parole d’ordine dovranno essere moderazione e attività fisica.

Read more

La dieta per perdere i chili accumulati durante le feste

Ora che le feste di Natale sono finite è arrivato il momento di rimettersi in riga con l’alimentazione e dire basta agli eccessi di questi giorni. Per non portarsi troppo in là quel paio di chiletti accumulati è bene iniziare a intervenire già da adesso con una dieta mirata. Secondo gli esperti, a far salire l’ago della bilancia in questi giorni non sono state solo le calorie in eccesso ma anche la ritenzione idrica dovuta a un abuso di zucchero, carboidrati e sale.

Read more

Cosa fare per eliminare i chili del dopo feste

Prima delle feste e dei grandi pranzi e cenoni di fine anno i nostri buoni propositi per non prendere chili erano tanti ma qualcosa evidentemente non ha funzionato. Tra le cause del fallimento delle diete durante le feste abbiamo diversi elementi quali per esempio: eliminazione dalle nostre tavole di frutta e verdure fresche che sono state sostituite da frutta secca e salumi, ridotto consumo di acqua a favore di alcolici e bevande gassate, sospensione di tisane digestive e consumo di amari altamente calorici, ecc.

Un altro aspetto che ha inciso fortemente sulla perdita della linea è l’assenza di attività fisica, quest’ultima spazzata via da poche “attività sportive” quali zapping in poltrona, giochi con carte, lenta e faticosa passeggiata verso i cassonetti della spazzatura o, nelle situazioni più faticose, passeggiata con il proprio cane che trascina a forza per le vie cittadine! Insomma un costante e regolare accumulo di chili che costringe, nel dopo feste, a trattenere il respiro per entrare in stretti pantaloni. 

Se aggiungiamo che è tempo di saldi, occasione buona per rinnovare il nostro guardaroba, l’immagine che si presenta ai nostri occhi non è di certo confortante. Non è tempo ormai per i sensi di colpa o per frasi del tipo “alle prossime feste non ingrasserò!” ma è tempo per rimboccarsi le maniche e iniziare la dieta perchè, se è vero che l’estate è lontana, è altrettanto vero che per rimettersi in forma non basta pensarci troppo ma è necessario agire e farlo nel modo più corretto e salutare possibile.

Read more

La dieta post cenone conquista un milione di donne

È scattata l’ora X, quella della dieta. Ventiquattro ore dopo il cenone di Capodanno, la maggior parte delle persone pensa a come smaltire i chili di troppo. I sensi di colpa la fanno da padrone, anche se i dolciumi della Befana dall’altra parte strizzano l’occhio. Secondo una ricerca, commissionata da Starbene, le donne sono quelle che più si lasciano prendere dalla smania della dieta riparatrice. Il 40% delle signore, tra i 35 e i 44, pensa di applicare un regime alimentare fai-da-te, informandosi su riviste.

Le persone che non seguono una dieta durante l’anno, nel 60% decide di improvvisarsi proprio dopo le feste di Natale: l’86% di donne che dichiara che le abitudini alimentari della famiglia rimangono “invariate”. A cercare un rapporto più sereno con la bilancia risultano essere le donne più impegnate nella professione e con titolo di studio più elevato (il record è nel Nord Ovest con il 63%).

Read more