Osservatorio Inhes per monitorare la dieta e gli stili di vita degli italiani

di Mariposa Commenta

Studiare le scelte alimentari degli italiani, capire come queste influenzano la salute e lo stile di vita. Da oggi è possibile perché è nato un nuovo strumento: l’Osservatorio Inhes (Italian Nutrition & Health Survey), un nuovo osservatorio epidemiologico sulla dieta e gli stili di vita della popolazione. È stato creato dagli esperti dell’Università Cattolica di Campobasso. Lo scopo principale è quello di capire se gli italiani sono in linea con il Modello Alimentare Mediterraneo.

Come sappiamo la dieta Mediterranea è stata dichiara patrimonio dell’Unesco, però in molte occasioni è stato anche detto che l’alimentazione dei nostri concittadini è diventata troppo proteica, mettendo in pericolo tutte le qualità che invece comporta una dieta ricca di frutta e verdura. Inhes ha focalizzato la sua attenzione sull’analisi del comportamento alimentare degli italiani (dettagliato per luogo e per età) per aiutare le persone con indicazioni realmente efficaci.

Che cosa è stato scoperto? In Italia, il 34,2% delle persone è in sovrappeso e il 9,8% è obeso. Un problema che tocca profondamente anche l’infanzia, quasi 1 bambino su 3 tra i 6 e gli 11 anni (oltre 1.100.000) ha problemi legati al Body Mass Index (Indice di massa corporea in italiano) e al giro vita. Un significativo aumento nell’incidenza di sindrome metabolica, patologie cardiovascolari e tumori è la conseguenza neppure troppo indiretta di questa situazione.

Andrea Ghiselli, Dirigente di Ricerca e Direttore Programma “Educazione e Comunicazione” dell’Istituto Nazionale Ricerca Alimenti e Nutrizione – INRAN, ha dichiarato:

L’alimentazione ha un ruolo importantissimo nel preservare la salute delle persone. Tuttavia, gli italiani, come altre popolazioni europee, si stanno sempre più allontanando dal tradizionale Modello Alimentare Mediterraneo a favore di abitudini e scelte alimentari tipiche delle società occidentali che, insieme alla sedentarietà, sono responsabili di un sempre più marcato aumento di eccedenza ponderale. Siamo preoccupati soprattutto per i giovani, che seguendo modelli e mode poco equilibrate rischiano di disperdere in breve tempo quel “bonus” protettivo lasciato in eredità dai nonni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>