Estate e Metabolismo: i 7 errori da evitare a tavola

di Daniela Commenta

 Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio Nestlè-Fondazione ADI il 93% degli italiani riconosce l’importanza di un’alimentazione varia ed equilibrata, ma ben il 32% ammette di tenere sotto controllo il peso solo in alcuni periodi dell’anno, ovvero dopo le feste e in vista della prova costume. Eppure, spiegano gli esperti dell’Osservatorio, l’estate sarebbe il momento ideale per migliorare il proprio stato di salute fisica e mentale e, a questo proposito hanno stilato un decalogo per tenersi in forma e riattivare il metabolismo evitando gli errori tipici estivi.

Gli studiosi dell’Osservatorio, infatti, spiegano che la stagione estiva ci offre molte primizie tra le quali scegliere, come frutta e verdura, ma anche piatti freddi e spremute in grado di assicurarci sali minerali e vitamine, con in più la possibilità di variare spesso potendo scegliere tra insalate di farro, cetrioli e pomodori e insalate di pasta e di riso.

Gli esperti sottolineano l’importanza del variare alimentazione per aiutare il metabolismo, ma anche del mantenere uno stile di vita sano e attivo; essenziale anche consumare almeno due litri di acqua al giorno per reintegrare i liquidi persi con il sudore, e consumare da tre a cinque porzioni di frutta e verdura al giorno.

Oltre a variare spesso i cibi, gli esperti raccomandano di non cadere in alcuni errori tipici delle vacanze: sette errori da evitare per non far salire l’ago della bilancia durante l’estate.

Estate e Metabolismo: i 7 errori da evitare a tavola

  • Voglia di allegria e di leggerezza. L’estate è la stagione nella quale tendiamo a lasciarci andare dimenticandoci delle sane abitudini alimentari, come ad esempio la colazione: non dimenticate mai la prima colazione, che deve essere abbondante, non saltante il pranzo e per la cena preferite pietanze leggere; non dimenticate neanche due spuntini accanto ai tre pasti principali che vi aiuteranno a riattivare il metabolismo.
  • Le insalate salva-linea. Con il caldo la voglia di cibi freschi si fa più impellente e, in questo senso le insalate sono un tocca sana; attenzione però agli abbinamenti che potrebbero far diventare un piatto dietetico in una bomba calorica. Attenzione anche ai condimenti, quindi no alle salse e all’uso eccessivo di olio e di sale, meglio sostituirli con l’aceto, il succo di limone, spezie ed erbe aromatiche.

 

  • Necessità di rinfrescarsi. Il caldo fa aumentare la voglia di bere, ma attenzione a quello che assumiamo: sì ad acqua e a bevande analcoliche non zuccherate, mentre attenzione alle bibite gassate e ai superalcolici. Bene anche porzioni di frutta che dissetano e ristorano senza eccedere con le calorie.
  • L’happy hour. D’estate il rito dell’happy hour sembra irrinunciabile: va benissimo, ma attenzione alle calorie; preferite un calice di vino a un cocktail e a spiedini di frutta e crudités al posto di salatini e patatine.
  • Il ristorante. D’estate la voglia di cucinare viene meno, ma attenzione a ricorrere sempre al ristorante, sia per la linea che per il portafoglio; attenzione, quindi agli antipasti troppo calorici e ai piatti troppo farciti, meglio scegliere un unico piatto principale che contenga tutti i nutrienti accompagnato da una bella porzione di verdura.
  • Il gelato. Non c’è estate senza gelato, giusto, ma attenzione a non cedere alla tentazione di concedersi una coppa o un cono tutte le sere dopo cena, meglio preferire altri momenti della giornata per godersi un buon gelato, come lo spuntino del pomeriggio o in alternativa al pranzo accompagnato da frutta fresca. Prediligete i gusti alla frutta e attenzione all’aggiunta di panna montata.
  • Attività fisica. È vero che le vacanze sono sinonimo di relax, ma l’attività fisica non dovrebbe mai mancare: basta anche solo una passeggiata in riva al mare, una bella nuotata o una camminata in mezzo alla natura.

 

[Fonte]

 

Photo Credit | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>