Metabolismo, quali sono i fattori che lo influenzano e come accelerarlo

di Daniela 2

Lo scorso lunedì abbiamo spiegato che cos’è il metabolismo, quali sono i processi che lo compongono e del perché è importante nell’ambito della perdita di peso; oggi, invece, ci occuperemo di individuare i fattori che influenzano il metabolismo e di come fare per accelerarlo.

Quali sono fattori che influenzano il metabolismo?

Come vi avevamo già accennato alla fine del post della scorsa settimana, il metabolismo è influenzato da molti fattori: il peso, l’età, i cambiamenti ormonali, la menopausa, la dieta, la massa muscolare, lo stress, il funzionamento della tiroide, i fattori genetici e la quantità di attività fisica svolta regolarmente: insomma, tutta una serie di fattori che fanno si che il metabolismo sia diverso da una persona all’altra.

Per quanto riguarda la tiroide: questa ghiandola, è importantissima per un corretto funzionamento del metabolismo, infatti, se la tiroide non produce una quantità sufficiente di ormoni, si sviluppa una patologia chiamata ipotiroidismo, la quale rallenta il metabolismo e facilita l’aumento di peso; quando la tiroide lavora troppo, invece, si ha l’ipertiroidismo che, al contrario, provoca una continua perdita di peso nonostante la persona continui ad alimentarsi in maniera normale.

Lo stress influenza il metabolismo: infatti l’organismo, quando  è stressato, non riesce a smaltire il cortisolo, l’ormone che viene prodotto in condizioni di stress mentale o fisico, provocando un calo a livello metabolico.

Anche l’uso di farmaci può influenzare il metabolismo, soprattutto nel caso di quelli a lungo termine come antidepressivi, ansiolitici, antinfiammatori e antistaminici forti.

Le variazioni ormonali, come la menopausa, sono tra le prime cause del cambiamento del metabolismo; già durante la fase della pre-menopausa, infatti, si verifica una diminuzione della produzione di estrogeni e altre sostanze che provocano un calo nell’attività della tiroide con relative anomalie a livello metabolico.

La dieta e l’attività fisica sono due fattori importantissimi per il corretto funzionamento del metabolismo: seguire una dieta sana ed equilibrata e svolgere una costante e leggera attività fisica sono i primi due sistemi per accelerare il metabolismo: se non è possibile intervenire sull’età, la menopausa e i fattori genetici, è almeno possibile lavorare sull’alimentazione e sullo sport.

Come accelerare il metabolismo?

L’aumento del metabolismo è il sogno di molti: ormai tutti sanno che accelerandolo verranno consumate più calorie e di conseguenza si perderà peso; assodato il fatto che alcuni dei fattori che influenzano il metabolismo non sono modificabili, vediamo come intervenire su quelli che si possono controllare, indicandovi qualche metodo per accelerare il metabolismo.

Iniziamo con l’attenzione per l’alimentazione: innanzi tutto non mangiate quando vi capita e nelle quantità che volete; non saltate i pasti: non solo non vi aiuterà a dimagrire, ma vi farà diminuire il metabolismo e vi porterà a mangiare di più in quelli successivi. Cercate di fare 5 pasti al giorno e in piccole quantità: vi aiuterà a non avere sempre fame e a fornire al corpo energie sempre fresche. Non saltate mai la colazione: serve per dare una spinta al metabolismo e a fornire la scorta di energie necessarie per affrontare la giornata.

Aumentate l’assunzione di frutta, verdura e alimenti integrali: eviterete gli sbalzi di glicemia fornendo all’organismo dell’energia bilanciata; bevete il tè verde: molti studi scientifici hanno dimostrato che fa aumentare il metabolismo senza stressare l’organismo come invece fa la caffeina; cercate di mangiare i cibi piccanti: vi faranno sudare e aiutano ad accelerare il metabolismo.

Rimanendo in tema di alimentazione, fate attenzione allo zucchero bianco, considerando che si trova nella maggior parte degli snack e nelle bevande analcoliche; bevete tanta acqua, oltre a combattere la ritenzione idrica, vi libera dalle tossine e fa aumentare il metabolismo, soprattutto se la bevete fredda, in quanto lo stomaco brucia più calorie per riscaldarla e riportarla alla temperatura del corpo.

Passiamo ora ai consigli di carattere generale; cercate di dormire almeno 7-8 ore per notte: diverse ricerche hanno dimostrato come chi dorme poco e male tende ad ingrassare di più; stimolate la vostra massa magra, ossia fate attività fisica: dal cardiofitness ai pesi, passato per il nuoto o anche solo per una semplice passeggiata al parco o al fare le scale al posto di usare l’ascensore, vi permetteranno di rinforzare i muscoli, aumentare il metabolismo e, quindi, bruciare le calorie.

Commenti (2)

  1. l’argomento appena letto l’ho trovato abbastanza interessante,
    è esposto con semplicità , e buona accuratezza.
    Facile da seguire x me che soffro di ipotiroidismo,
    Molto interessante, ne farò buon uso. Grazie

    1. @ Teresa: grazie a te per averci letto! E grazie anche per i complimenti 😉 Continua a seguirci 🙂 A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>