Gelato, quando è amico della linea

di Tippi 2

Capita spesso che, chi segue una dieta dimagrante, rinunci al piacere di gustare un buon gelato, sebbene le calorie siano più o meno quelle di uno spuntino.

Concedersi questo dolce peccato di gola, perciò, non vanifica gli sforzi compiuti per perdere peso, a patto però che venga sostituito e non aggiunto al break di metà mattina o pomeriggio. Chiaramente, non tutti i gelati sono uguali, ce ne sono alcuni, infatti, più ricchi di calorie e altri meno.

Contrariamente a quanto si crede, il gelato, più è cremoso, meno grassi contiene. Fate attenzione, invece, a quelli che in bocca si sciolgono velocemente, soprattutto quando fa molto caldo, è probabile, infatti, che contengano grassi idrogenati, che sono nocivi per la salute poiché aumentano il rischio di malattie cardiovascolari. Anche il gelato allo yogurt ha il suo lato oscuro, non è detto, infatti, che sia più sano e più magro di quello tradizionale. Inoltre, c’è da fare un distinguo tra gelato allo yogurt, che deve contenere almeno il 40% di yogurt, da quelli con lo yogurt, che ne devono avere come minimo il 20%.

La targa di gelato light, spetta però al sorbetto alla frutta, che per essere definito come tale deve essere ottenuto senza aggiunta di grassi e con almeno il 25% di frutta, altrimenti si parla di gelato alla frutta. I semifreddi, ahinoi, sono assolutamente da evitare se siete a dieta. Anche se sono particolarmente cremosi, contengono il 10-20% in più di grassi a causa della presenza di panna tra gli ingredienti.

Sorbetto da fare a casa al kiwi

Ingredienti per 4 persone

  • 4 kiwi ben maturi
  • 100 g di zucchero
  • 1 dl di acqua

Preparazione

Sbucciate i kiwi e frullateli. Fate bollire l’acqua, versate lo zucchero e lasciatelo sciogliere mescolando. Fate raffreddare e aggiungete la polpa di kiwi, mescolando fino a ottenere un composto omogeneo.

Mettete nel congelatore, quindi frullate il composto ancora una volta, lasicandolo nel freezer per un’altra mezz’ora prima di servirlo. In alternativa al kiwi, potete usare 300 g di polpa di melone.

Commenti (2)

  1. Il concetto se è buono fa male non è sempre vero, una non esclude l’altra quindi perché privarsi di cibi piacevoli?

    1. @Alessio: ben detto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>