Kylates, il segreto per avere dei glutei sodi

di Tippi Commenta

Si chiama Kylates, ed è l’ultima frontiera del fitness per rassodare i glutei. Il nome lascerebbe pensare ad una “parentela” con il pilates, ma si tratta di tutt’altro. Lo scopo di questa disciplina, infatti, messa a punto da Ky Evans, istruttore di fitness, è quello di scolpire i glutei, tonificando nello stesso tempo anche le gambe e gli addominali.

In realtà, si tratta di esercizi molto semplici, ma efficaci, perché vengono praticati tutti in sequenza, ma in modo lento, controllato e soprattutto senza fare alcuna pausa tra un movimento e l’altro. E’ proprio la contrazione muscolare costante, infatti, che permette di bruciare i grassi e di tonificare i muscoli. Inoltre, la lentezza con cui si effettuano i movimenti, consente di esercitare un controllo maggiore dell’esercizio, migliorando così la sua efficacia.

Il kylates, perciò, reinterpreta movimenti già noti e praticati, ma da svolgere molto lentamente. Ad esempio, gli squat, vengono eseguiti per 3 minuti controllando la contrazione di tutti i muscoli coinvolti, in particolare glutei e quadricipiti femorali. I calci laterali si eseguono per 2 minuti, allenando la fascia addominale e i glutei. Sono previsti anche altri esercizi che coinvolgono le gambe, sempre per pochi minuti, ma con la massima lentezza e il massimo controllo, così come per gli addominali. Una volta finito il ciclo, si ricomincia.

Insomma, il Kylates promette di rassodare i glutei, ma anche le gambe e gli addominali, proprio quello che serve per affrontare al meglio la tanto temuta prova costume, oramai alle porte. Chiaramente, bisogna sempre far attenzione anche all’alimentazione, in modo che gli sforzi in palestra non vengano vanificati. Chi pratica sport, infatti, ha bisogno di un certo apporto calorico necessario a soddisfare l’attività muscolare, che varia anche a seconda del sesso, dell’età, dell’intensità e durata dello sforzo sostenuto. I carboidrati, perciò non devono assolutamente mancare, così come le proteine e i lipidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>