Le diete dimagranti più seguite nel 2011

di Daniela Commenta

La fine e l’inizio dell’anno portano gli inevitabili bilanci e propositi per l’anno nuovo, oltre alle immancabili classifiche del meglio e del peggio dei dodici mesi appena trascorsi; questo naturalmente vale anche per la forma fisica e per le diete, soprattutto in questo periodo in cui ci sentiamo un po’ fuori forma per colpa degli stravizi del cenone di Capodanno e del periodo Natalizio. Forse, allora, vi potrà essere utile sapere quale sono le diete che sono state più di tendenza nel 2011 e magari vi potranno aiutare anche a perdere quei chiletti in più accumulati durante le feste.

Le diete dimagranti più seguite del 2011 sono sostanzialmente tre: la dieta Dukan, la sempreverde dieta Zona e la “ritrovata” dieta detox.

La dieta Dukan

La dieta Dukan è stata senz’altro la dieta più in voga dello scorso 2011: basti pensare che, oltre alle star nostrane e di Hollywood, è stata seguita anche da Kate Middleton, la neo sposa del principe William d’Inghilterra. La dieta Dukan è stata creata dal nutrizionista francese Pierre Dukan ed è caratterizzata dall’elevato consumo di proteine che avrebbero il doppio vantaggio di far diminuire l’appetito e di accelerare il metabolismo, permettendo di perdere peso senza intaccare la massa magra.

Ovviamente, essendo un regime alimentare iper proteico si perde peso velocemente ma non senza creare degli squilibri a livello nutrizionale per la mancanza di sali minerali, fibre e carboidrati, che possono causare stipsi, nausea e mal di testa; inoltre possono verificarsi casi di alitosi, gambe  pesanti e irregolarità del ciclo mestruale. La dieta Dukan, come tutte le diete, affinché abbia realmente successo deve essere affiancata ad una costante attività fisica anche leggera; infine, per non incorrere nei disturbi sopra elencati, non dimenticate di assumere durante la dieta anche degli integratori di supporto.

La dieta Zona

Anche nello scorso 2011 la dieta Zona si è confermata uno dei regimi alimentari dietetici più seguiti del mondo; ideata dal biochimico statunitense Barry Sears, la dieta Zona non si basa sul calcolo delle calorie bensì sulla modulazione degli ormoni attraverso l’alimentazione; la Zona da cui prende il nome questo regime alimentare sono i livelli di insulina che, se mantenuti entro certi valori e limiti, è possibile perdere peso in modo duraturo.

Il controllo dei livelli di insulina viene effettuato tramite l’alimentazione, consumando ad ogni pasto la giusta combinazione di cibi, calcolando il le proteine necessarie e i carboidrati in modo da non scatenare un picco d’insulina, responsabile, secondo Sears responsabile dell’aumento di peso.

La dieta detox

Alla base della dieta detox c’è la disintossicazione, o meglio la filosofia salutistica di origini molto antiche chiamata Detoxification, che prevede l’assoluta assenza di carne per due o tre settimane. I principi della dieta detox sono essenzialmente quattro: niente carne, insaccati e formaggi a favore di frutta e verdura, assunzione di almeno 30 g. di fibra al giorno, predilezione di cibi e cotture leggere e consumo di soli acqua, the e tisane. Seguita per un massimo di tre settimane, due sono quelle consigliate, la dieta detox permetterebbe di disintossicare l’organismo e di smaltire le tossine presenti.

Una dieta apparentemente facile e veloce che però è stata recentemente criticata dal professor David Bender dell’University College of London secondo il quale la Detox sarebbe una dieta poco credibile e sicura, in quanto si basa sul fatto che le tossine accumulate sarebbero causa di aumento di peso e metabolismo lento considerazioni che, secondo il professor Bender, non avrebbero alcun fondamento scientifico appurato. Alla dieta Detox il professor Bender oppone un stile alimentare sano ed equilibrato, affiancata da leggera e costante attività fisica perché, sostiene il medico, se aumentiamo di peso vuol dire che c’è qualcosa di sbagliato nel modo nel quale mangiamo.

 

Photo Credit: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>