La dieta per rimanere incinta

di Redazione Commenta

Avere un bambino può essere un “lavoro” faticoso: test dell’ovulazione, controlli medici, orari stabiliti per i rapporti e molto altro. In questa corsa al concepimento spesso gli aspiranti genitori non sanno quanto sia importante l’alimentazione. La dieta stimola la fertilità sia nelle donne sia negli uomini.

Quando si decide di allargare la famiglia, la prima cosa che ci si sente dire è: “Deve cambiare stile di vita”. Che cosa vuol dire? Ovviamente cercare di stressarsi meno, condurre una routine regolare, fatta di orari stabiliti, momenti di riposo e ovviamente una dieta equilibrata. Purtroppo non tutte le coppie hanno la fortuna di ricevere la lieta notizia subito. Cercare una gravidanza può essere, infatti, fonte di stress e di insoddisfazione, non solo per la donna. Le signore si possono demoralizzare davanti a un test negativo, per esempio, ma non hanno alcun problema ad avere rapporti forzati, mentre gli uomini possono incorre in un disturbo chiamato stress da accoppiamento.

Questo piccolo problema non solo può pregiudicare l’arrivo di un pupo, ma può rivelarsi pericoloso per la sopravvivenza stessa del rapporto di coppia. Durante il congresso della Federazione Europea di Sessuologia di Madrid, sono stati portati come esempio i numeri di uno studio condotto dai ricercatori dell’Università Federico II di Napoli, guidati dall’urologo Fabrizio Iacono. È emerso che questo stress può essere combattuto con sostanze naturali. Quali sono? La tradamixina, sostanza composta da un’alga (Ecklonia Bicyclis), la pianta Tribulus Terrestris e una sostanza animale, presente nel guscio di granchi e gamberi Glucosamina.

Lo studio si è concluso dimostrando che gli uomini che hanno assunto queste sostanze hanno migliorato la qualità dello sperma e delle performance sessuali e le donne sono rimaste incinta.  Esistono poi altre sostanze molto utili al concepimento come la vitamina B12, che favorisce il numero e la mobilità degli spermatozoi. Si può assumere consumando carne bovina, uova, latte e frutti di mare, e in particolare il fegato di manzo. Sono importanti anche lo zinco, essenziale per avere un adeguato numero di spermatozoi sani (in questo caso consumate manzo, maiale, agnello, tacchino, polpa di granchio, salmone, pollo, ostriche e aragoste), i semi di girasole e i semi di zucca, la vitamina C e il coenzima Q10.

 

Photo Credit| ThinkStock

 

[Fonte]

 

Offerte e promozioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>