Le bibite zuccherate non fanno ingrassare

di Daniela 1

Sulle bibite zuccherate c’è da sempre una grande varietà di opinioni: c’è chi dice che facciano ingrassare e chi, invece, sostiene che non siano dannose per la linea. Fino ad oggi, l’unica cosa certa era che fossero in grado di ridurre lo stress grazie alla presenza del glucosio che aiuta a gestire le situazioni stressanti; ora, grazie alla ricerca condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università Queen Margaret di Edimburgo, pubblicata sulla rivista “Appetite“, si può dire che le bibite zuccherate non fanno ingrassare.

Lo studio è stato condotto con l’ausilio di 53 donne di età compresa tra i 20 e i 55 anni, tutte in sovrappeso, le quali sono state monitorate per cinque settimane, una di base e quattro di test vero e proprio; le pazienti sono state divise in due gruppi e sono state offerte loro quattro bottigliette al giorno di bevande zuccherate o dolcificate con aspartame. Nel periodo dello studio, le donne dovevano tenere un diario nel quale annotare i loro stati d’animo dopo che avevamo bevuto le bevande.

Durante le cinque settimane di ricerca, inoltre, le pazienti dovevano praticare un po’ di esercizio fisico e seguire una dieta. A prescindere dal fatto che al termine dello studio alcune donne avessero preso o perso peso, questi cambiamenti non sembrano imputabili alla presenza di saccarosio.

Secondo i ricercatori, il dato che emerge da questo studio è ancora la convinzione psicologica che le bibite zuccherate facciano ingrassare.

Ecco quello che hanno dichiarato gli esperti in proposito:

Le cause principali degli effetti negativi dello zucchero sulle scelte alimentari e l’umore, può essere psicologica. La pubblicità diffusa circa i presunti effetti nocivi dello zucchero può rendere più probabili tali effetti, credendo lo zucchero essere nocivo può incoraggiare le emozioni negative dopo aver mangiato pasti zuccherati e condurre a un effetto da violazione dell’astinenza.

E a proposito degli effetti dello zucchero sulla linea, hanno spiegato:

Lo zucchero assunto con moderazione ha un ruolo neutrale nella dieta equilibrata, ma un ruolo emotivamente carico nella psicologia della scelta degli alimenti.

Commenti (1)

  1. Hum … giusto a proposito della varieta’ di opinioni a riguardo del titolo : )
    considero i carboidrati e gli zuccheri raffinati come “il primo grande nemico” tra tutti gli alimenti nocivi di cui l’essere umano puo’ nutrirsi …

    Se nell’ambito del gruppo di controllo durante il test e’ stato usato l’aspartame o qualche altro dolcificante ipocalorico artificiale non mi stupisce che non siano stati riscontrati risultati evidenti … credo che l’esito del test sarebbe stato molto diverso magari impiegando qualche alternativa piu’ naturale come ad esempio la Stevia (http://it.wikipedia.org/wiki/Stevia) o il miele (in piccole dosi).

    Concordo pienamente sul fatto che lo zucchero abbia un ruolo emotivamente carico nella psicologia della scelta degli alimenti e a proposito, su questo argomento, ho scritto di recente un e-book in pdf dal titolo “I cibi che uccidono” scaricabile gratuitamente dal mio blog.

    Saluti e buon ferragosto : )
    Fabio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>