Capsaicina e i benefici per l’organismo

La capsaicina non è solamente il principio attivo che tutti sappiamo dà sapore al peperoncino. È anche una sostanza molto importante per il nostro organismo.

Le proprietà della capsaicina

Possiamo considerare la capsaicina come un alleato della nostra salute. E, pure immaginando le smorfie di coloro che non amano il piccante, dobbiamo sottolineare come questo elemento sia tra i principi attivi più salutari per il nostro corpo.

Ciò che spesso non emerge infatti è che la capsaicina possegga proprietà analgesiche e antinfiammatorie e che, soprattutto per quel che riguarda il dolore muscolare cronico e l’artrosi, può essere utilizzata nel trattamento del dolore. Possiamo fare l’esempio degli Stati Uniti dove la Food and Drug Administration ha approvato le creme alla capsaicina come trattamento topico antinfiammatorio e analgesico.

Tra le altre patologie sulle quali la capsaicina sembra avere un ottimo effetto vi è il dolore lombare. Il principio attivo infatti capace di desensibilizza tre le cellule nervose che trasportano i segnali dolorosi nell’organismo. Possiamo inoltre ricordare che i cerotti alla capsaicina vengono prescritti spesso per curare il dolore dato dalla neuropatia periferica diabetica.

Uno studio dedicato è stato in grado di dimostrare che il dolore può essere ridotto significativamente in 30 minuti da questi cerotti. Questo principio attivo può essere utilizzato, inoltre, anche per la gestione dei dolori della cefalea e della psoriasi.

Valida anche in ambito sportivo

La capsaicina apporta benefici anche in ambito sportivo, dato che è in grado di migliorare la resistenza muscolare. Questo effetto è dato dall’azione che ha sui recettori impegnati nel rilascio di calcio nel muscolo. Un recente studio ha infatti dimostrato come questo principio sia in grado di ammorbidire questo calo del calcio.

Sebbene inizino a esservi prove che questa sostanza sia in grado di aiutare anche a regolare la pressione sanguigna, è importante non esagerare nel suo utilizzo. Sembrerebbe essere infatti in grado, in quantità eccessive, di alzare i livelli di colesterolo cattivo. Allo stesso tempo però dobbiamo sottolineare che alimenti come il peperoncino vengono considerati stimolanti del metabolismo perché tendono a farci consumare più calorie, alzare la temperatura corporea e a contenere l’appetito. Ma attenzione: anche qui bisogna stare attenti alle quantità, dato che un consumo esagerato di peperoncino sarebbe associato a un rischio di obesità.

Insomma, i benefici possono essere diversi. Ma allo stesso tempo bisogna fare attenzione a non esagerare con le dosi sia per evitare conseguenze negative sia per proteggere al meglio l’apparato gastrointestinale che potrebbe imbattersi in spiacevoli problematiche. Come sempre, in tutto, ci vuole una giusta misura.

Dieta monopiatto, fa bene?

La dieta monopiatto fa bene? E questa la domanda che si stanno ponendo un po’ tutti da quando questa tendenza a mangiare solo un alimento sta diventando la più diffusa a livello alimentare.

Cosa è la dieta monopiatto

Chiamata anche dieta monotropica questo regime alimentare, in pratica, ruota attorno al consumo di una sola tipologia di cibo. La ragione? Favorire la perdita di peso. Già questo sarebbe il primo punto da contestare, avendo alla mano i primi dati relativi a questo approccio al cibo. Perché effettivamente qualche chilo si perde, ma potrebbe trattarsi di un calo temporaneo e sul lungo periodo non così salutare come sembra.

Non è un caso che nutrizionisti e dietologi sconsigliano la dieta monopiatto. E la motivazione sta nel fatto che una dieta salutare e quella bilanciata e variegata. Se non si cambiano alimenti il rischio è quello di in incombere in carenze che possono causare danni al nostro organismo punto e questo vale sia per i macronutrienti come le proteine, carboidrati e i grassi sia per i micronutrienti come le vitamine e i sali minerali.

Tra l’altro a peggiorare la situazione vi è la tipologia di alimento scelto per questo regime. Prendiamo ad esempio una dieta basata su solo uova o una su solo yogurt. Il rischio è quello di trovarsi a gestire un’alimentazione con troppi grassi o con troppe proteine. E va da sé che tutto questo sia tutt’altro che salubre anche nel breve termine. Soprattutto calcolando che nella dieta monopiatto teoricamente si dovrebbe rimanere concentrati su un solo alimento per giorni se non per settimane.

Perché fa perdere peso

Di solito gli alimenti scelti sono le patate, le banane e per l’appunto le uova. Tra le altre cose parliamo di una dieta eccessivamente restrittiva che non tiene conto della necessità di consumare cibi contenenti macronutrienti e micronutrienti fondamentali, per il funzionamento del corpo.

Perché c’è gente che dice che si perde peso quindi? Semplice. Perché stancandosi la gente tenderà a mangiare di meno e quindi ad andare in deficit calorico. Senza contare che limitare la varietà in questo modo potrebbe portare a sviluppare un eccessivo desiderio di altro conducente a un eccesso di consumo successivo.

È evidente che la dieta monopiatto non sia adatta né per dimagrire né per stare bene punto l’organismo ha bisogno di proteine, carboidrati, grassi buoni, fibre, vitamine e sali minerali. E per tale motivo che si tende a seguire un regime alimentare variegato e composto da alimenti sani. Non solo per stare bene e funzionare bene ma anche, sotto il controllo medico, per perdere peso.

Acqua, quanta berne contro la pelle secca

Quanta acqua bere per contrastare la pelle secca? Concentriamoci per una volta sull’aspetto estetico e non su quello nutrizionale per ciò che riguarda questo fluido tanto importante per la nostra salute.

acqua sali minerali

L’acqua è importantissima per la nostra pelle

L’acqua è un elemento che aiuta il corretto funzionamento del nostro organismo e ci consente di affrontare tutta una serie di problematiche o questioni inerenti il nostro corpo. Quando si tratta di avere a che fare con la pelle secca come dobbiamo comportarci?

Partiamo da un presupposto: lo strato superficiale della pelle o epidermide ha come funzione principale quella di trattenere l’acqua all’interno dell’organismo. E sono molte le persone che anche a causa degli agenti atmosferici, soffrono di pelle secca. Certo, esistono delle creme da poter spalmare per aiutare la pelle a non ferirsi.

Generalmente però, per tentare di risolvere il problema, dovremmo tentare un approccio più ampio, coinvolgente anche l’alimentazione e l’idratazione. Se c’è una cosa che viene ripetuta da tutti gli esperti è che consumare la giusta quantità d’acqua può aiutare a mantenere anche la salute della pelle al top. Non dobbiamo essere scettici da questo punto di vista.

Quanto dobbiamo bere

Dobbiamo però scoprire quali sono le quantità d’acqua che dobbiamo bere per poter contrastare la pelle secca e mantenerla adeguatamente idratata. Una pelle in buona salute consente di evitare inestetismi e protegge il nostro corpo.

La pelle secca e qualcosa spesso dipendente in prima istanza dalla genetica. E, in seconda istanza, proprio dall’idratazione. Quando ci viene suggerito di bere un litro e mezzo di acqua al giorno non è solo per il corretto funzionamento dei reni. Tutto ciò contribuisce anche alla salute dell’epidermide, il cui buono stato di salute ha un’influenza generale sul benessere dell’intero organismo.

Quando questo è idratato, ovviamente anche la pelle è idratata. La quantità minima di acqua che ci consigliano di bere serve per mantenere all’interno dello strato inferiore della pelle ovvero il derma, il tono della cute. Questo farà in modo di mantenere al suo interno le giuste dosi di elastina e collagene: due proteine in grado di contrastare l’invecchiamento della pelle.

Non dobbiamo dimenticare poi che la pelle è il nostro scudo contro gli agenti esterni. E proprio per via di questi tende a seccarsi con più facilità. Come possiamo aiutarci quindi? Bevendo il necessario, ovvero minimo un litro e mezzo di acqua al giorno. E seguendo una corretta alimentazione per fornire alla pelle tutti i nutrienti capaci di mantenerne alta la salute.

Integratori di Niacina aumentano il rischio di infarto?

Gli integratori di niacina aumentano il rischio di infarto e ictus? E questa la domanda che si è posto uno studio pubblicato su Nature. E la risposta non è delle migliori.

Integratori di niacina non sempre fanno bene

I risultati infatti dimostrerebbero come un eccesso di uso di integratori di niacina potrebbe proprio causare l’aumento di malattie cardiovascolari. Insomma un eccesso di vitamina B3 potrebbe creare problemi all’organismo. Quando si parla di integratori è sempre consigliato consumarli con attenzione, senza esagerare e sotto il controllo medico.

Purtroppo quasi mai questo consiglio viene seguito. E il risultato di tale comportamento, a quanto pare, è alla portata di tutti proprio grazie a questa ricerca condotta dagli studiosi della Cleveland Clinic americana.

Cosa hanno fatto gli scienziati? Hanno identificato il meccanismo molecolare che causerebbe problemi contestualmente all’uso eccessivo di integratori di niacina. Per capire facciamo un piccolo passo indietro però. La niacina è una vitamina idrosolubile, conosciuta anche sotto il nome di vitamina B3, utile per il benessere del nostro corpo. Questa può essere prodotta partendo dal triptofano, uno aminoacido essenziale.

Essa è generalmente presente all’interno di alimenti come il tonno, il salmone, il pesce spada, il fegato di manzo, lievito di birra, le arachidi, gli spinaci e le carni bianche. Ci aiuta a mantenere in buone condizioni la pelle, la circolazione sanguigna ed è fondamentale per la respirazione delle cellule.

Cosa ci dice lo studio

Aiuto anche il nostro sistema nervoso. Ma nel caso in cui si utilizzassero integratori di niacina per ovviare a mancanza alimentari bisogna fare attenzione. Questo perché entra in campo, secondo lo studio pubblicato su Nature, quello che può essere definito paradosso della niacina. Il quale consiste nella sua capacità di abbassare il colesterolo cattivo ma di non abbassare il rischio di eventi cardiovascolari. Questo accade perché, scientificamente, un prodotto di degradazione di questa vitamina favorisce invece l’infiammazione dei vasi sanguigni.

Ovviamente un singolo studio non basta per dare conferme relative al meccanismo di azione della niacina in merito alle malattie cardiovascolari. Sebbene i risultati raccolti dimostrino come chi ne abusava presentava nel sangue un livello elevato di un particolare metabolita correlato allo sviluppo delle malattie cardiovascolari.

Detto ciò, come sempre, è meglio affidarsi a un medico quando si assume qualsiasi tipo di integratore. Anche perché il sovradosaggio di vitamina B3 può dar vita a vampate, diarrea,  dolore alla parte superiore dell’addome, nausea, mal di testa e prurito.

Meglio quindi consumarlo attraverso gli alimenti integrando solo sotto stretto consiglio e monitoraggio medico.

Alternative al pane con meno carboidrati

Quali sono le alternative al pane con meno carboidrati? Sia per assumerne di meno che per seguire una dieta chetogenica potremmo aver bisogno di questo tipo di prodotto. Come possiamo regolarci di conseguenza?

Ecco le principali alternative al pane

Quando si parla di alternative al pane si parla spesso proprio di alimenti keto friendly, ovvero che presentano un basso indice di carboidrati. Io sono un esempio la farina di mandorle, la farina di cocco e diverse farine di semi come quelli di zucca, di Chia, di lino o di girasole. Il pane ottenuto da queste farine può essere anche considerata una buona fonte di fibre.

Senza contare che è possibile prepararli fai da te con semplicità. Fra le alternative al pane più interessanti vi sono senza dubbio le piadine e i wrap cucinati con le farine sopra descritte. Parliamo di alimenti facili da preparare in casa o da acquistare già pronti in negozi specializzati o nei supermercati.

Tra le alternative al pane classico una delle più gustose e il pane nuvola. Semplice da preparare e ancor meno complesso se preparato secondo la variante chetogenica. Gli ingredienti da utilizzare sono 3: lievito, formaggio cremoso o yogurt greco e uova. Si tratta di un alimento molto leggero e arioso che ricorda davvero la consistenza di una nuvola.

Si dividono gli albumi dai tuorli e i primi vengono montati a neve mentre gli altri vengono mescolati con il lievito e il formaggio scelto. Dopodiché il composto con i tuorli viene incorporato delicatamente agli albumi montati a neve cercando di mantenere l’aria all’interno.

L’impasto così ottenuto viene poi porzionato in piccoli panini sulla carta da forno messa sopra una teglia. Infornati intorno ai 180 gradi sono pronti quando appaiono dorati e soffici. Non mancano, tra le alternative al pane, anche i pancake di cavolfiore. Per ottenerli basta triturare finemente il cavolfiore crudo per ottenere una sorta di farina. E poi lavorare il composto come si farebbe per preparare delle frittelline da cuocere in padella.

Attenzione a non creare carenze

È comprensibile, soprattutto all’interno di una dieta chetogenica, voler abbassare la quantità di carboidrati ingeriti. Ma fate attenzione a utilizzare questo approccio sempre sotto consiglio di un medico. Affinché il nostro corpo possa funzionare al meglio c’è bisogno per prima cosa di non creare carenze. E anche i carboidrati sono necessari per il corretto funzionamento del nostro organismo.

Senza contare che per mantenere sano il nostro corpo abbiamo bisogno anche nella giusta dose di fibre. Capaci di mantenere attive e funzionanti la peristalsi e la motilità intestinale.

Trucchi smorza fame, eccoli

Esistono dei trucchi smorza fame per riuscire a mangiare di meno. Di certo non possono essere considerati come una panacea pro dimagrimento, ma possono ad aiutarci ad assumere meno calorie.

Ecco alcuni trucchi smorza fame

Soprattutto dopo aver sgarrato un po’ di più durante le feste, sentiamo il bisogno di rientrare in carreggiata. I trucchi smorza fame che vi stiamo per suggerire possono essere utili sia per un momento di detox che per aiutarvi nel corso di una dieta restrittiva.

Il primo, quasi da dare per scontato, è quello di bere un bicchiere di acqua prima dei pasti. È un modo semplice per attenuare la sensazione di fame e al contempo riempire un po’ lo stomaco. Per la stessa ragione è consigliato iniziare i pasti principali con un brodo o con una zuppa. Si può arrivare addirittura a ridurre le calorie del 20%.

Di conseguenza, più o meno sulla stessa linea, è bene mangiare verdura a ogni pasto. Non solo perché a meno di particolari patologie fanno bene, ma perché le fibre saziano in modo più veloce.

Vi farà ridere, ma tra i trucchi smorza fame vi è quello indossare, soprattutto se mangiate fuori, delle giacche con i bottoni o degli abiti con una cintura. La “costrizione” rappresentata dagli abiti può farci rendere conto se effettivamente stiamo mangiando troppo. È possibile dire che il sentirsi più stretti spinge a rallentare o smettere di mangiare.

Tra i trucchi smorza fame vi è anche quello di consumare dei carboidrati integrali che, grazie alla presenza di fibre, inducono una sazietà maggiore. Allo stesso tempo è possibile preferire degli alimenti, il più salutari possibile, che ci costringano a masticare a lungo come pistacchi, crostacei e agrumi.

Anche i piatti sono importanti

È importante inoltre mangiare sempre dai piatti e mai dai contenitori. In questo caso infatti si rischia di consumare il 50% di cibo in più. Tra i trucchi smorza fame più particolari vi è senza dubbio quello di ascoltare della musica piacevole, abbassando contestualmente le luci. Insieme a quello di utilizzare dei piatti che abbiano colori a contrasto con la pietanza.

Infine, ma non per importanza, un trucco importante è quello di masticare a lungo per aumentare il senso di sazietà.

Questi trucchetti non sono affatto pericolosi, dato che si limitano semplicemente ad aiutare la persona a gestire l’approccio al cibo. Senza effettivamente limitarlo o dare vita a criticità. Ovviamente anche in questo caso c’è bisogno di buon senso. Se si ha il potassio alto bisogna tenersi lontani da alimenti integrali. Se si soffre di diverticoli o di altre patologie a carico dell’intestino bisogna valutare bene l’assunzione di speciali tipi di fibre e di verdure.

Ritornare in forma post feste

Ritornare in forma post feste non deve spaventare. Inutile lasciarsi andare ad allarmismi stupidi e a diete disintossicanti estreme. Diamo al nostro corpo il tempo giusto di riprendersi.

Come ritornare in forma post feste

Dobbiamo sottolineare che come ritornare in forma post feste può anche essere fatto semplicemente tornando a muoverci di più e a mangiare meno dolci. Il fatto che si possano essere fatti un cenone o un pranzo luculliano rispetto alla normale quotidianità non costringe ad affermarsi per i prossimi mesi. Data la tipologia dei piatti mangiati possiamo però immediatamente cercare di tornare in forma post feste consumando più verdura e più frutta rispetto a quello che abbiamo fatto.

Una fetta di panettone non ha mai ucciso nessuno. E e a meno di gravissimi danni raggiunti nel corso delle celebrazioni, non c’è bisogno di seguire per forza un regime restrittivo. Ovviamente in base alle proprie condizioni di salute e in base al proprio percorso alimentare si potrà decidere come gestire questo periodo. Sottolineando però che qualsiasi dieta si voglia intraprendere c’è bisogno del supporto medico.

Sono veramente troppe le persone che per ritornare in forma post feste aprono Internet e cercano improbabili regimi dietetici per perdere 3 o 4 kg in due giorni. La maggior parte di questi non fa altro che far perdere liquidi senza che effettivamente venga intaccata la massa grassa.

E non di rado gli stessi causano all’organismo più danni del necessario, senza portare a veri e propri risultati. Se volete sistemare il vostro organismo nel modo giusto dopo aver fatto qualche strappo alla regola, quello che dovete fare è semplicemente mangiare sano e muovervi di più.

E non dovete preoccuparvi soprattutto se avete seguito il consiglio dei nutrizionisti e dei dietologi di concedervi un po’ di tutto, in piccole porzioni.

Non lottiamo contro il nostro fisico

È importante comprendere che ritornare in forma post feste non debba essere una lotta contro il proprio fisico. Non possiamo costringerlo a raggiungere dei risultati in brevissimo tempo. Soprattutto se siamo ben consci che, anche durante l’anno, il percorso verso la forma fisica voluta è stato più lento e calibrato.

Se si vuole stare bene è importante prima di tutto lavorare sulla propria mente, evitando sensi di colpa inutili. Se si vuole stare bene fisicamente bisogna muoversi, fare attività fisica in base alle proprie esigenze e possibilità.

In questo modo, pian piano, tutto tornerà a posto. E senza eccessivi sforzi. Il consiglio è sempre lo stesso: se volete rimettervi in forma seguendo una dieta chiedete consiglio al vostro medico o a degli esperti. Il fai da te può essere accettabile solo se effettivamente equilibrato.

Semi di zucca e legumi per tornare in forma

Semi di zucca e legumi per tornare in forma? Non dovrebbe stupire date le proprietà nutrizionali di questi due tipi di alimenti. Utili soprattutto se abbiamo voglia di depurarci dagli stravizi. In particolare dopo le feste.

Le proprietà dei semi di zucca

Ci sono dei periodi nei quali si tende a mangiare un po’ più sregolato. I semi di zucca, soprattutto se non salati e consumati semplicemente dopo la tostatura o essiccazione, sono un valido aiuto per la nostra salute. Tra l’altro, essendo la zucca un ortaggio della stagione invernale, con qualche accortezza possiamo ricavare da soli i semi.

Anche perché tostarli non è difficile: bastano un forno a microonde o una padella per qualche minuto. Possiamo inoltre lasciarli asciugare all’aria aperta per 2-3 giorni. L’essiccazione naturale può prendere anche un mese con l’esposizione al sole. Insomma, possiamo fare da soli o acquistarli già pronti.

Perché consumare i semi di zucca? La risposta è nei benefici che questi possono apportare. Per prima cosa sono ricchi di antiossidanti come la Vitamina E e i carotenoidi. Posseggono inoltre molte fibre e micronutrienti come fosforo, magnesio e manganese. Sono inoltre dotati di proprietà antitumorali, antinfiammatorie e antidiabetiche. Essendo allo stesso tempo utili anche per controllare la pressione arteriosa.

Tra l’altro possono essere consumati come snack, all’interno dei lievitati, nelle vellutate e nelle insalate.

Anche i legumi ottimali per stare in salute

Altrettanto importanti, per la nostra salute sono i legumi. Questa fonte proteica vegetale, a meno che non si abbiano particolari patologie, è perfetta per stare in forma. A prescindere dal regime dietetico che si sta seguendo.

Il fatto che esistano diverse tipologie di legumi consente di poter eseguire una selezione variegata, anche in base al gusto. E non parliamo solo dei più conosciuti come i piselli, i fagioli, le lenticchie, i ceci e le fave. Parliamo anche della soia, delle carrube, dei lupini, della cicerchia e delle arachidi.

I legumi sono tra gli alimenti più completi grazie alle loro dosi di minerali, vitamine del gruppo B, fibre, calcio, ferro e zinco e ancora diversi oligoelenenti. Il fatto che contengano poche calorie ma rappresentano una buone dose di energia li classifica senza dubbio degli alimenti di cui non possiamo fare a meno.

Le loro fibre sostengono la motilità intestinale e gli antiossidanti combattono i danni causati dai radicali liberi. Insomma, sia questi che i semi di zucca rappresentano una scelta ottimale dal punto di vista nutrizionale. Sia in condizioni normali, sia se si ha l’intenzione di ripulire il proprio organismo da qualche sgarro in più.

Alimenti energetici a colazione, quali

Quali sono gli alimenti energetici che possiamo consumare a colazione? Non ci stancheremo mai di ripetere che questo pasto è basilare per iniziare al meglio la giornata sotto ogni punto di vista.

Colazione leggera nutriente cosa mangiare

Quali sono gli alimenti energetici migliori

Il nostro organismo ha bisogno di benzina per funzionare. E a partire dalla mattina appena svegli è nostro dovere fare rifornimento nel modo giusto. Soprattutto perché le calorie ingerite dovranno essere sfruttate per funzionare bene durante il giorno. Prediligere alcuni alimenti energetici rispetto ad altri potrebbe rivelarsi la scelta più giusta.

Cosa significa questo? Dobbiamo puntare su quei cibi a basso indice glicemico come le proteine, i grassi sani e i carboidrati complessi. Questi infatti consentono di mantenere l’energia su un livello stabile per almeno 4-5 ore. A differenza di ciò che accade con gli zuccheri di dolci o cereali raffinati.

Questo si traduce prima di tutto con il consumo di frutta tipo le banane. Tra gli alimenti energetici è uno dei migliori perché sono ricche di potassio, ottimale per il fegato e sono un carboidrato a lento rilascio. Combinate con frutta secca ci consentono di consumare una colazione ricca di energia e di fibre. In questo modo ci sentiremo più sazi oltre che più forti. Possono essere aggiunte a porridge d’avena o frullati con altra frutta.

Uova e avocado perfetti per la colazione

ricette con l'avocadone

Tra gli alimenti energetici adatti alla colazione vi sono anche le uova. Non siamo propriamente abituati a consumarle in tal senso in Italia, ma danno alla nostra colazione quella dose di proteine biodisponibili che sazieranno a dovere. Condendo il tutto con quantità di biotina ottimali per unghie e capelli. E’ importante mangiarle intere, in camicia, o strapazzate o ancora in omelette, magari con una fetta di pane integrale e un po’ di verdura.

L’avocado fa parte di quegli alimenti energetici perfetti per iniziare la giornata: fibre, vitamina B e grassi buoni. In questo caso l’energia è assicurata. Soprattutto se unito a una fetta bruschettata di pane saraceno o integrale. Parlando di carboidrati anche i fiocchi d’avena sono perfetti per fare colazione. L’energia che sono in grado di fornire è molto importante. E non causa picchi glicemici. I suoi betaglucani abbassano i livelli di colesterolo cattivo e sono ricchi di calcio, ferro, magnesio e proteine vegetali oltre che di vitamine del gruppo B.

Se vogliamo sfruttare alimenti energetici possiamo aggiungere ai nostri frullati o al nostro oatmeal sia i semi di chia che i mirtilli. I primo sono una fonte incredibile di omega 3, mentre i secondi di antiossidanti capaci di proteggere le nostre cellule.

 

Fragole contro la demenza?

Mangiare fragole quotidianamente nel corso della mezza età rallenta il comparire della demenza? Sembrerebbe questo il risultato di uno studio condotto recentemente dall’Università di Cincinnati.

Perché mangiare fragole fa bene

La ricerca, pubblicata sulla rivista di settore Nutrients, suggerirebbe come mangiare ogni giorno le fragole, dopo cinquant’anni, darebbe modo di combattere l’invecchiamento e la comparsa della demenza. Soprattutto in quelle persone che si trovano in uno stato di prediabete o che presentano resistenza all’insulina.

Come ricorda l’autore principale dello studio Robert Krikorian, sia i mirtilli che le fragole sono ricchi di antiossidanti chiamati antociani, scientificamente coinvolti in una serie di benefici per la salute. Tra di essi vi sono quelli di tipo cognitivo e metabolico. Studiando epidemiologicamente i dati della ricerca è possibile verificare come coloro che mangiano regolarmente le fragole o i mirtilli presentano un invecchiamento e un declino cognitivo più lento.

Lo studio che ha portato a tali considerazioni è basato su un campione piccolo ma abbastanza indicativo. Questo era composto da 30 pazienti di età compresa tra i 50 e i 65 anni in sovrappeso nei quali era possibile notare un lieve declino cognitivo. Per 12 settimane è stato richiesto loro di evitare il consumo di qualsiasi frutto di bosco. Metà di loro ha assunto un integratore alla fragola da mescolare con acqua a colazione, che corrispondeva a una tazza di fragole intere. L’altro gruppo ha assunto un placebo.

Miglioramenti per quel che riguarda la memoria

dieta delle fragole

Tutti i partecipanti sono stati poi sottoposti a un test cognitivo per testare la memoria a lungo termine. Chi aveva consumato la polvere di fragole aveva fatto registrare una diminuzione dell’interferenza della memoria. Questo significa che avevano mostrato un miglioramento complessivo delle capacità esecutive.

Sempre lo stesso gruppo, rispetto a quello placebo, ha mostrato anche una riduzione importante dei sintomi depressivi. Secondo gli esperti questa sarebbe derivata da un miglioramento delle capacità esecutive, capaci di fornire alla persona un maggiore controllo sulle proprie emozioni e un miglioramento del problem solving.

Come già anticipato il campione è molto esiguo sebbene condotto a doppio cieco. Cosa suggerisce però questo? Che le fragole possono fare la differenza nella nostra alimentazione se inserite in un contesto corretto.

Ovviamente al netto di qualsiasi allergia. Questo significa che dobbiamo iniziare a mangiare fragole tutti i giorni? Non proprio. Però ci indica come inserire queste o i mirtilli all’interno della nostra dieta possa darci modo di godere di numerosi benefici da non sottovalutare. E voi quanti frutti di bosco e quante fragole mangiate ogni giorno? Approfittate delle loro dosi di antiossidanti?

Mandorle, cibo immancabile nella nostra dieta

Dobbiamo pensare alle mandorle come  a un cibo immancabile all’interno della nostra dieta. Questi frutti del prunus dulcis sono consumate da secoli e da altrettanto tempo portano benefici alla nostra salute.

I benefici delle mandorle

Le mandorle sono una fonte importante di diverse sostanze nutritive essenziali per il funzionamento del nostro organismo e dovrebbero essere considerate una parte fondamentale della nostra alimentazione di tutti i giorni.

Per capire quanto queste siano importanti basta vedere ciò che contiene una singola porzione di mandorle, pari circa a 28 grammi. Senza dubbio, come quasi tutta la frutta secca, l’apporto calorico è rilevante: parliamo infatti di 160 cal. a porzione. Queste accompagnano circa 6 grammi di proteine e 3,5 grammi di fibre con una dose importante di grassi salutari pari a 14 grammi. Le mandorle rappresentano anche un’ottima fonte di magnesio (circa 19% del fabbisogno giornaliero) calcio e vitamina E.

Insomma, contengono tutta una serie di elementi in grado di sostenerci nell’attività quotidiana. I benefici per la salute poi rappresentano il loro punto forte. Le mandorle sono infatti in grado di offrirci grazie ai grassi insaturi, la possibilità di ridurre il colesterolo LDL nel sangue. Riuscendo così ad avere una maggiore protezione nei confronti delle malattie cardiovascolari.

Tante calorie ma tanti nutrienti

Sono molto caloriche, è vero: ma queste piccole perle di salute ci aiutano anche a favorire il controllo del peso grazie alle fibre e le proteine che aumentano il senso di sazietà. E non solo: diversi studi hanno dimostrato che il consumo di questo alimento consente di regolare i livelli di glucosio nel sangue, mantenendoli più stabili. Una qualità perfetta per tutti coloro che soffrono di diabete di tipo 2.

La vitamina E che contengono non solo riesce a preservare la salute della pelle mantenendola idratata e combattendo l’invecchiamento, ma funziona come un ottimo boost per il sistema immunitario. E per la protezione dai radicali liberi e dai danni che in questi causano.

Le mandorle hanno un pregio molto particolare: quello di poter essere inserite all’interno della dieta senza problemi. Possono essere utilizzate come uno snack sano di metà mattinata ma anche essere inserite nell’insalata una volta tostate. Sotto forma di burro sono un’alternativa ottima al burro di arachidi e per essere usate sul pane tostato. Più generalmente possono essere utilizzati come condimento.

Tutto ciò mostra come le mandorle siano un alimento perfetto da essere inserito in qualsiasi tipo di dieta, a patto ovviamente che vengano consumate con giudizio e facendo attenzione alle quantità. È davvero un peccato rinunciare ai loro benefici.

Cren, cosa è e benefici

Il cren è una pianta conosciuta anche con il nome di barbaforte o rafano tedesco, dal quale si può ottenere una salsa omonima da utilizzare all’interno di qualsiasi dieta.

I benefici del cren

Sebbene non sia molto conosciuta, in realtà parliamo di un vegetale utilizzato spesso anche in Italia, dal quale per l’appunto si ottiene un condimento particolarmente usato nel nordest della penisola. È uno dei cibi piccanti più noti, il cui odore è pungente in maniera molto simile a quella del wasabi.

Il suo consumo può apportare diversi benefici. Prepararla in casa non è difficile sebbene non sia perfetta per l’utilizzo di tutti. Il fatto che venga utilizzata anche della mollica di pane bianco sbriciolata rende questo condimento non utilizzabile dalle persone affette da celiachia.

Ciò che ci interessa, quando parliamo del cren, sono i benefici che può darci sia se utilizzato come ingrediente di preparati per uso esterno sia se consumato. Come ingrediente di preparazioni per uso esterno il cren è ottimo per combattere dermatosi ed herpes anche se può essere irritante per le pelli più sensibili. Le sue proprietà vaso-dilatatorie aiutano ad affrontare i sintomi legati a dolori articolari, alle tendiniti e ai reumatismi.

Il cren come sapore ricorda la senape, ragione per il quale viene utilizzato come sostituto della stessa o del pepe. È in grado di apportare ottimi benefici sia nel combattere le infezioni urinarie anche grazie al suo effetto diuretico e antimicrobico e viene considerato un ottimo vermifugo. Quindi perfetto come rimedio naturale per i vermi intestinali.

È in grado di stimolare la produzione di succhi gastrici e quindi di favorire la digestione. Grazie alle sue qualità espettoranti può essere un ottimo rimedio naturale contro la tosse grassa e la bronchite.

Ecco quando è sconsigliato

È meglio consultare il proprio medico in caso si abbia intenzione di consumarne in quantità importanti. Alcuni studi hanno dimostrato come i glicosidi che lo compongono potrebbero essere di disturbo all’attività della tiroide. Per tale motivo è sconsigliato per coloro affetti da ipotiroidismo.

Lo ripetiamo: si consumato in questo caso una volta ogni tanto e in misura contenuta non rappresenta alcun problema. Sono solo le grandi ripetute quantità che potrebbero ridurre la funzionalità tiroidea. E invece sconsigliato il consumo di questa radice a coloro che soffrono di danni renali ed è suggerito un consumo moderato nelle donne incinte, in quelle che allattano e per i bambini piccoli.

Nonostante le sue importanti capacità va ricordato che può risultare irritante. Per questa ragione è meglio evitare di consumarlo se si soffre di ulcere duodenali o gastriche.

Zucca? Ecco a cosa fa bene

A cosa fa bene la zucca? Questo ortaggio di stagione possiede numerosi benefici per la salute. Scopriamo insieme quali sono. Tra gli alimenti perfetti per la nostra alimentazione, la zucca si pone ai primi posti di una ideale classifica.

Perché mangiare la zucca

E non solo per i suoi effetti che vanno a favore sia della psiche che del corpo. Ma proprio per le sue caratteristiche organiche, che la rendono perfetta per il consumo anche di persone affette da particolari patologie.

Una delle prime cose che possiamo evidenziare della zucca è che si tratta di un alimento ipocalorico, apportando solamente 26 cal su 100 grammi. Le scarse quantità di zuccheri e grassi la rendono perfetta per essere inserita all’interno di regimi ipocalorici o destinati a persone affette da diabete.

La zucca è composta per circa il 90% di acqua ed è molto ricca di fibre. Due qualità che le consentono, tra le altre cose, di aiutare una gestione ottimale del tratto intestinale. Osservando la polpa possiamo dire che il suo arancione riflette le sue quantità di betacarotene, sostanza sfruttata dal nostro organismo per produrre la vitamina A, conosciuta per il sostegno capace di dare alla salute della pelle, della vista e delle mucose.

Le sue quantità di antiossidanti sono utili per prevenire i tumori e per combattere la formazione di radicali liberi. Contestualmente possiede buone quantità di vitamina E, vitamina C, fosforo, potassio, calcio e magnesio. E per tale ragione aiutare l’organismo a combattere il presentarsi di malattie degenerative e lo stress.

Tante proprietà valide per l’organismo

Le sua proprietà diuretiche consentono di approcciare al meglio la ritenzione idrica. La maggior parte delle persone ignora che la zucca è anche un’ottima fonte di omega 3. Questi grassi favoriscono la salute del sistema nervoso, aiutano ad abbassare i valori di colesterolo nel sangue combattendo di conseguenza l’insorgere di malattie cardiovascolari, infarti, ictus. Come? Anche mantenendo bassa la pressione arteriosa.

La zucca è in grado anche di regolare al meglio l’umore grazie al magnesio, rilassante naturale, e il triptofano. Quest’ultimo sostiene la produzione di serotonina da parte dell’organismo, ormone del buon umore. Un fattore questo che consente di aiutare a regolare il ciclo sonno-veglia, a dare una sensazione di sazietà e a regalare benessere generale a livello psichico.

Chi vuole prendersi cura dei propri capelli, dela propria pelle, delle proprie unghie può ottenere dalla zucca anche delle ottime maschere o creme fai da te. Una menzione particolare è meritata anche da i semi di zucca, considerati dei veri e propri superfood soprattutto per via delle loro fonti di magnesio, fibre, omega 3 e zinco.

Noci, fanno bene. Ma a cosa?

Le noci fanno bene alla salute. Ma in che cosa ci aiutano? Ricordiamo insieme i benefici che questa frutta secca apporta al nostro organismo.

Noci alimento forse sottovalutato

Potrà sembrare assurdo ma, se ragioniamo sul loro utilizzo, le noci sono tra gli alimenti più sottovalutati per quel che riguarda la nostra salute. Soprattutto se non si hanno particolari patologie che ne sconsigliano l’utilizzo, il loro consumo quotidiano in quantità specifiche è consigliato.

Questi piccoli frutti del Noce comune sono presenti in tutto il globo sebbene nativi dell’Asia. Il loro sapore piacevole si sposa benissimo con la quantità di nutrienti essenziali che contengono e che danno un boost incredibile al nostro organismo. Non dobbiamo dimenticare che sono piccoli concentrati di vitamine, antiossidanti, fibre, proteine e grassi saturi.

Il consumo di noci aiuta in primis la salute cardiovascolare. Questo grazie anche all’importante presenza di acidi grassi omega 3 che aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo e migliorano la salute delle arterie. Il loro consumo regolare consente di ridurre il rischio di malattie cardiache di circa il 10%.

Le noci, se consumate nel giusto modo, possono aiutare nel controllo del peso grazie alla sensazione di sazietà derivante dalla quantità di fibre e proteine contenute al loro interno. Non deve essere sottovalutato il loro potere antiossidante. Questa particolare tipologia di frutta secca contiene dosi importanti di vitamina E, aiutando l’organismo a combattere i radicali liberi e il rischio di malattie croniche.

Fanno bene anche al cervello

Colazione leggera nutriente cosa mangiare

Proprio grazie agli antiossidanti e agli omega 3 le noci aiutano a mantenere il cervello in salute: un loro consumo regolare aiuta a combattere il declino cognitivo legato all’età e favorisce memoria e concentrazione. Le sue peculiarità aiutano anche nella gestione della glicemia: l’azione di fibre, proteine e grassi sani aiuta a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue.

Ovviamente anche il modo in cui consumiamo le noci ha la sua importanza. Per quanto siano salutari, questi frutti non devono essere consumati in quantità esagerate. È possibile quindi integrarli nella dieta come uno snack sfizioso di metà mattinata o di metà pomeriggio, soprattutto se abbiamo bisogno di recuperare energia.

Possono essere aggiunte a yogurt e cereali, insalate o anche a carne e pesce in base alle ricette, in modo tale da consumarle all’interno di un pasto. Per quanto possa sembrare inusuale per la nostra dieta, possiamo anche consumare del burro di noci insieme a della frutta o spalmato sul pane integrale come faremo con del burro di arachidi. Insomma consumarle regolarmente fa bene a molte “sezioni” del nostro corpo. Se possiamo, quindi, inseriamolo all’interno della nostra quotidianità.

Allenamento e mangiare male, cosa succede

Se facciamo ogni giorno allenamento e mangiamo male cosa succede? È una domanda che dobbiamo porci, soprattutto se abbiamo la malaugurata idea di allenarci di continuo ma mangiamo regolarmente junk food.

Allenamento accompagnato da giusti nutrienti

Sì, è una vera e propria contraddizione. E se è comunque possibile stare bene alternando l’allenamento a qualche sgarro, dobbiamo comprendere che correre ogni giorno e poi non regolarsi adeguatamente nei nutrienti fa male al nostro corpo. A essere chiamato in causa è un comportamento ben specifico: quello di ignorare le componenti deleterie per la nostra salute nella nostra alimentazione libera.

Immaginate di eseguire ogni giorno l’allenamento necessario e ogni giorno non mangiare sano. Pensare che il bruciare le calorie sia abbastanza è una sottovalutazione del problema. Se inseriamo nella nostra dieta dei grassi non salutari, dando spazio a un binge eating di bevande zuccherate, patatine o biscotti, rischiamo di far male più di quel che pensiamo alla nostra salute.

Possiamo anche non prendere peso, ma cosa dice il nostro organismo di tutto ciò? Come spiegano gli esperti è possibile in generale smaltire gli eccessi di una dieta non sana se ci si allena almeno due o tre ore al giorno tutti i giorni. Non vi è accumulo di energia in eccesso e il corpo elimina abbastanza di buon grado le tossine che accumula. L’aumento del grasso viscerale può essere tenuto abbastanza sotto controllo.

Attenzione ai fattori di rischio cardiovascolari

allenamento in palestra

Anche se si fa dell’attività sportiva agonistica e si deve mantenere al top la massa muscolare. Il problema, come già indicato, sono gli effetti che un’alimentazione non sana ha sull’organismo. Anche se in uno sportivo può non essere visibile, potrebbe accumularsi molto grasso viscerale rispetto a quello sottocutaneo. Questo potrebbe portare al restringimento delle arterie conosciuto come aterosclerosi, fattore di rischio importante per le malattie cardiovascolari.

Se si rimane molto attivi, alcuni di questi errori di alimentazione possono essere ammortizzati. Ma sarebbe meglio evitare di perpetrarli, soprattutto se si decide di smettere con l’allenamento quotidiano. O si dovessero rallentare i propri ritmi. Si rischia tra l’altro, con queste abitudini, di prendere molto peso una volta che si smette di allenarsi.

Se i grassi tipici dello junk food fanno male in allenamento, meglio non fanno le proteine in eccesso. Secondo gli esperti si dovrebbe smettere di attaccare il consumo di carboidrati, che sono necessari nelle giuste quantità e consentono di portare avanti un allenamento dalla importante resa. Bisogna fare attenzione, sottolineano, anche quando ci si affida a quelle diete considerate alla moda come il digiuno intermittente e le chetogeniche. Possono anche far raggiungere risultati importanti ma creare dei deficit in grado di dar vita a squilibri ormonali e neuroendocrini.

Allenamento e mangiare bene: è questo il segreto di un corpo in forma e sano.

Giuggiole, i benefici

Le giuggiole sono un frutto diffuso in Italia ma poco conosciuto. Tanto quanto i benefici che possono apportare con il loro consumo grazie alle loro proprietà.

Cosa sono le giuggiole

Le giuggiole, più precisamente, sono i frutti della Ziziphus jujuba, appartenente alla famiglia delle Rhamnaceae. Nonostante non vengano riconosciute direttamente come superfood in generale, il loro consumo è altamente consigliato per via dei nutrienti contenuti al loro interno. Parliamo di potassio, ferro e calcio basilari per prendersi cura rispettivamente del sistema nervoso, dell’emoglobina e della salute ossea. E ancora della vitamina C perfetta per sostenere il sistema immunitario e della vitamina A ottimale per proteggere la vista le mucose.

La dose di flavonoidi e polifenoli contenuti nelle giuggiole combattono lo stress ossidativo causato dai radicali liberi riuscendo quindi a combattere l’invecchiamento cellulare e a proteggere dalle malattie cardiovascolari. Anche l’apparato gastrointestinale risente in maniera positiva del consumo delle giuggiole grazie alle loro fibre alimentari.

Da secoli questi frutti vengono utilizzati per i loro effetti sedativi sul sistema nervoso nella medicina tradizionale e alcune ricerche avrebbero provato anche la loro efficacia per quel che concerne la qualità del sonno.

Le giuggiole possono essere consumate in modi differenti. Possono essere consumate essiccate o fresche o sotto forma di succhi di frutta o tisane. Tra l’altro il loro essere dolci naturalmente consente di bypassare l’utilizzo dello zucchero.

Attenzione a patologie pregresse

Non bisogna però incorrere nel consumo esagerato se non si è sani e si combatte con delle patologie pregresse. Ad esempio non sono particolarmente indicate, soprattutto se essiccate, per le persone che soffrono di diabete. I benefici delle giuggiole sono molti ma bisogna gestirli con cautela. Se si soffre di potassio alto ad esempio il loro consumo è sconsigliato.

Ciò che bisogna fare è chiedere al medico se in base alle proprie condizioni è possibile un consumo privo di criticità. Più in generale se si è sani, inserirle nella propria dieta non dovrebbe creare problemi. Ovviamente sottintendendo un consumo adeguato di questi frutti.

Le giuggiole sono frutti molto piacevoli da consumare. Il fatto che non siano tanto conosciuti a livello mainstream non consente di sfruttarne appieno i benefici. Anche in coloro che effettivamente potrebbero notare cambiamenti positivi per la loro salute.

L’importante, a ogni modo, e consumarne sempre con giudizio. Ovviamente nella forma che si trova più gradevole e che si adatta di più alle proprie condizioni di salute. Basta molto poco per star bene mangiando. E questi frutti ne sono la dimostrazione.

Alimenti antinvecchiamento miracolosi

Alimenti antinvecchiamento miracolosi: quali sono? Ci sono dei cibi che ci consentono dì combattere il passare dell’età grazie alle loro peculiarità antiossidanti.

Gli alimenti antinvecchiamento più rilevanti

Il combattere segni del tempo che passa è il desiderio di molte persone. Bloccare del tutto questo processo dell’organismo umano non è possibile, ma esistono degli alimenti antinvecchiamento che possono rallentare il fenomeno.

Non parliamo di cibi astrusi o difficili da reperire: nella maggior parte dei casi si trovano all’interno delle case di tutti noi. E posseggono dei benefici importanti per la salute. Tre quali, come dimostrato anche da uno studio pubblicato su National Library of Medicine, la capacità di prevenire malattie degenerative, cardiache e il cancro.

Quando parliamo di alimenti antinvecchiamento miracolosi, parliamo principalmente di diversi gruppi di cibi. Al loro interno troviamo anche i cereali: soprattutto quelli che contengono fitoestrogeni e lignani nelle giuste quantità possono aiutare a ridurre il presentarsi di patologie come il cancro alla prostata o al seno e altre malattie legate agli ormoni. La giusta quantità di fibre ci consente inoltre di poter combattere con successo malattie coronariche e a carico dell’intestino.

Tra gli alimenti antinvecchiamento più di successo troviamo le noci, in diverse loro accezioni. Non molti sanno che l’infuso di gusci di noci pecan, ad esempio, contiene una quantità di fenoli molto alta capace di combattere in modo adeguato l’ossidazione.

Anche cacao e caffè aiutano

Tra gli alimenti dall’importante effetto troviamo anche il cacao. I fenoli contenuti all’interno di questi semi possono far calare del 75% l’ossidazione del corpo. Un vero e proprio strumento di giovinezza se consumato con la giusta attenzione. Anche il caffè deve essere considerato per i suoi effetti antiossidanti. In questo caso però è importante tenere sotto controllo la sua conservazione. Quando questa non è condotta in modo adeguato i suoi benefici possono calare in modo drastico.

Sebbene debba essere consumata con attenzione per chi ha necessità di controllare la funzionalità renale e i livelli di potassio nel sangue anche l’uva è un ottimo alimento antinvecchiamento. Parliamo di un frutto perfetto per contrastare tutte quelle patologie causate dai radicali liberi.

Una mela al giorno toglie il medico di torno, effettivamente. Alcuni studi hanno infatti dimostrato come un centrifugato di mele possa fare la sua parte nella riduzione della formazione di cellule tumorali e danni al colon e al fegato.

Tra gli alimenti che non ci dobbiamo mai far mancare, quando vogliamo combattere il tempo che passa, ci sono tutti quelli ricchi di carotenoidi. E con essi anche i frutti di bosco, che riducono l’ossidazione delle proteine e sostengono la produzione di piastrine.

Le note e meno note proprietà dell’anice stellato

Nel nostro articolo sul pepe del Sichuan, luogo di una delle gastronomie più apprezzate al mondo e dal quale sono appena tornati i tre social influencer italiani – Laura Comolli, Roberto De Rosa e Nicolò Leone – in viaggio ai piedi dell’Himalaya grazie all’Associazione ‘Mirabile Tibet’ e all’Agenzia di comunicazione I SAY, abbiamo visto come il Re del piccante sia una delle “cinque spezie” cinesi assieme al finocchio, ai chiodi di garofano, alla cannella e all’anice stellato. Andiamo dunque a conoscere meglio quest’ultimo, meno famoso ma altrettanto affascinante.

Extreme close-up of star anise spice;

Le proprietà di questa spezia

Originario della Cina sud-orientale e del Vietnam, quello dell’anice stellato è un albero sempreverde che arriva fino ai 10 metri di altezza. Dal quasi maturo pericarpo a stella del suo frutto si ottiene un olio aromatico molto utilizzato in cucina ma anche in profumeria, nei dentifrici e nei collutori, mentre circa il 90% delle colture viene usato per l’estrazione di un acido impiegato in alcuni farmaci antivirali per la cura e la prevenzione dell’influenza A e B.

Principalmente, che si tratti di medicina “ufficiale” o popolare, l’anice stellato:

  • stimola l’appetito e aiuta il buon sonno;
  • favorisce il rilassamento della muscolatura gastrointestinale, evitando i sintomi della “cattiva digestione” come il gonfiore addominale, l’acidità gastrica, la nausea, la diarrea o la flatulenza;
  • combatte le coliche nei neonati ma anche i dolori addominali e i disordini mestruali negli adulti;
  • ha proprietà antiossidanti, grazie al linalolo contenuto;
  • contrasta le affezioni infiammatorie delle vie respiratorie, compresi tosse e bronchiti, per via delle sue proprietà antibatteriche e antimicotiche.

La spezia viene utilizzata anche per stimolare il latte materno dopo il parto, per il trattamento dell’artrite reumatoide e della lombalgia, e persino come rimedio in caso di paralisi facciale – anche parziale. 

Come apporto nutrizionale, 100 grammi contengono 3 di carboidrati, 1 di proteine, vitamina C (il 2% del fabbisogno giornaliero), calcio (il 4% del fabbisogno) e ferro (il 13%), con l’aggiunta di 1 milligrammo di sodio.

Le controindicazioni riguardano le persone soggette agli eritemi solari o che soffrono di patologie del fegato o di epilessia. Attenzione, dunque, se si stanno assumendo farmaci fotosensibilizzanti, antidolorifici steroidei (FANS) o cortisonici: l’anice stellato potrebbe interagire o sommarsi male ad alcune componenti di queste sostanze. 

E un’ultima raccomandazione: parliamo dell’anice stellato cinese (illicium verum), laddove quello giapponese (illicium anisatum) è altamente tossico e non commestibile.

L’anice stellato in cucina

Five Spice Spoon Circle Top View on black slate cutting board

Siccome contiene anetolo, cioè la stessa molecola che conferisce profumo all’aneto, l’anice stellato è entrato anche nella cucina occidentale sia accanto alla carne (soprattutto maiale e agnello) o ai dolci, sia nella produzione di alcune bevande. Come dei francesi vin brulé e pastis o del nostro ‘Galliano’, della sambuca e del mistrà marchigiano e laziale. In India viene impiegato nella preparazione del Biryani e del Masala Chai, mentre in Vietnam è considerato fondamentale per la zuppa di spaghetti. Nel suo Paese di origine, la Cina, si usa per aromatizzare carmi bianche (compresa la famosa anatra alla pechinese), pesce, crostacei, stufati, zuppe, verdure saltate o piatti a base di tofu. 

Se vogliamo invece portare sulla nostra tavola e nella nostra dieta tutte le Cinque Spezie Cinesi, possiamo tostarle per un paio di minuti a fuoco medio in una padella antiaderente, macinarle finemente una volta raffreddate e chiuderle ermeticamente in un barattolo di vetro da conservare al buio. Operazione per la quale basteranno 2 cucchiaini di pepe di Sichuan, 1 cucchiaio di semi di finocchio, 10 chiodi di garofano, 2 cucchiai di cannella in polvere e 6 anici stellati. 

Senza esagerare però: sono potenti, quindi usiamole con misura. Come i nostri tre influencer avranno scoperto, un pizzico sarà sufficiente per la gioia del palato e i benefici alla nostra forma e salute.