Alimentazione, la metà dei bambini italiani è a dieta

di Mariposa Commenta

Purtroppo i nostri bambini tendono a essere un po’ troppo in sovrappeso e quasi sempre la colpa è di un’alimentazione non tanto curata e di uno stile di vita decisamente poco sano. A dirlo è l’indagine conoscitiva sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza in Italia realizzata da Eurispes e Telefono Azzurro.

il 53,9% dei bambini intervistati afferma, infatti, di non seguire una particolare dieta alimentare, il 15,3% degli stessi dichiara, al contrario, di dover seguire un particolare regime alimentare, su parere del medico, a causa di motivi di sovrappeso. Questa è una cosa importante, perché significa che i genitori stanno cercando di porre rimedio al problema chi di troppo.

Ci sono anche i piccoli troppo magri, di loro il 7,9% dichiara di seguire una dieta particolare per motivi legati all’auto-percezione, in quanto si considera troppo grasso, mentre il 7,6% segue ugualmente un regime dietetico particolare, ma perché è convinto di essere troppo magro. Purtroppo sin da piccolini i bambini hanno già un’idea di peso: tant’è che sono in aumento i disturbi alimentari nei minori di 10 anni.

Poi ci sono le allergie e le intolleranze alimentari che obbliga a diete particolari quattro bambini su cento tra quelli intervistati. In linea di massima i pupi seguono la dieta alimentare e quindi hanno un’alimentazione a base di pasta, verdure, formaggio, carne e frutta. Si consumano però anche snack, merendine e dolciumi, ovviamente preconfezionati. I linea di massima i dolci vengono consumati due volte la settimana nel 33,3% dei casi, per il 15% invece tutti i giorni e mai solo un 10%.

Gli snack e le merendine, invece, sono la merenda tipica, anche nella pausa scolastica, infatti il 28,7% dei bambini li mangia una o due volte a settimana, il 27,5% spesso, il 21% tutti i giorni, mentre il 15,4% non ne consuma mai. Che dire? C’è ancora tanta strada da fare, ma qualcosa si sta muovendo positivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>