Tisane depurative per disintossicarsi dopo le feste

 Dopo le feste, c’è una sensazione di pesantezza. Capita a molti. Purtroppo le ore seduti a tavola, i cibi ipercalorici non sono d’aiuto per il corpo, che fatica a digerire e sta lavorando per smaltire tutte le calorie vuote accumulate. Come fare? Prima di tutto è necessario muoversi quanto più possibile e poi riprendere una dieta equilibrata e possibilmente leggera. Mentre tornate alla normalità, inoltre, aiutatevi con qualche tisana depurativa.

Depurare il fegato dopo le feste con erbe, spezie e ortaggi

Trascorse le feste, depurare il fegato è quasi un imperativo! Si tratta, infatti, di un organo molto delicato, che risente degli eccessi alimentari. Fortunatamente, i rimedi non mancano, dalle erbe alle spezie disintossicanti, passando per gli ortaggi da portare in tavola, che ci aiutano a fare piazza pulita delle scorie accumulate tra Natale e Capodanno.

Ricette light: carciofi alle erbe

I carciofi alle erbe è una ricetta light gustosa e ricca di fibre, ideale anche come piatto unico. Fornisce, infatti, 371 calorie a porzione. Per completare il pasto, potreste aggiungere una ciotola di insalata condita con succo di limone e spezie.

Colesterolo: un aiuto dal carciofo

Il carciofo è un prezioso alleato della salute, combatte il colesterolo e aiuta a prevenire infarto e ictus, rigenerando il fegato. I carciofi, infatti, sono tra gli alimenti più efficaci per disintossicare l’organismo, grazie alle loro proprietà depurative, diuretiche e anti-colesterolo.

Uno studio condotto recentemente, inoltre, ha dimostrato come il carciofo, oltre a ridurre il colesterolo e la sintesi degli acidi grassi da parte delle cellule del fegato, è in grado anche di trasformare il colesterolo circolante in acidi biliari, che poi vengono eliminati dall’organismo. E’ stato esaminato un gruppo di persone che hanno assunto 2 grammi di estratto secco di carciofi titolato in acido caffeilchinico, ed è emerso come i livelli di colesterolo cattivo fossero diminuiti del 18,5%.

Come ridurre la fame e perdere chili

Gli alimenti che possono ridurre il colesterolo “cattivo” (LDL) sono soprattutto quelli ricchi di antiossidanti come i carotenoidi, la vitamina E e C, lo zinco e il selenio. Queste sostanze si trovano soprattutto in avena, fagioli secchi, olio extravergine di oliva spremuto a freddo, aglio, cipolle, mandorle e noci, carote, mele, pesce (specialmente quelli grassi come il salmone o le sardine senza olio, le ostriche e le cozze) e in particolare in tutti i cereali integrali ricchi di fibre solubili (cerca la percentuale di fibre solubili sull’etichetta).

 L’ideale è assumere i cereali grezzi (fiocchi d’avena ma anche pane di segale o riso soffiato) a colazione, con latte vegetale (di riso, soia o mandorle, ottimi anti colesterolo). L’estratto secco di foglie di carciofo (Cynara scolymus) facilita l’azione del fegato ed elimina le ultime tracce di colesterolo. Grazie alla ricca presenza di flavonoidi ha anche una funzione antiossidante. Per un azione potenziata e completa, soprattutto se hai seguito per molto tempo una dieta grassa, più associare il carciofo ai due rimedi (caigua e riso rosso fermentato) .

La dieta a base di carciofi

Il carciofo è un ortaggio di stagione dalle grandi proprietà depurative e anti età, ma è anche una verdura light e adatta per chi segue un regime ipocalorico. Il carciofo contiene molte vitamine del gruppo B e minerali essenziali per il benessere dell’organismo, come calcio, magnesio, ferro e potassio; è inoltre ricco di cinarina, la sostanza responsabile del caratteristico sapore del carciofo, e di tante oltre salutari proprietà, in quanto stimola la produzione della bile, aiuta la digestione e favorisce lo smaltimento delle scorie e delle tossine.

I benefici del carciofo possono essere potenziati anche tramite le tisane ed altri rimedi naturali ad esso collegati, come la tintura madre per disintossicarsi e gli estratti per contrastare la cellulite e la ritenzione idrica. I carciofi sono molto apprezzati dai nutrizionisti per le loro proprietà blocca fame e perché sono ricchi di fibre alimentari che aiutano a tenere sotto controllo l’appetito; inoltre, grazie alla presenza di inulina, che è una fibra particolare, il carciofo non provoca gas e gonfiori.

Una dieta a base di carciofi punta sulle proprietà disintossicanti e digestive di questi ortaggi, che devono essere sempre consumati a pranzo, anche se le verdure, meglio cotte, devono essere consumate anche a cena; i carciofi possono essere anche consumati crudi nelle insalate, o cotti nei risotti e nella pasta, o come protagonisti di stufati e ripieni.

Psoriasi, come contrastarne gli effetti con le erbe

La psoriasi è una dermatite cronica e non infettiva che tende a migliorare d’estate e ad intensificarsi in autunno; il termine deriva dal greco “psora” e significa squame. La parte della pelle colpita è infatti coperta da squame bianche e secche che si staccano facilmente, lasciando l’epidermide sottostante rossa ed infiammata, e con una sensazione di bruciore e prurito.

Le parti del corpo più esposte a questa dermatite sono il palmo delle mani, la pianta dei piedi, le ginocchia, i gomiti e il cuoio capelluto, ma può estendersi anche a tutto il corpo. Le cure mediche danno dei miglioramenti, ma anche le erbe sono utili a calmare gli effetti, grazie alle loro proprietà disintossicanti e antinfiammatorie.

Assicurano un veloce smaltimento delle tossine e giovano alla salute della pelle le proprietà di alcune piante come la fumaria, il tarassaco e il carciofo: 20-30 gocce del mix di tinture due volte al giorno per 20 giorni.

Curare l’acne con le erbe

L’acne è una delle dermatosi più diffuse in adolescenza ma può presentarsi anche in età adulta. Si manifesta sul viso con l’iniziale comparsa di punti neri che, come dei veri e propri tappi, ostruiscono le ghiandole sebacee. I batteri, infettando le parti occluse, danno il via all’infiammazione e alla comparsa di pustole gialle.

Spesso, questa dermatosi ha una causa di origine ormonale; perciò se l’acne è persistente o si manifesta su una parte estesa del viso, è meglio rivolgersi ad uno specialista. In ogni caso è sempre bene curare la dieta e combattere la stitichezza e lo stress psico-fisico.

I cibi che è bene evitare se si soffre di acne sono: cioccolato, dolci, insaccati, alimenti fritti e bevande zuccherate; al contrario si possono consumare liberamente: cereali, olio d’olia, yogurt, verdura, frutta, pesce e carne magra. È importante anche assumere delle vitamine, soprattutto quelle A, C ed E, perché nutrono e rinforzano la pelle; è bene evitare anche di schiacciare i brufoli, perché si corre il rischio di espandere l’infezione.