La dieta anti afa

In vacanza o in città, durante i mesi estivi si avverte naturalmente l’esigenza di nutrirsi in modo più leggero per ritrovare il peso forma, ma anche per far fronte agli inevitabili fastidi che provoca  la temperatura elevata: gonfiore e pesantezza agli arti inferiori, pelle asfittica e segnata ed infine stanchezza e apatia.

La dieta che vi proponiamo oggi si propone come efficace strategia anti afa non soltanto da intendersi come calura e umidità, ma anche come acronimo di acqua, foto invecchiamento e astenia (cioè stanchezza). L’obiettivo di questo regime alimentare è favorire il dimagrimento ma anche proteggere la pelle dall’azione dei raggi solari, contrastare gonfiori e ritenzione idrica e assicurare vitalità ed energia.

I protagonisti della dieta anti afa sono frutta e verdura di stagione, cibi ricchi di acqua nutritiva, cioè naturalmente ricca di sali minerali, in grado di combattere efficacemente gonfiori e ritenzione idrica e, al tempo stesso, scongiurare la perdita di oligoelementi preziosi come magnesio e potassio, e di vitamine A , C ed E.
La dieta anti afa dura due settimane e permette di perdere un paio di chili; se si ha bisogno di dimagrire ulteriormente può essere seguita per un mese intero perché è molto equilibrata. La colazione viene proposta in due diverse versioni: una calda e una fredda, e può essere alternata un giorno con l’altro, oppure può rimanere invariata durante tutto il periodo di dieta.

Schema settimanale della dieta anti afa

Tutti i giorni
Colazione calda: 200 ml di latte parzialmente scremato, 4 biscotti secchi oppure 2 fette biscottate con un velo di marmellata senza zucchero, una pesca o 2 albicocche al naturale.
Colazione fredda: 150 g. di yogurt magro, 30 g. di cereali integrali o muesli, 200 ml di centrifugato di stagione.
Spuntino: 200 ml di succo di mirtillo o di pompelmo
Merenda: una fetta di anguria oppure 2 di melone

Lunedì
Pranzo: insalata mista preparata con lattuga, 3 pomodorini, un cetriolo a fettine sottile, una carota tagliata a julienne, 2 mozzerelline ciliegie, una scatoletta di tonno al naturale, un pacchetto di grissini e una banana
Cena: minestra di verdure miste, una frittata preparata con due uova, 150 g. di spinaci lessi conditi con succo di limone, una coppetta di fragole o mirtilli al naturale

Martedì
Pranzo: un panino tipo sfilatino farcito con formaggio fresco spalmabile e pomodoro a fettine ed originano, verdure miste alla griglia, due fette di ananas al naturale
Cena: pasta al pomodoro, ricotta e olive nere, insalata verde con carote tagliate a julienne, una mela verde

Mercoledì
Pranzo: roast beef, insalata di pomodori e cicorino, un panino integrale, una coppetta di macedonia senza zucchero
Cena: pappa con il pomodoro, 100 g. di stracchino o crescenza fresca, lattuga e una pesca

Giovedì
Pranzo: un panino tipo sfilatino farcito con bresaola, rucola e scaglie di grana, pomodori in insalata e due fettine di melone
Cena: branzino al cartoccio con contorno di patate al forno, mela cotta al forno e aromatizzata con un pizzico di cannella

Venerdì
Pranzo: caprese preparata con mozzarella e pomodori, 60 g. di pane di grano duro, una coppetta di mirtilli al naturale
Cena: 200 g. di gnocchi al pomodoro fresco con un cucchiaino di parmigiano grattugiato, insalata di indivia e radicchio, due albicocche

Sabato
Pranzo: insalata di polpo e patate lesse, pomodori in insalata, una pesca
Cena: una pizza margherita o alle verdure, una coppetta di frutti di bosco con succo di limone

Domenica
Pranzo: riso al basilico e zucchine, lattuga in insalata con pomodorini, due fette di melone al naturale
Cena: petto di pollo alla griglia, 60 g. di pane di grano duro, verdure alla griglia, due fette di ananas

Lascia un commento