Combattere la stipsi a tavola: i cibi per riattivare l’intestino

Combattere la stitichezza a tavola è davvero un ottimo metodo per aiutare il proprio intestino a lavorare meglio. Purtroppo la stipsi può essere molto invalidante e alla lunga dare anche degli effetti collaterali gravi, tra cui infezioni e infiammazioni di diverso tipo.  Tempo fa, per contrastare la pancia gonfia, vi avevamo proposto una dieta di tre settimane che aveva proprio come obiettivo quello di favorire il regolare transito intestinale.

La dieta era strutturata in tre fasi: la prima per riattivare l’intestino, la seconda per rivitalizzare la flora e infine l’ultima per sgonfiare. Ma quali sono i cibi indicati in questo regime alimentare? Prima di tutto bisogna considerare che non si sta parlando di un programma ipocalorico per perdere peso, quanto di un piano alimentare per rieducare il nostro apparato digerente, che purtroppo si è un po’ inceppato. È quindi auspicabile evitare una selezione drastica dei cibi, a favore di una dieta varia e ben equilibrata. Detto ciò ci sono dei prodotti che vanno assolutamente consumati e dei prodotti, invece, che potrebbero essere controproducenti e vanno assunti in piccole dosi.

Per riattivare l’intestino è molto importante assumere cibi che in grandi quantità possono avere anche effetti lassativi. Prima cosa quindi, favorire una dieta complessivamente vegetariana, limitando la carne a pochissime volte la settimana. Sì quindi a tanta frutta, come i kiwi e le prugne, ma anche alla verdura, soprattutto cruda e bollita, come le carote e carciofi. Sono promossi i semi di lino e il brodo di carne. Bere è davvero molto importante, quindi portatevi sempre con voi una bottiglietta d’acqua e sforzatevi di consumarne quanta più possibile.

Evitate le bevande gassate e industriale, che possono creare acidità e poi spesso sono molto zuccherate. La mattina fate lo sforzo di bere, appena alzati, un bicchiere di acqua tiepida per stimolare il transito intestinale. È molto utile, non solo la frutta secca, ma anche l’acqua d’ammollo. Potreste quindi consumare l’acqua in cui avete messo in ammollo le prugne, oppure far cuocere qualche minuto le vostre prugne secche e alcuni pezzettini di mela in acqua e poi consumarne il liquido.

La seconda settimana è quella dedicata ai probiotici, per rivitalizzare la flora intestinale. Per farlo, in commercio, ci sono moltissimi integratori alimentari estremamente efficaci che possono affiancare tranquillamente la dieta. Il cibo probiotico per eccellenza ovviamente è lo yogurt bianco naturale, ma non a tutti piace. Vanno bene anche quelli alla frutta (state solo attenti al quantitativo di grassi) e quelli addizionati con una dose supplementare di probiotici. Lo yogurt consumato la mattina con 30 grammi di fibre può essere il modo più opportuno per dare il buongiorno al vostro intestino.

La terza fase è quella per sgonfiare la pancia e di conseguenza fare in modo che l’intestino riprenda la sua normale attività. Le fibre devono essere integrate nella dieta e soprattutto devono essere una costante, ovviamente senza esagerare. Sì quindi a crusca, avena, cereali integrali, ma anche a tanta verdura come insalata, finocchi, coste, melenzane, fagiolini, cavoli e legumi di qualsiasi natura. Sono d’aiuto anche i fichi, l’uva, le more, le pesche e i kiwi (che abbiamo nominato anche nella prima fase).

Cercate di evitare o ridurre al minimo il consumo di limoni, riso, tè, i cibi molto speziati, ma anche le mele crude o le banane, che potrebbero aumentare la stitichezza.  Per aiutare il vostro intestino a lavorare meglio i primi che si devono dare da fare siete voi. In che modo? Con po’ di ginnastica. Fare movimento (anche solo passeggiare) favorisce il transito intestinale, così come condurre una vita regolare, mangiando a orari abbastanza precisi e dedicando il giusto tempo al pasto (sono banditi i panini ingurgitati in piedi al volo in un bar), evitando il consumo di alcolici e le sigarette.

Photo Credits| ThinkStock

Condividi l'articolo:

30 commenti su “Combattere la stipsi a tavola: i cibi per riattivare l’intestino”

  1. I discovered your blog site on google and check a few of your early posts. Continue to keep up the very good operate. I just additional up your RSS feed to my MSN News Reader. Seeking forward to reading more from you later on!…

    Rispondi
  2. Howdy would you mind letting me know which hosting company you’re working with? I’ve loaded your blog in 3 different browsers and I must say this blog loads a lot quicker then most. Can you suggest a good hosting provider at a reasonable price? Kudos, I appreciate it!

    Rispondi
  3. I found your weblog web site on google and check just a few of your early posts. Continue to keep up the excellent operate. I just further up your RSS feed to my MSN Information Reader. Looking for ahead to reading extra from you later on!…

    Rispondi
  4. What¦s Taking place i’m new to this, I stumbled upon this I have found It absolutely useful and it has helped me out loads. I’m hoping to contribute & assist different users like its helped me. Good job.

    Rispondi
  5. Pretty section of content. I simply stumbled upon your web site and in accession capital to say that I acquire actually enjoyed account your weblog posts. Anyway I will be subscribing for your feeds and even I fulfillment you get right of entry to persistently quickly.

    Rispondi
  6. My coder is trying to persuade me to move to .net from PHP. I have always disliked the idea because of the expenses. But he’s tryiong none the less. I’ve been using WordPress on several websites for about a year and am worried about switching to another platform. I have heard fantastic things about blogengine.net. Is there a way I can transfer all my wordpress posts into it? Any help would be greatly appreciated!

    Rispondi
  7. Just want to say your article is as astounding. The clearness in your post is just cool and i could assume you’re an expert on this subject. Well with your permission allow me to grab your feed to keep updated with forthcoming post. Thanks a million and please keep up the gratifying work.

    Rispondi
  8. Nice read, I just passed this onto a colleague who was doing some research on that. And he just bought me lunch because I found it for him smile Therefore let me rephrase that: Thanks for lunch! “No one can wear a mask for very long.” by Seneca.

    Rispondi
  9. I have not checked in here for some time because I thought it was getting boring, but the last few posts are great quality so I guess I will add you back to my daily bloglist. You deserve it my friend 🙂

    Rispondi
  10. You actually make it appear so easy with your presentation but I in finding this matter to be actually something that I feel I would never understand. It kind of feels too complex and very broad for me. I’m looking forward to your next post, I will attempt to get the grasp of it!

    Rispondi

Lascia un commento