Aglio e cipolle proteggono le ossa dall’artrosi

di Redazione Commenta

Aglio e cipolla sono il vero sale e pepe della cucina. Usati in tutte le culture danno sapore ai piatti. Peccato che ci siano molte persone che proprio non ne vogliono sentire parlare perché sono un po’ pesanti da digerire e poi causano un alto imbarazzanti. Superati questi due ostacoli, però, bisogna considerare le proprietà. Secondo uno studio condotto da Frances Williams, epidemiologa del King’s College di Londra, sono ideali per proteggere le articolazioni dai danni del tempo, artrosi prima di tutto.

Sono state analizzate 500 coppie di gemelli di circa 60 anni. Tutte le coppie sono state sottoposte a radiografie per la diagnosi dell’eventuale artrosi, in più è stata valutata la dieta di ciascuna attraverso il Food Frequency Questionnaire, e il risultati sono stati schiaccianti.

La scelta di usare i gemelli come metro di paragone serve per comprendere meglio gli effetti di diverse tipologie di alimentazione su uno stesso corredo genetico di partenza. Partiamo dal presupposto, almeno secondo quanto dicono gli studiosi, che chi ha l’abitudine di mangiare molta frutta e verdura ha meno rischi di sviluppare l’artrosi all’anca. In questo senso, aglio, cipolle e scalogni sono gli alimenti più protettivi. Per questo motivo la Williams ha spiegato:

I nostri dati sembrano indicare che questi ortaggi potrebbero aiutare in qualche modo a prevenire l’artrosi dell’anca o magari a ridurne la gravità, aumentandone il consumo in una fase precoce della patologia. Naturalmente i risultati andranno confermati e, se così fosse, si potrà pensare a una sperimentazione clinica vera e propria nei pazienti.

Ecco quindi una bella novità che dovrebbe fare felici gli amanti di questo genere. Intanto perché una cosa è sicura, questi ortaggi non fanno male, e d’ora in poi c’è una scusa in più per giustificare l’alito pesante. Consideriamo poi che l’aglio mantiene bassa la pressione e, con la cipolla, rappresenta un importante battericida, utile per tenere lontana l’influenza.

[Fonte: Corriere]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>