Come sbloccare il metabolismo dopo le vacanze: fiori di Bach e rodiola

di Siry 5

Le vacanze spesso rappresentano un momento di novità, di scoperta ma anche di forte ansia e stress (preparativi, cambiamenti di abitudini, viaggi lunghi ecc..) e il vostro cor­po non è rimasto estraneo a queste novità e si è modificato anch’esso, aumentando di peso. Ora ini­zia una fase di adattamento alla routine quotidiana: ecco alcuni rimedi na­turali che possono riportarvi in sintonia con il vostro corpo e ridurre la fame nervosa.

Per riacquistare la vo­lontà, vi aiutano i fio­ri di Bach. Tre sono le essenze che possono esservi d’aiuto: Wal­nut, il fiore base che aiuta ad affrontare tutti i cambiamenti di vita, Centaury ed Elm, che sono un’in­fusione naturale di fiducia. Diluite 2 gocce di ogni fiore in un boccettino con contagocce da 30 ml riempito con acqua naturale e 2 cucchiaini di brandy: prendetene 4 gocce 4 volte al giorno per 3 settimane, sempre lontano dai pasti. Inoltre, nell’alimentazione quo­tidiana dovreste sempre cercare di introdurre ci­bi tipici provenienti dalla vostra terra d’origine, che appartengono alla sana dieta mediterranea, la più ricca in assoluto di Omega 3, fibre e vitamine anti adipe.

Perseguitate dalla fame al rientro dalle vacanze? Occorre bilanciare i nutrimenti alimentari. La fame continua vi segnala che l’alimentazione, anche se poco calorica, è sbagliata per quanto riguarda il bilanciamento dei nutrienti (carboidrati, proteine e grassi). L’errore più frequente è inoltre mangiare poco ai pasti ed esagerare con gli spuntini in cui prevale nettamente la quota di carboidrati (focacce, grissini, brioche). La regola è quindi di fare colazione, pranzo e cena e due merende (alle 11 e alle 16) sazianti e bilanciati e, prima di ogni pasto, gustare un abbondante insalata fresca, che sazia e depura.

Per sgonfiare la pancia, assu­mete la rodiola (Rhodiola rosea), che è un toccasana per fame nervosa, addome dilatato e metabolismo lento. Essa in­fluisce in modo positivo su ti­roide e fegato, dona senso di sazietà, riduce la fame nervo­sa, stimola il metabolismo e infonde l’energia per affron­tare le difficoltà. È disponibi­le anche in compresse: la do­se è di 300 mg tre volte al giorno (estratto secco di rodiola titolato in salidroside all’1 %): dopo 6 settima­ne di trattamento, occorre valutare i risultati con un esperto per decidere come proseguire.

Commenti (5)

  1. Vorrei provare anche io i fiori di bach guna per cercare di sbloccare il metabolismo. Sto seguendo una dieta e dopo una prima fase in cui ho perso peso sembra che per quanto mi impegni non riesco a mandare giù gli ultimi chili. Speriamo che possano servire perchè mi sto davvero scoraggiando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>