Le regole dell’autocontrollo alimentare ADI per rispettare la salute

di Mariposa Commenta

 Fare la dieta o non fare la dieta? Avere degli squilibri nutrizionali o semplicemente fare una vita troppo sedentaria? Sono tutte domande cui sono un dietologo può dare risposta, analizzando il singolo caso. Invece, sono sempre più numerosi i nutrizionisti che parlano di diete su misure, non realmente studiate sull’effettivo bisogno del paziente. Quanti sono i regimi dimagranti iperproteici con box di prodotti solubili volti alla perdita di peso? Non si contano più. E non possono essere realmente personalizzati.

Per questo motivo l’ ADI, Associazione Italiana di dietetica e nutrizione clinica, ha deciso di tornare a parlare al grande pubblico, sensibilizzando proprio su questo tema, sulle pubblicità ingannevoli e ricordando quelle che sono delle regole di autocontrollo alimentare. L’Associazione sostiene che le diete “autosomministrate”, o prescritte da personale non autorizzato a farlo, sono potenzialmente nocive alla salute dell’individuo.

Ci deve sempre essere un medico ad accertare non solo il peso della persona e la reale necessità dimagrante, ma anche l’esistenza di disturbi clinici. Segnatevi quindi queste 8 regole e non dimenticatele, perché sono come un biglietto di sola andata per la salute.

Il corpo ha bisogno di essere idratato in modo regolare e costante. Non dovete eliminare i carboidrati, ma vanno consumati con regolarità ma in quantità limitate in base al consumo e allo stile di vita. La dieta deve comprendere anche frutta e verdura tutti i giorni e vanno ridotti i prodotti confezionati, ricchi di conservanti e coloranti. La propria alimentazione deve essere prima di tutto varia e quindi bene alternare tra carne, pesce, formaggi, uova, cercando di non consumare nello stesso pasto diverse tipologie di proteine.

Ora le ultime tre regole. Vanno limitati i grassi e tutti i cibi fritti, vanno ridotte le bibite gasate e zuccherate e gli alcolici lontani dai pasti. Un bicchiere di vino a tavola è ammesso, un cocktail prima di andare a nanna no.

[Fonte]

Photo Credit | ThinkStock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>