Per perdere peso ci vuole anche autostima

di Redazione

Il carattere e la determinazione sono fondamentali nel processo di dimagrimento. Nella maggioranza dei casi, il peso in eccesso (parlo di obesità grave) spesso è determinato da un problema di carattere psicologico e dalla mancanza di autostima. Quest’ultima ha un ruolo molto importante pure durante le più classiche diete dimagranti. A sostenerlo sono un team di ricercatori.

Avere una buona immagine di sé, per capirci piacersi o tentare di piacersi, rende più facile la perdita di peso e il raggiungimento dell’obiettivo. Gli esperti dell’Università Tecnica di Lisbona (Spagna) e dell’Università di Bangor (Uk) hanno eseguito una serie di esperimenti su un gruppo di donne con problemi di peso e questa teoria è emersa abbastanza chiara ed evidente.

Le signore sono state suddivise in due gruppi di volontarie (ovviamente a dieta): uno ha affrontato l’argomento della sana e corretta alimentazione, l’altro ha focalizzato l’attenzione su come sia importante migliorare il proprio aspetto e la dieta sia un valido strumento in questa direzione. È emerso che le signore a dieta del secondo gruppo hanno perso più peso di quelle del primo perché nell’esteriorità, nel desiderio di essere più belle hanno trovato una motivazione in più.

Problemi riguardo l’immagine del corpo sono molto comuni tra le persone in sovrappeso e gli obesi. I nostri risultati hanno mostrato una forte correlazione tra il miglioramento dell’immagine corporea, soprattutto nel ridurre l’ansia riguardo alle opinioni degli altri, e cambiamenti positivi nel comportamento alimentare.

Ha spiegato il coordinatore dello studio, il dottor Pedro J. Teixeira. Ecco quindi che è stato svelato un altro nesso decisamente importante. Le persone con gravi problemi di peso, ma non solo, hanno problemi con la loro immagine e forse lavorando anche in questa direzione è possibile scoprire come affiancare a una dieta dimagrante anche una terapia di autostima e motivazionale, in altre parole un supporto psicologico.

[Fonte: LaStampa]