Frutta e verdura, 8 porzioni al giorno salvano la vita

di Redazione Commenta

Quanta frutta e verdura bisogna mangiare quotidianamente? Mi ricollego all’argomento che abbiamo trattato l’altro giorno in cui si diceva che gli italiani non hanno idea del consumo calorico giornaliero e soprattutto di come deve essere suddiviso. Non abbiamo però citato la frutta e la verdura, due elementi alla base della corretta alimentazione. Le principali diete ed esperti di nutrizione sostengono che giornalmente ci vogliano cinque porzioni (colazione, pranzo e cena più due spuntini).

Secondo gli inglesi dell’Università di Oxford, per proteggere dal rischio di morte per cardiopatia ischemica, la più comune tra le patologie cardiache e una delle principali cause di morte in Europa, sono necessarie 8 porzioni: in questo modo si riduce il rischio del 22% rispetto a chi ne consuma meno di tre.

Quanto ammonta una porzione? Sono circa 80 grammi, pari a una mela di medie dimensioni, o a una carota o a una banana piccola. Ricordiamo che l’Organizzazione mondiale della Sanità ne ha indicate 14. A paragone, non è poi un grande sforzo, sulla carta, perché nei fatti potrebbe davvero essere molto faticoso, perché sono moltissime le persone che non ne vogliono proprio sentir parlare di frutta e verdura.

Lo studio si è basato sull’incrocio dei dati raccolti dallo Studio europeo prospettico su cancro e nutrizione (EPIC) che ha coinvolto 300 mila persone tra i 40 e gli 85 anni di 8 Paesi europei monitorati per 8 anni e che ha contato, in tutto, 1636 morti per cardiopatia ischemica.

Ma quante sono le persone, invece, che mangiano solo prodotti di origine vegetale? Secondo l’Eurispes sono il 6,3% della popolazione, lo 0,4% ha optato per una decisione ancora più drastica che prevede l’esclusione anche del latte e delle uova: il veganismo. A preferire questo regime, sono soprattutto le donne (rispettivamente 7,2% vs 5,3% degli uomini; 0,5% vs 0,3%), i giovanissimi tra i 18 e i 24 anni (13,5%) e, a sorpresa, tra gli over 65 (9,3%). La scelta di diventare vegetariano o vegano è soprattutto una questione etica: abbiamo visto anche la testimonianza di Anna Oxa con la sua dieta Veganic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>