Effetti collaterali della Dieta Dukan: la ripresa dei chili con gli “interessi”

di Tippi Commenta

Della Dieta Dukan abbiamo parlato spesso su Dietaland e personalmente non faccio parte della schiera di suoi fautori. Questo regime dimagrante, che rientra a pieno titolo nelle diete iperproteiche, ha svariate controindicazioni e se credete che la salute possa essere accantonata pur di perdere quei “dannati” chili di troppo, cascate male. L’esempio di tante persone che poi hanno ripreso peso e persino con gli “interessi” dimostra che non ne vale assolutamente la pena nemmeno per la pancetta.

La dieta Dukan, messa a punto dal celebre nutrizionista Pierre Dukan, rilancia lo stile alimentare iperproteico. Questo regime è stato duramente criticato dagli esperti per i rischi che comporta e molte donne, dopo aver raggiunto l’agognato traguardo del peso forma, hanno ripreso i chili persi e non solo. È il caso di una biotecnologa milanese di 30 anni, che ha seguito la dieta per 5 mesi, riuscendo a perdere 10 kg, ma a che prezzo. Era continuamente stanca, tanto da non riuscire ad alzarsi dal divano, nonostante mangiasse e anche tanto, ma solo proteine e poco altro come previsto dal programma alimentare.

Come ha raccontato al Corriere Adriatico:

Almeno all’inizio, è facile da seguire, mangiavo quanto volevo, bastava “pescare” dall’elenco degli alimenti permessi, tutti proteici, e perdevo peso senza sentire la fame. Nel primo periodo facevo tanto sport, dallo yoga al nuoto, ma più passava il tempo, più mi mancavano le forze, e poi ho dovuto smettere. Un giorno si e uno no potevo mangiare verdure, i giorni si mi sentivo un pochino meglio.

Dopo 5 mesi ha iniziato il periodo di mantenimento in cui ha potuto reintrodurre i carboidrati, ma la situazione è persino peggiorata. Morale della favola? Ha ripreso non solo i chili persi, ma anche 5 in più a cui si sono aggiunti una serie di problemi di salute, tra cui l’assenza del ciclo mestruale per più d 1 anno.

Il ginecologo e il nutrizionista a cui si è rivolta le hanno spiegato che al suo corpo, non assumendo più olii, mancava la materia prima per “costruire” gli ormoni.

La storia della biotecnologa milanese non rappresenta purtroppo un caso isolato e gli esperti di tutto il mondo, dai dietologi ai medici, hanno bollato la dieta Dukan come pericolosa per la salute. Personalmente già solo l’esclusione di frutta e verdura per un lungo periodo di tempo dovrebbe insospettire, per non parlare poi della programmatica demonizzazione dei carboidrati.

La dieta Dukan, a fronte dei dubbi vantaggi, presenta numerose controindicazioni, quali:

  • Stanchezza cronica: senza carboidrati l’organismo non ha l’energia sufficiente per compiere le normali attività quotidiane.
  • Ansia e depressione: tutti i regimi alimentari non equilibrati possono causare forti sbalzi d’umore e portare persino alla depressione.
  • Carenze vitaminiche: come è risaputo l’eccesso di proteine finisce col sottrarre all’organismo vitamine, ma anche Sali minerali. Questo, secondo gli esperti, comporta un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Dukan, non a caso, consiglia di integrare la dieta con supplementi alimentari e di fare attività fisica, privilegiando gli esercizi cardio.
  • Disturbi renali: l’eccesso di proteine affatica fegato e reni, è oramai acclarato. La dieta Dukan, al pari di tutti gli altri regimi proteici e iperproteici può causare gravi danni all’organismo. Ecco, perché il guru francese del peso forma consiglia di bere molta acqua, 2-3 litri al giorno.
  • Caduta dei capelli: anche questa è una conseguenza della carenza di vitamine e micronutrienti.
  • Alitosi: L’eccesso di proteine può avere come controeffetto l’alito cattivo. Per molti adepti della dieta Dukan, per superare il “problema” è sufficiente lavarsi i denti più spesso e masticare chewing gum.
  • Stitichezza: a causa dell’assenza prolungata di fibre si può andare incontro alla stipsi. Non a caso Dukan, per compensare consiglia di assumere 3 cucchiai di crusca d’avena.

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>