Dieta dello yogurt, buona per tutti?

di Valentina Commenta

Quando ci si approccia ad un regime alimentare restrittivo come la dieta dello yogurt è necessario chiedersi: è davvero buona per tutti? E’ possibile affrontarla senza problemi per perdere quei chili di troppo che sono stati potenzialmente accumulati prima delle vacanze?

Il regime restrittivo della dieta dello yogurt

Il regime alimentare proposto dalla dieta dello yogurt è molto restrittivo: c’è chi la giudicherebbe una dieta da fame. Effettivamente l’apporto calorico è molto basso, appositamente pensato per coloro che vogliono perdere velocemente qualche chilo nel meno tempo possibile. Quel che bisogna comprendere immediatamente è che nessuna dieta di questo genere può essere definita miracolosa ed essere usata sul lungo periodo: le restrizioni che anche questo regime alimentare propone non sono in grado di sostenere l’organismo a lungo, il quale può beneficiare però di alcune buone caratteristiche dell’alimento principale da consumare, ovvero lo yogurt. Essenzialmente quello che viene promesso è che l’intestino funzioni meglio, che la pelle migliori e che si possano perdere fino a 3 chili in una settimana.

Menu tipo della dieta dello yogurt

Il menù tipico della dieta dello yogurt è abbastanza semplice da seguire per ciò che riguarda colazione e spuntini. Per il primo pasto della giornata infatti è indicata l’assunzione di un bicchiere d’acqua a temperatura ambiente, 200 gr di yogurt magro al quale si può aggiungere un cucchiaio di crusca o cereali senza zucchero e un tè verde o caffè sempre non zuccherato.

Per ciò che concerne lo spuntino della mattina bisogna ogni giorno consumare una tazza di tè verde senza zucchero  e a merenda un frutto di stagione mentre prima di dormire ci si può concedere una tisana e tre prugne secche. I pasti principali sono caratterizzati da una presenza più imponente dello yogurt. Ecco come vengono distribuiti gli alimenti:

  • Giorno 1:  a pranzo sono previsti 200 gr di merluzzo al vapore con un piatto di carote e finocchi (crudi o cotti, è indifferente). A cena bisogna consumare 300 gr di yogurt magro con una macedonia di frutta di stagione.
  • Giorno 2: il pranzo prevede 300 gr di yogurt magro al naturale, 200 gr di insalata verde con aggiunta di cetrioli e ravanelli. A cena un minestrone di verdure, 300 gr di yogurt magro e due gherigli di noce.
  • Giorno 3: pranzo con 50 gr di riso integrale in insalata con una scatoletta di tonno (al naturale), 200 gr di pomodori in insalata. A cena 300 gr di yogurt magro al naturale e due frutti di stagione.
  • Giorno 4:  a pranzo sono previsti 50 gr di riso integrale con asparagi cotti al vapore e 200 gr di insalata verde. A cena 300 gr di yogurt magro e una macedonia con agrumi e kiwi.
  • Giorno 5: pranzo con 150 gr di salmone alla griglia condito con succo di limone e prezzemolo e 200 gr di cavolfiore cotto al vapore. A cena 300 gr di yogurt magro con 150 gr di frutti di bosco e un cucchiaio di cornflakes non zuccherati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>