Yogurt greco magro, un ottimo spuntino light

di Tippi Commenta

Lo yogurt greco magro è un alimento eccezionale, con un buon apporto di proteine e 0 grassi. E’ ideale, perciò come spuntino per chi deve seguire un regime alimentare ipocalorico, ma anche per chi pratica sport.

Lo yogurt greco magro, da non confondere con quello intero che è ricco di grassi, è un gustoso spezzafame, amico della linea. 100 g di prodotto, infatti, apportano solo 52 kcalorie. Il gusto è quello classico dello yogurt, ma si può arricchire con della frutta di stagione.

Un ottimo spuntino da gustare a metà mattinata o metà pomeriggio, è il frullato di yogurt greco magro e frutta di stagione da 140 kcalorie.

Ingredienti

  • 1 vasetto di yogurt greco magro da 150 g;
  • 1 frutto di stagione (tipo melone);
  • 1 bicchiere di latte scremato da 100 ml;
  • 1 albume d’uovo

Preparazione

Tagliate a tocchetti il melone e mettetelo nel boccale del minipimer insieme all’albume. Frullate, aggiungete lo yogurt, e infine il latte.

Un ottimo yogurt greco magro è il Total 0%, che contiene il 10% di proteine, e 0 grassi, con un notevole potere saziante. Inoltre, è molto cremoso e compatto e si può dolcificare con miele, fruttosio o sciroppo d’acero. Chiaramente, possiede tutte le virtù dello yogurt classico, ovvero una grande quantità di calcio e la presenza di micro-organismi che migliorano la microflora batterica intestinale.

Il melone, d’altro canto, è un frutto eccezionale, ricchissimo di acqua (circa il 90%), e con un buon apporto di proteine, fibra alimentare, minerali quali potassio, ferro, fosforo, e calcio. All’appello, non mancano le vitamine C, B3 e in piccole percentuali anche la vitamina A. Il melone, inoltre, è un frutto dissetante, diuretico e rinfrescante, ma in grado di stimolare anche la melanina e quindi l’abbronzatura grazie alla presenza di betacarotene.

Per il frullato potete scegliere tra il melone retato, caratterizzato appunto da una buccia a mo’ di rete e da una polpa giallo intenso e particolarmente profumata e gustosa, oppure quello con la buccia liscia, che ha la polpa più chiara.