La dieta contro la stitichezza

di Sara Mostaccio Commenta

La stipsi è un problema molto diffuso che tanti di noi devono affrontare con tutti i problemi spesso connessi: dolore addominale, gonfiori e meteorismo, sensazione di intossicazione, difficoltà ad evacuare. L’alimentazione può aiutarci molto: scopriamo la dieta contro la stitichezza.

Posto che le cause vanno indagate con l’aiuto di un medico, se il problema è grave e duraturo, la dieta può fare molto nel gestire questo disturbo regolarizzando l’intestino, migliorandone la funzionalità e assumendo una serie di buone abitudini che possono fare la differenza.

Una dieta ben bilanciata, ricca di porzioni di frutta e verdura, è il primo passo per mantenere l’intestino in forma e perfettamente funzionante. È essenziale anche idratarsi a sufficienza e assumere buone quantità di fibre alimentari che stimolano in transito intestinale.

Bisogna prestare attenzione ad alcuni alimenti che a causa delle loro proprietà astringenti rendono più difficile la digestione e il transito intestinale, favorendo l’eliminazione delle scorie. Va dunque ridotto il consumo di limoni, riso, carote, patate e banane.

Tra gli alimenti consigliati ci sono tutte le verdure, crude o cotte, da consumare ad ogni pasto. Sono da preferire zucchine, broccoli, spinaci, cavolfiore, melanzane, carciofi e fagiolini. Ottimi anche minestroni, vellutate e passati per consumare le verdure in modo alternativo.

Non può mancare la frutta, meglio se consumata con la buccia che è ricca di fibre. Preferite prugne, fichi, albicocche e pere, ma anche kiwi, da consumare preferibilmente la mattina. Funziona bene anche la frutta cotta, soprattutto mele.

A tutto ciò aggiungete cereali integrali, legumi, yogurt e prodotti probiotici. Per condire usate olio d’oliva extravergine a crudo. Inoltre consumate almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, preferibilmente naturale, ma va bene anche sotto forma di tisane e infusi.

Non trascurate di praticare attività fisica con regolarità. Basteranno delle passeggiate quotidiane di 30-40 minuti, se non siete appassionati di sport. È inoltre importante cercare di educare il corpo ad una routine regolare, di conseguenza è essenziale mantenere i pasti regolari, non saltarli mai e masticare lentamente per facilitare la digestione.

Photo Credits | crabgarden / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>