Caffè verde, proprietà e usi

di Mariposa Commenta

Sul caffe’ verde ci sono tante teorie. C’è chi pensa sia il frutto di una miscela di caffè ed erbe. È realmente così? La risposta è no. E allora che cos’è? È miscela di varietà di caffè classiche, ma è crudo, cioè non ha subito il processo di torrefazione: ciò fa sì che i chicchi di caffè verde mantengano il loro originario, ovvero verde.

La mancata torrefazione influenza prima di tutto la quantità e la qualità della caffeina, che nel caffè verde è minore e non libera perché legata all’acido clorogenico (un antiossidante). Questa caratteristica fa si che la caffeina sia assorbita molto più lentamente. Inoltre, è più ricco di sali minerali, vitamine e polifenoli. È più elevato anche il ph: il caffè verde è meno acido e quindi meno irritante a livello gastrico.

Quali sono le altre proprietà? Contiene metilxantine, sostanze a cui appartiene anche la caffeina, che hanno un effetto lipolitico e di riduzione dell’assorbimento dei grassi. Non fa quindi dimagrire ma può essere un valido aiuto. Il caffè verde agisce sul controllo glicemia e ha un’azione azione antiossidante e antinfiammatoria.

Come si può bere? Lo si trova in semi, capsule o bustine solubili. Quest’ultime vanno maneggiate come si è abituati a fare con quelle del tè o della camomilla; mentre capsule e tavolette vanno ingerite semplicemente accompagnate da un bicchierone d’acqua. Il dosaggio esatto da seguire va letto sulle confezioni. In linea di massima non ha controindicazioni anche se è meglio non esagerare ed è sconsigliato alle donne in gravidanza e ai bambini.

 

Photo Credits | Shutterstock / Natasha Breen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>