Lunga vita con gli amminoacidi

di Silvana Commenta

Secondo una ricerca condotta dalle Università degli studi di Pavia, Milano e Brescia, con la collaborazione dell’Istituto Auxologico di Milano, e pubblicata sulla rivista scientifica Cell Metabolism, la dieta degli aminoacidi (i costituenti delle proteine) può allungare l’aspettativa di vita media di ciascuno di noi di almeno dieci anni portandola da 81 a 90-91 anni. Già alcuni studi condotti in precedenza avevano evidenziato la capacità degli aminoacidi a catena ramificata di prolungare la vita ma erano stati svolti su lievito unicellulare, in questo caso invece sono stati utilizzati dei topolini di laboratorio.

Gli studiosi italiani hanno somministrato loro acqua arricchita con un composto di tre aminoacidi a catena ramificata: leucina, isoleucina e valina, osservando che:

Il gruppo di topi alimentati con acqua agli aminoacidi ha vissuto più a lungo, e in buona salute, del gruppo di topi di controllo: in media 869 giorni i primi e 774 giorni i secondi. Un allungamento della vita di 95 giorni, in pratica del 12%

La dieta arricchita con aminoacidi favorirebbe infatti la produzione di una proteina (eNOS) che svolge un ruolo centrale nella sintesi di ossido nitrico (NO) il quale a propria volta genera un aumento di mitocondri (componenti delle cellule deputati alla produzione di energia nei muscoli) dello scheletro e nel muscolo cardiaco. I ricercatori hanno anche osservato nei topi una maggiore attività del gene della longevità, il SIRT-1, e dei geni del sistema di difesa attivo contro i radicali liberi, cui corrisponde anche una maggiore resistenza  fisica e un miglioramento nella coordinazione motoria.

Così ha commentato la scoperta Enzo Nisoli, coordinatore dello studio

E’ la prima volta che si dimostra che una miscela di aminoacidi può aumentare la sopravvivenza nei mammiferi-Si apre la strada verso un nuovo approccio “nutrizionale” alle malattie legate all’invecchiamento e ai problemi di carenza energetica. La sfida vera sarà convincere i medici che questi supplementi possono rivelarsi utili per i loro pazienti.

Che sia stato finalmente trovato l’elisir di lunga vita?

[Fonte: Corriere della sera]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>