Succo di açai per restare in forma

di Daniela 2

acai

L’açai è un frutto esotico, originario del Brasile, che si pronuncia “assai”, ingrediente base di alcuni frullati nutrienti e dissetanti usati dagli sportivi grazie alle virtù antiossidanti di questa bacca.

Da sempre apprezzato per le sue proprietà nutrizionali e terapeutiche, l’açai ha l’aspetto di un mirtillo nero di grandi dimensioni, ed è una bacca senza buccia composta per l’80% dal nocciolo e per il 20% dalla polpa; è il frutto di una palma dal tronco slanciato che cresce spontaneamente nella foresta amazzonica e che può raggiungere i 25 metri d’altezza.

Secondo le ricerche scientifiche l’açai contiene un vero  proprio concentrato di sostanze antiossidanti, in grado di contrastare gli effetti negativi dei radicali liberi e regalare al fisico un pieno di benessere e di vitalità.

L’açai è uni dei frutti più ricchi di flavonoidi, in particolare di antociani, sostanze antiossidanti capaci i proteggere le pareti di vene, arterie e capillari dall’attacco dei capillari liberi, e perciò in grado di prevenire molti disturbi come l’arteriosclerosi .

Ogni bacca contiene una percentuale di flavonoidi 30 volte superiore a quella presente nel vino rosso, e un mix di grassi monoinsaturi che favoriscono l’abbassamento dei valori di colesterolo nel sangue; l’açai è anche ricco di vitamine A, B1, B2, B3, E e C, di fosforo, calcio, potassio e fibre.

Ogni 100 grammi di polpa d’açai al naturale forniscono soltanto 47,5 calorie e assicurano una buona razione di fibre (circa 5,9 grammi), necessarie per contenere l’appetito è garantire un effetto disintossicante per regolarizzare l’intestino.

L’açai è reperibile sul mercato sotto forma di succo e di polpa congelata; in genere si tratta di prodotti biologici privi di conservanti e colorante, ma si trova anche al naturale senza l’aggiunta d zuccheri. La polpa può essere gustata con lo sciroppo di guaranà, il muesli e pezzetti di frutta fresca a colazione o come ingrediente base per frappè, sorbetti e gelati.