leonardo.it

La dieta contro il fegato grasso

 
Siry
26 agosto 2009
2 commenti

dieta contro fegato grasso

Spiega Antonio Picciotto, del dipartimento di Medicina interna e Specialità mediche dell’Università di Genova

” Tra ciò che mettiamo in tavola e la salute del fegato c’è un legame molto stretto e questo riguarda la qualità di ciò che mangiamo, ma soprattutto la quantità”

Ci sono alimenti che possono essere dannosi se assunti in grandi quantità e con continuità, come i grassi di origine animale (burro, strutto, lardo). Si possono accumulare nell’organo e sviluppare, nel tempo, una patologia epatica: il cosiddetto fegato grasso. Sottolinea l’esperto:

“Il problema più importante è la quanti­tà di calorie che ingeriarno”

Una quantità difficile da calcolare a tavolino, perché va commisurata al tipo di vita che si segue:

 “Chi si muove molto, per lavoro o per hobby, brucia molte più calorie di un sedentario e quindi ne deve assumere di più”

Te­nere d’occhio il girovita è quindi il primo passo da compiere. È stato dimostrato che un eccesso di peso, oltre a ripercuotersi sulla salute delle arterie, incide anche sul fegato.Puntua­lizza Picciotto:

“È un organo di riser­va dei grassi e quelli in eccesso si accumulano anche qui”

Alcuni ricercatori del South western Medical Center, negli Usa, hanno di recente scoperto che chi segue una dieta povera di zuccheri brucia più grassi a li­vello epatico rispetto a chi segue un regime ipocalorico. Osserva­zioni queste, pubblicate sulla rivi­sta Hepatology, che secondo i ri­cercatori potrebbero avere impli­cazioni interessanti per il fegato: le modificazioni a livello del me­tabolismo epatico che derivano da una dieta povera di carboidra­ti potrebbero infatti essere sfrut­tate per migliorare le condizioni di chi soffre di fegato grasso. Afferma Picciotto:

“In linea di massima si può dire che i fondamenti della dieta medi­terranea sono validi anche per quel che ri­guarda la salute del fega­to, basta stare attenti a non eccedere con le calorie”

Da  privilegiare quindi i grassi vegetali, frutta e verdura, cereali. Poca carne bianca, pochis­sima rossa. E periodicamente pesce. Che le uova facciano male al fegato è soltanto una credenza popolare: al contrario, sono utilissi­me perché contengono parecchi aminoacidi sol­forati, come per altro broccoli, zucca, crucifere, aglio, cipolla e porri.

Ecco come funziona il meccanismo: nei processi di detossificazione che quotidianamente il fegato mette in atto, le sue cellule fanno in modo che gli agenti tossici da eliminare vengano legati a so­stanze che ne aumentano la solubilità in acqua e quindi siano più facilmente espulsi attraverso le urine. Per farlo usa appunto molecole che ottiene dagli aminoacidi solforati. Aggiunge Pic­ciotto:

“Anche sugli spinaci e sui carciofi circolano leggende metropolitane ri­spetto alla loro tossicità epatica ma sono tutte fasulle”

Articoli Correlati
Tutti i consigli per un fegato sano

Tutti i consigli per un fegato sano

Il fegato è la ghiandola più grande del nostro corpo e svolge compiti fondamentali, ma non sempre gli viene dedicata la giusta attenzione: trascurare quest’organo è sbagliato: nonostante sia molto […]

Dieta ad alto residuo contro la stitichezza

Dieta ad alto residuo contro la stitichezza

La stitichezza, o stipsi, è un disturbo piuttosto comune alla base del quale possono trovarsi patologie quali colite, emorroidi, ragadi, diverticolite ecc. Spesso però a determinarne l’insorgenza sono abitudini di […]

La dieta Dash contro l’ipertensione

La dieta Dash contro l’ipertensione

La dieta Dash è stata messa a punto negli Stati Uniti per testare l’effetto dell’alimentazione sulla pressione sanguigna e sullo stato di salute dell’apparato cardiovascolare. Si tratta quindi di una dieta creata […]

Lista Commenti