Zumba Fitness per perdere peso a ritmo di musica

di Mariposa Commenta

 Trionfa lo Zumba nelle palestre italiane. Quest’anno praticare sport, per moltissime ragazze (e non solo), vuol dire fare fitness a ritmo di musica latina. Immaginate quindi di abbinare ad alcuni passi di danza “basic” dei tipici balli caraibici, esercizi tonificanti e musica a tutto volume.

Il risultato sarà una lezione di Zumba Fitness che ha come obiettivo, ovviamente, ridare tono ma anche far divertire. Il bello, infatti, di quest’attività, inventata dall’esperto di fitness e ballerino colombiano Alberto Perez, è la dinamicità.  Non è quindi un caso che dall’altra parte dell’Oceano, negli Stati Uniti, dove lo Zumba ha trionfato per la prima volta, lo slogan è “It’s not a workout, it’s a party!” (“Non è una fatica, è una festa!”).

I corsi in palestra spesso sono ripetitivi e anche un po’ noiosi. Inoltre, implicano delle capacità. Ecco perché molte persone decidono di evitare la lezione di gruppo e concentrarsi su qualcosa di più individuale, come la semplice e ripetitiva scheda di esercizi preparata dal personal trainer. Risultato? Gli amanti del Body Building ottengono ottimi risultati, gli altri spesso perdono interesse alla seconda settimana.

Per partecipare allo Zumba non c’è bisogno di particolari competenze e soprattutto non serve saper ballare: la musica è una scusa per rendere più piacevole l’attività, ma anche dare un ritmo alla lezione. Non pensiate quindi di imparare la salsa e il merengue. Beto Perez, l’inverntore, ha dichiarato:

Più che una ginnastica, è una filosofia di vita: non imponiamo mai a chi fa Zumba di seguire i movimenti in modo tassativo e preciso. Ciascuno è libero di esprimersi come vuole. Il nostro obiettivo è coinvolgere corpo e mente in un tutto unico. Danzando.

È proprio questa dimensione che sta conquistando gli italiani, mandando in “pensione” alcune discipline di grido fino a due anni fa (come il pilates). È arrivato in Europa da circa 5 anni ed è stata subito mania. Lo Zumba è adatto a tutti, dai bambini ai nonni, e le lezioni possono essere calibrate in base alle necessità dei propri utenti (i passi sono molto semplici e facilmente memorizzabili). Coloro che però frequentano di più le lezioni – per adesso – sono le donne, che hanno apprezzato la possibilità di mescolare la danza alla ginnastica.

Dallo Zumba oggi sono state create tantissime altre discipline, come l’Aqua Zumba, che ovviamente ambiente la disciplina di Beto Perez nell’acqua, lo Zumbatomic, studiata appositamente per i bambini, poi c’è lo Zumba Gold, per un pubblico più adulto fatto di over 60, e lo Zumba Sentao, pensato invece per chi fa una vita sedentaria, lavora moltissimo e ha bisogno di allenarsi anche alla propria scrivania.

Ma fa anche dimagrire e quanto? Beto sostiene di aver visto persone perdere anche 20 chili. Forse sono troppi e il merito sarà stato sicuramente anche di una dieta ipocalorica studiata ad hoc. Sicuramente fa dimagrire, perché trattasi di movimento aerobico molto intenso. Se svolto nella versione più pura, in teoria, permette di bruciare fino a 1000 calorie in un’ora. Favorisce l’allenamento in modo equilibrato di tutto il corpo, smaltendo la pancia, tonificando le gambe, ma anche le braccia. Ha però un ruolo molto importante anche per la salute mentale, perché libera la mente dallo stress e dalle energie negative. Inoltre, favorisce la socializzazione. In che senso? Sono lezioni di gruppo e ovviamente lo Zumba stimola il contatto con gli altri.

Oltre poi all’aspetto estetico e psicologico, c’è quello legato alla salute. Lo Zumba Fitness tiene basso il colesterolo cattivo, perché permette di smaltirlo più velocemente, accelera il metabolismo e di conseguenza aiuta a bruciare i grassi. Inoltre, collabora alla prevenzione dell’osteoporosi perché aumenta la densità ossea. Essendo poi un esercizio aerobico, migliora anche la salute del cuore e delle arterie (che libere dal colesterolo staranno sicuramente meglio).

Photo Credit| ThinkStock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>