Tisane depurative e disintossicanti per rimettersi in forma

di Tippi Commenta

Tisane depurative disintossicanti rimettersi forma

Dopo i pranzi, i cenoni e l’Epifania è ora di fare i conti con la bilancia… se anche voi siete tra coloro che hanno messo su quale chilo di troppo e accusano quel fastidioso gonfiore, le tisane depurative e disintossicanti sono proprio quelle che fanno al caso vostro.

  • Tisana al tarassaco (dente di leone): Mettete 2 cucchiai di tarassaco in un pentolino con 100 ml di acqua in ebollizione. Lasciate in infusione per 5 minuti e filtrate con un colino. Si consiglia di bere 2 tazze al giorno.
  • Tisana di gramigna e betulla: Mettete in infusione in 1 litro d’acqua 10 g di radice di gramigna, 10 g di foglie di betulla, 10 g di sommità di verga d’oro, 10 g di radice di liquirizia. Bevete 3 tazze da 250 ml al giorno.
  • Tisana al cardo mariano: Mettete 10 g di semi di cardo mariano, 10 g di parti erbacee di assenzio e 10 g di foglie di menta piperita in 1 litro di acqua bollente. Lasciate in infusione per 10 minuti. Filtrare e bere 1 tazza 2 ore prima dei pasti principali.
  • Tisana contro gas intestinali e fermentazione: si prepara una miscela con ½ cucchiaio di semi di cumino, ½ cucchiaio di semi di finocchio, ½ cucchiaio di semi di anice e 1 cucchiaio di menta secca. Di questo mix si versa 1 cucchiaino in 1 tazza di acqua bollente e si lascia in infusione per 10 minuti. Filtrate e bevetene 1 tazza dopo pranzo e cena per 15 giorni.
  • Tisana al carciofo: il carciofo è famoso per le sue proprietà depurative. In erboristeria dovrebbero avere una miscela già pronta, altrimenti fatevi realizzare il seguente mix al momento: 30 grammi di foglie di carciofo, 20 grammi di radice di cicoria, 10 grammi di foglie di menta piperita, 10 grammi di foglie di melissa. Un cucchiaio da minestra vale per circa 200 ml acqua. Va lasciata in infusione per 10/15 minuti e poi filtrata.
  • Tisana all’ortica: l’ortica è una vera e propria miniera di sostanze benefiche. Contiene, infatti, proteine, flavonoidi, Sali minerali (potassio, calcio, fosforo, ferro, ecc.) vitamine B1, B2, B6, C, D, K, acido pantotenico e acido folico. La tisana si prepara lasciando in infusione 2 g di ortica (secca o fresca) in 1 tazza da 100 ml per 8-10 minuti.
  • Tisana alla liquirizia: radice di liquirizia vanta una spiccata azione depurativa. La tisana si prepara lasciando in infusione 60 g di radici per 1 ora in 1 litro di acqua bollente. Trascorso il tempo necessario, filtrate e bevete 1 tazza dopo pranzo.
  • Tisana drenante: si prepara una miscela con 30 g di frassino, 30 g di foglie di betulla, 20 g di fucus e 20 g di fiori e foglie di biancospino. Versatene 15 g in 1 tazza di acqua fredda e fate bollire per 3 minuti. Spegnete il fuoco e fate riposare per 40 minuti. Filtrate e bevetene 4 tazze al giorno per 1 settimana.
  • Tisana al sambuco: si prepara una miscela con 15 grammi di sambuco, 30 grammi di tarassaco e 15 grammi di menta. Versate 1 cucchiaino in 1 tazza di acqua bollente e lasciate in infusione per 10 minuti. Filtrate e bevetene 1 tazza dopo pranzo e cena.

Le tisane vanno bevute immediatamente dopo la preparazione poiché la conservazione disperde i principi attivi. Eventualmente, si possono conservare in frigo per 1 giorno al massimo e in un recipiente a chiusura ermetica. Andrebbero assunte senza dolcificanti, anche perché lo zucchero, come ben saprete, ha un alto potere calorico. 1 cucchiaino ha 20 calorie… in alternativa si può usare il miele, per potenziare l’effetto terapeutico, lo sciroppo d’agave o la stevia, una pianta dell’America del Sud, considerata un potente dolcificante naturale, privo di calorie, ma ricco di proprietà benefiche per l’organismo. È 300 volte più dolce dello zucchero e non presenta le stesse controindicazioni dell’aspartame, che a distanza di anni dalla sua nascita come additivo continua ad essere al centro di numerose critiche.

Photo Credit| Thinkstock