Miele, tutte le virtù

di Silvana Commenta

 Delle virtù benefiche del miele vi abbiamo parlato in diverse occasioni. Oggi però torniamo sull’argomento con l’aiuto di un esperto; il contributo che segue è infatti curato dal dottor Paolo Scicolone, tecnologo alimentare. Il dottor Scicolone, vive e lavora a Catania, dove esercita già da diversi anni la libera professione di consulente alimentare.

Buona lettura!

Considerato con distacco dagli ortodossi della dieta ipocalorica ma benedetto dalle usanze popolari e dai nutrizionisti più attenti ai valori nutrizionali complessivi degli alimenti, fra scienza e mito un posto di assoluto riguardo nelle culture di tutti i popoli è sicuramente riservato al miele. Prima  dell’avvento della “civiltà”, questo alimento rappresentava praticamente l’unico sapore dolce conosciuto dall’uomo; certo, si mangiavano anche frutta, radici zuccherine, petali di fiori dolciastri ma il gusto pieno e tondo del dolce lo trovava solo nel miele. Come tutti i prodotti dell’arnia è per noi un “superalimento”, purchè sia integrale e vergine. Universalmente e tradizionalmente riconosciuto per le sue virtù salutistiche è oggi, letteratura scientifica alla mano, considerabile come un efficacissimo integratore alimentare ed utile coadiuvante come rimedio in diverse patologie.

Attualmente i tipi di miele in commercio sono diversi e traggono proprietà e virtù dai fiori da cui sono derivati.

  • Miele di abete: di colore molto scuro, quasi nero, fortemente aromatico con sapore assai gradevole, il miele di abete è ritenuto un ottimo antisettico polmonare e delle vie respiratorie in grado di produrre effetti antipiretici, espettoranti, spasmolitici.
  • Miele di Acacia: di colore chiaro ambrato, trasparente, odore dolce, sapore delicato, aspetto tipicamente liquido è particolarmente indicato per i bambini specie se hanno infiammate le mucose dell’apparato respiratorio e gastrointestinale, purchè non sia pastorizzato. La sua ricchezza in levulosio lo rende tollerabile in piccole dosi anche per i diabetici.
  • Miele di arancio: di colore chiaro e profumato, di sapore gradevole gli si attribuiscono proprietà antispasmodiche e sedative. Ha potere cicatrizzante ed è indicato nel trattamento delle ulcere. Particolarmente diffuso nelle aree mediterranee ed in particolare nelle zone dell’ETNA
  • Miele di Biancospino: di colore leggermente ambrato, sapore dolce e gradevole, profumato,  di aspetto leggermente granuloso, viene ritenuto “il miele dei cardiaci”, poiché viene consigliato in caso di ipertensione, palpitazioni, angina pectoris, arteriosclerosi, spasmi, convulsioni. E’ indicato anche in caso di insonnia.
  • Miele di Castagno: di colore bruno scuro, con profumo acre e sapore tendente all’amaro. Considerato insieme al miele di abete un miele da esperti, il miele di castagno è particolarmente ricco di sali minerali. Gli vengono attribuite proprietà sudorifere, espettoranti, stimolanti. E’ consigliato in casi di anemia e affaticamento e persino ai soggetti in sovrappeso.
  • Miele di Eucalipto: fra i più commercializzati ed apprezzati ha un colore variabile da chiaro a grigio bruno, particolarmente aromatico è uno dei mieli più ricchi di enzimi. Gli vengono riconosciute proprietà anti asmatiche, anti catarrali, anti spasmolitiche, emollienti, sedativi della tosse, antisettiche delle vie respiratorie delle vie urinarie e dell’intestino; pare sia molto efficace contro le cistiti urinarie ed è molto usato anche come vermifugo e cicatrizzante delle affezioni alla bocca.
  • Miele di Rosmarino:  particolarmente interessante per l’azione benefica sul fegato. Di consistenza quasi solida e e di aspetto molto granuloso, con colorazione che va da bianco pallido a un dorato pallido il miele di rosmarino è il più indicato per chi soffre di affezioni epatiche. Favorisce il decongestionamento del fegato, la regressione degli itteri, di notevole aiuto nelle insufficienze epatiche, aiuta nella lotta contro tutte le malattie infettive di quest’organo come per esempio l’epatite virale; ha virtù stimolanti in generale ed è consigliato in caso di affaticamento. Eccellente per lo stomaco e l’intestino combatte flatulenze, fermentazioni, coliti.

L’utilizzo del miele in generale, quindi, ricordando che deve essere  grezzo e vergine, ha effetti benefici sulla nostra salute. Ottimo come dolcificante in alcune bevande delizioso in accoppiata con tantissimi alimenti dolci o salati, un cucchiaino di miele non ha mai rovinato il regime dietetico di nessuno ma ha arricchito di certo l’apporto nutrizionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>