Regolare la fame con l’ipotalamo: mettersi a dieta frequentando le persone giuste

centro della fame

Ormai è certo. Tutto il nostro ingrassare dipende da una zona del cervello: l’ipotalamo. Qui vi sono cellule nervose che “dicono” al centro della farne, quanto bere, quando siamo sazi, quali cibi mangiare e, soprattutto, in che quantità. Quindi è inutile perdere tempo a contare le calo­rie, a mettersi a dieta: l’ipotalamo è più forte di noi. E allora tutto il problema è come “fare con­tenta” questa zona del cervello. Si tratta proprio di accontentarla, altrimenti si vendica facendoci in­grassare.

Sì, perché l’ipotalamo è anche la sede delle emozioni, dei sentimenti, delle paure, questa è anche in connessione continua con i profumi, la memo­ria, il gusto, i sapori. Sei triste, scontenta? L’ipotalamo tratta la mancan­za di gioia come un vuoto da colmare e ricorre al­l’uso di dolci: è il suo modo di darci le carezze. Quali sono le cose che infastidiscono l’ipotala­mo? Secondo quasi tutti i ricercatori al primo posto bisogna mettere i sensi di colpa. Non ti senti una brava madre? Non ti piaci e ricolpevoliz­zi perché non sei abbastanza bella e magra? Questo punirsi fa “arrabbiare” l’ipotalamo, che si vendica, facendoci mangiare di più e a sproposito.

Al secondo posto occorre mettere il piacere. Biso­gna farsi ogni sera queste domande: oggi mi sono divertita? Ho provato un’attrazione erotica? Ho giocato? Ho riso? Se c’è piacere nella vita il centro della fame viene saziato. Il contrario di quando ci insegnano a vivere prima di tutto per il dovere.

Al terzo posto c’è l’ipercontrollo tra i nemici dell’ipotalamo. Chi non si arrabbia mai, chi non perde mai la testa, chi è sempre controllato, rischia la pancia. Infatti l’ipotalamo è il luogo delle emozio­ni primordiali, quelle che ci vengono dal nostro passato antico animale, che sono quelle che ci fanno sentire più vivi.

Al quarto posto biso­gna mettere il senso del tempo: pensi trop­po al futuro? Program­mi troppo per paura delle incertezze dei prossimi anni? rispar­rni a più non posso pensando ai tempi difficili che verranno? E il cervello tratta questi modi di essere come i segnali del letargo: più sei preoccupa­to per il futuro e più l’ipotalamo si prepara ad accumulare scorte di grasso come fanno gli animali d’inverno.

Perciò bisogna essere più spensierati. Ma l’ipotalamo è collegato anche ai profumi, ai co­lori: mettersi indosso il vestito del colore che ci piace o una fragranza che ci dà benessere, ci ricorda la nostra identità profonda. L’ultima cosa sono le relazioni: se frequenti le persone sbagliate, lo capisci dal fatto che non ti senti a tuo agio. L’ ipotalamo le tratta come nemiche e ti fa mettere su la pancia per alzare una corazza, una distanza tra te e loro. Devi mettere in chiaro le cose. Vale il proverbio: patti chiari e amicizia lunga. Per l’ipotalamo si dimagrisce solo se frequenti gli amici giusti.

Condividi l'articolo:

21 commenti su “Regolare la fame con l’ipotalamo: mettersi a dieta frequentando le persone giuste”

  1. Attractive component to content. I simply stumbled upon your site and in accession capital to claim that I acquire in fact enjoyed account your blog posts. Anyway I will be subscribing to your augment or even I achievement you get admission to constantly rapidly.

    Rispondi
  2. I wanted to draft you this tiny note just to thank you very much the moment again regarding the nice secrets you’ve contributed in this case. It has been quite tremendously open-handed with people like you to allow unreservedly what exactly most people might have offered for sale for an ebook to generate some cash for their own end, particularly considering that you could possibly have done it if you ever desired. These solutions also served to become fantastic way to fully grasp that many people have a similar fervor the same as my personal own to know many more when it comes to this condition. I believe there are numerous more pleasant sessions in the future for those who discover your blog.

    Rispondi
  3. It’s a pity you don’t have a donate button! I’d without a doubt donate to this brilliant blog! I guess for now i’ll settle for book-marking and adding your RSS feed to my Google account. I look forward to fresh updates and will talk about this website with my Facebook group. Chat soon!

    Rispondi
  4. I have to express my appreciation to you for rescuing me from such a circumstance. Just after surfing throughout the search engines and finding opinions which are not beneficial, I was thinking my life was well over. Being alive minus the answers to the difficulties you have resolved as a result of your entire site is a critical case, and ones that might have in a wrong way damaged my career if I hadn’t discovered your blog. Your actual expertise and kindness in taking care of all the pieces was excellent. I don’t know what I would’ve done if I had not discovered such a solution like this. I am able to at this time look ahead to my future. Thanks for your time so much for the expert and results-oriented help. I will not hesitate to recommend your web page to anybody who would need assistance about this area.

    Rispondi
  5. Thank you for sharing superb informations. Your site is very cool. I’m impressed by the details that you’ve on this website. It reveals how nicely you understand this subject. Bookmarked this website page, will come back for more articles. You, my pal, ROCK! I found simply the information I already searched all over the place and simply could not come across. What an ideal site.

    Rispondi
  6. You really make it seem really easy with your presentation but I in finding this topic to be actually one thing that I believe I’d never understand. It kind of feels too complex and very extensive for me. I am looking forward in your next submit, I’ll try to get the hang of it!

    Rispondi
  7. This is very attention-grabbing, You’re a very skilled blogger. I’ve joined your feed and stay up for looking for more of your excellent post. Additionally, I have shared your site in my social networks!

    Rispondi

Lascia un commento