Regole pratiche per contrastare i bruciori di stomaco a tavola

di Siry Commenta

Mangiate lentamente: la triturazione del cibo durante la masticazione facilita l’attività gastrica. Mangiare un panino, ingurgitando interi bocconi per la fretta, favorisce il reflusso in quanto allunga il tempo di permanenza del cibo nello stomaco. Per questo motivo è essenziale che la masticazione sia lenta e che la dieta preveda l’assunzione di quattro o cinque piccoli pasti anziché una o due grandi abbuffate giornaliere.

Controllate il peso corporeo: con il sovrappeso, l’au­mento della pressione intraddominale, premendo contro le pa­reti dello stomaco, favorisce la risalita del contenuto gastrico. Tale pressione può aumentare anche in gravidanza.

Bevete di più: la saliva e i liquidi proteggono le mucose esofagee dai succhi gastrici. Tuttavia, non bevete (e non man­giate) subito prima di andare a dormire. Nel momento in cui compare il mal di stomaco, il primo pen­siero, di solito, riguarda il tipo di cibo ingerito durante l’ultimo casto. A tal proposito occorre distinguere due diversi tipi di alimenti che, se presenti nella dieta, possono favorire l’acidità gastrica: gli alimenti che ritardano lo svuotamento dello stomaco aumentando le possibilità che si verifichi una risalita di succhi acidi. Per evitare il reflusso è infatti importante che lo stomaco si svuoti rapidamente. Di conseguen­za la dieta dovrà essere povera di tutti quei cibi che si fermano a lungo nello stomaco, come quelli ricchi di grassi (formaggi stagionati, insaccati e fritture).

Evitate  le bibite gassate e l’abitudine di masticare chewingum, che aumentano direttamente o indirettamente la quantità di aria presente nella sacca gastrica. La presenza di questi gas in­crementano la pressione all’interno dello stomaco favorendo la risalita verso l’alto del contenuto gastrico.

No  agli alimenti che hanno caratteristiche irritanti, come vino bianco, aceto, superalcolici, succo di pomodoro o di agrumi. Tali cibi, a cui vanno aggiunti anche tè, caffè, cacao e cioc­colato e gli alimenti o le bibite che li contengono, favoriscono l’aumento di acidità nello stomaco.

Un consumo moderato di vino rosso combatte l’helicobacter: è quanto risulta da una recente ricerca dell’università di Siena. Tutto merito degli “stilbeni,” e in particolare del resveratrolo che, in laboratorio, ha dimostrato la stessa efficacia degli antibiotici. Ma la quantità assunta non deve superare il bicchiere al giorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>