Pollo di soia: ecco l’ultimo ritrovato della scienza alimentare

Avreste mai potuto pensare che potesse esistere un pollo di soia? Pare proprio di sì ed è l’ultimo ritrovato della scienza alimentare, realizzato da una ricerca combinata tra il College of Agriculture, Food and Natural Resources e il College of Engineering, e pubblicata sulla rivista scientifica “Journal of Agricultural and Food Chemistry”.

La carne del pollo di soia è simile a quella del pollo tradizionale ma, oltre ad essere accessibile anche a vegetariani e vegani, è utile contro il colesterolo e per rafforzare le ossa. Il pollo di soia deriva dalla farina di soia, e in particolare dalle proteine che essa contiene, che sono state messe in un macchinario che le ha cotte e rese commestibili.

Dopo le prime prove di produzione del pollo di soia, ecco cos’ha dichiarato il dottor Fu-Hung Hsieh, coordinatore della ricerca:

I primi test hanno fornito alcune strutture fibrose per il prodotto finale, ma si sapeva più di tacchino. Al fine di realizzare un prodotto più realistico, abbiamo dovuto modificare il processo e aggiungere fibre extra per dare una sensazione di soia filante, simili alle fibre grossolane del pollo.

Il pollo di soia non è simile agli altri alimenti fatti con la soia, anzi: sembra essere molto simile al pollo vero perché è costituito per la maggior parte da base umida che lo fa sembrare pollo “in carne ed ossa”. Dal punto di vista nutrizionale gli scienziati si manifestano concordi sulla validità del pollo di soia: fornisce una buona dose di acidi grassi ed è privo di colesterolo; in quanto al gusto, invece, bisogna aspettare che venga messo in commercio.

[Fonte: newsfood.com]

Condividi l'articolo:

14 commenti su “Pollo di soia: ecco l’ultimo ritrovato della scienza alimentare”

  1. Throughout the grand pattern of things you receive an A+ for effort. Where exactly you actually confused everybody ended up being on the specifics. As people say, the devil is in the details… And it could not be much more correct right here. Having said that, allow me reveal to you exactly what did do the job. The authoring can be pretty engaging and this is possibly the reason why I am making an effort in order to comment. I do not really make it a regular habit of doing that. Next, despite the fact that I can see the leaps in logic you come up with, I am not really sure of just how you seem to connect your points that help to make the conclusion. For the moment I will yield to your point but trust in the near future you actually connect your dots better.

    Rispondi
  2. What¦s Going down i am new to this, I stumbled upon this I have found It positively useful and it has aided me out loads. I am hoping to give a contribution & assist different users like its helped me. Great job.

    Rispondi

Lascia un commento