Hula-Hoop, per fare ginnastica e perdere peso

di Mariposa Commenta

 

Dopo il rebounder, il materassino molleggiato per fare ginnastica, ci concentriamo su un altro strumento divertente: l’Hula Hoop. Abbandonate l’idea del gioco e delle gare di twist e pensate che potrebbe essere lui a farvi tornare quel vitino da vespa che avevate qualche anno fa.

L’Hula Hoop non è più solo un piacevole gioco, una sfida con se stessi. Si sta trasformando in una pratica di gruppo e ha davvero dei benefici incredibili nella lotta ai chili di troppo. A sostenerlo sono gli esperti dell’American College of Sports Medicine. La cosa che stupisce di più è la quantità di energia che si riesce a bruciare: fare girare il cerchio per circa 30 minuti equivale a percorrere a piedi 6/7 chilometri. Tra l’altro, è perfetto per snellire il punto vita (la cosiddetta pancetta).

Per questo motivo l’ American college of Sports Medicine sta cercando di sfruttare al meglio le potenzialità di questo strumento. È ovvio che l’Hula Hoop debba essere usato con un po’ di moderazione.  Quindi lo possono praticare le persone in buone condizioni di salute. Per ottenere qualche risultato il consiglio degli esperti è fare attività cinque volte la settimana per 30 minuti, chi invece avesse meno tempo: 20 minuti tre volte la settimana.

Per giungere a questa tesi, come sempre, c’è stato uno studio cui hanno partecipato 16 donne sane tra i 16 e i 59 anni. I medici hanno verificato che durante la lezione il dispendio calorico è di 70 kcal/min, ovvero 210 calorie per 30 minuti, che ufficialmente è la durata massima di un allenamento. Dopo è davvero troppo pesante. Se avete voglia di sperimentare questo davvero può essere un nuovo suggerimento per fare sport in modo divertente e da alternare alla classica corsa o passeggiata.

[Fonte: Corriere]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>