Digestione difficile, che fare?

di Silvana 2

Le difficoltà digestive rappresentano uno dei disturbi frequenti dell’apparato digerente; si manifestano subito dopo il pasto con sonnolenza, pesantezza, bruciore di stomaco, nausea, eruttazioni e sensazione di malessere generale cui può accompagnarsi anche mal di testa e tachicardia. Nella gran parte dei casi la dispepsia è dovuta ad uno stile di vita alimentare, e non, poco equilibrato: pasti troppo abbondanti e/o ricchi di grassi, masticazione affrettata, sedentarietà, stress, l’abitudine di stendersi subito dopo i pasti.

Si parla in questi casi di dispepsia funzionale ed è possibile alleviare o eliminare il disturbo anche modificando leggermente le proprie abitudini di vita. Vediamo in che modo:

Per prima cosa è opportuno mangiare leggero, non eccedere con spezie, grassi, formaggi fermentati ed eliminare l’alcol e le bibite gassate; ricordatevi anche di masticare lentamente e a lungo.

Dopo pranzo non andate subito a stendervi se ne avete l’opportunità fate piuttosto una breve passeggiata oppure muovetevi un pò per casa (anche sparecchiare e lavare i piatti potrà esservi d’aiuto).

Non cenate troppo tardi e comunque mantenetevi leggeri.

Attenzione anche al modo in cui combinate gli alimenti nel corso dello stesso pasto, non associate nella stessa pietanza proteine e amidi  (ne sono un esempio tipico le pasteasciutte con condimenti a base di carne), proteine e proteine, frutta e dolci con carboidrati. Non aggiungete grassi animali ad alimenti proteici.

Anche qualche bevanda digestiva potrà esservi utile per alleviare i sintomi della cattiva digestione: ottime artemisia, menta, liquirizia,  finocchio e rosmarino, lavanda e timo sotto forma di infuso; indicata anche la camomilla, grazie alla sua azione digestiva e antispasmodica.

Se i sintomi che accusate di più sono sonnolenza e uno sgradevole sapore della bocca ripiegate su tarassaco, cardo mariano e carciofo sotto forma di tisana, mentre lo zenzero fresco o essiccato vi aiuterà in caso di nausea: fresco usatelo per preparare una tisana, secco per un decotto.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>