L’ultima follia delle stars: la dieta a base di omogeneizzati

di Daniela Commenta

Qui su Dietaland ve lo abbiamo detto tante volte: le diete delle stars di Hollywood sono le meno indicate per perdere peso in modo sano e sicuro, in quanto alternano menù da fame a giorni in cui mangiano i cibi dei fast food. Proprio su questa linea si colloca l’ultima trovata in campo alimentare proveniente da Oltreoceano, vale a dire la dieta Baby Food, che consiste nel nutrirsi quasi esclusivamente di omogeneizzati.

Questa dieta così bizzarra è stata ideata dalla personal trainer dei vip Tracy Anderson, la quale ha ideato un regime alimentare composto unicamente da omogeneizzati, pappe di frutta e verdura e purè, senza la minima presenza di cibi solidi che, secondo la Anderson sarebbe in grado di far perdere peso molto velocemente.

Nonostante sia chiaro che la dieta Baby Food sia assolutamente da evitare, pare che sia seguita da molti i vip; i nomi? Nonostante abbia smentito di seguirla, sembra che Jennifer Aniston sia una fan di questa dieta, che seguirebbe per non scomparire accanto alla longilinea Nicole Kidman, con la quale sta per girare un film. Anche la “casalinga disperata” Marcia Cross era stata indicata come seguace di questa dieta a base di omogeneizzati, ma anche lei, come la Aniston, ha smentito.

Per fortuna, però, ci sono anche attrici che schierano pubblicamente contro queste diete pericolose, oltre che da fame; ne un esempio, la bellissima attrice spagnola Penelope Cruz che, in un’intervista di qualche tempo fa aveva dichiarato:

Mi piacerebbe chiudere tutte quelle riviste adolescenziali che incoraggiano le giovani donne a mettersi dieta. Chi dice che per essere bella devi essere magra? L’influenza di quelle riviste per ragazze di tredici anni è orribile.

Le fa eco Jennifer Lopez, famosa per il suo corpo tutto curve, che ha sempre assicurato di non rinunciare ai suoi cibi preferiti, ma solo di controllarne le porzioni:

Una piccola porzione di cibo calorico non ti uccide. È quando mangi la scatola intera che corri quel rischio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>