La dieta dei microrganismi per dimagrire velocemente

di Redazione Commenta

Quali sono i cibi che ci assicurano non solo un certo benessere ma anche salute? Non cercate nella Dieta Mediterranea o in qualche enciclopedia, secondo le ultime ricerche provenienti dagli Stati Uniti sono i batteri, i protagonisti della dieta capaci di combattere l’obesità e aiutare il senso di sazietà. Questi microrganismi, sperimentati in laboratorio, favoriscono il dimagrimento nonostante una dieta ricca di grassi.

Ovviamente non si può pensare di mangiare male e condurre una vita sregolata, tanto ci sono i cibi che agiscono sulla flora intestinale. Sarebbe un grave errore e un peccato di ingenuità. I microrganismi studiati in laboratorio, una volta somministrati alle cavie insieme ai pasti quotidiani, hanno mostrato di essere efficaci nell’influenzare il processo di dimagrimento. I topini hanno avuto una perdita di peso del 15 percento in più, senza fatica. E non è affatto male.

Alcuni ricercatori della Vanderbilt University di Nashville stanno cercando di creare batteri capaci di limitare l’accumulo di peso. L’obiettivo è la creazione di microrganismi geneticamente modificati in grado di aiutare il senso di sazietà, che nell’organismo umano sarebbe connesso all’esistenza di una molecola segnale prodotta a livello intestinale. Non è la prima volta, però, che la flora batterica diventa protagonista della dieta.

Come sappiamo è proprio a livello intestinale che si decide gran parte della nostra salute e la dieta è il primo mezzo che abbiamo per alimentare correttamente questa flora. Preservare quindi il benessere del nostro intestino vuol dire favorire la riuscita di una dieta, aiutando a mantenersi in forma, sia dal punto di vista del peso, sia per quanto riguarda l’eliminazione delle tossine e la bellezza dell’epidermide.

 

Photo Credits | Shutterstock / Warren Goldswain

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>