Dieta del pompelmo, quali sono i pro e i contro?

di Mariposa Commenta

Il pompelmo è un frutto disintossicante ideale per una bella dieta. Inoltre, contiene tantissime vitamine (A, B e C) e anche antiossidanti. È ricco di calcio, magnesio, zolfo, sodio, ferro, rame, cloro e fosforo ed è consigliato per prevenire le malattie per prevenire le malattie cardiovascolari, disinfetta l’apparato digerente.

Ha poi un’altra caratteristica che lo rende particolarmente seducente: è indicato per le persone in sovrappeso perché accelera la trasformazione dei grassi in energia. In altre parole, accelera il metabolismo.

Pro della dieta del pompelmo

Il pompelmo stimola la diuresi, ha un effetto drenante, disintossica il fegato e favorisce la regolazione dei livelli di zucchero nel sangue evitando i picchi glicemici. Pulisce anche i reni dalle tossine, stimolando le ghiandole surrenali.

L’importante è evitare di esagerare con le dosi e prestare attenzione nel caso si stiano assumendo farmaci a base di statine, utilizzati per abbassare il colesterolo, calcio-antagonisti, alcuni sedativi, antibiotici e medicine usate in chemioterapia. Verificare insieme al medico permetterà di evitare gli effetti collaterali.

Contro della dieta del pompelmo

La dieta del pompelmo non è consigliata se si soffre di bruciore di stomaco e reflusso gastrico. Inoltre, la sua acidità influisce sulle condizioni dello smalto dei denti.

Può poi interferire con alcuni farmaci, tra cui pillola anticoncezionale, i farmaci anticolesterolo, gli antidepressivi, i calcio antagonisti, gli ansiolitici, gli immunosoppressori: è infatti in grado di diminuire l’assorbimento di questi prodotti. Ricordiamo poi, che il pompelmo è salutare, ma sostituire interi pasti con l’agrume è controproducente e potrebbe recare gravi danni all’organismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>