Cure anti-grasso vietate in Francia, la proposta di Codacons

di Redazione Commenta

La Francia ha detto stop alle classiche terapie antigrasso, ovvero i trattamenti di medicina estetica per il dimagrimento localizzato.  Dal 12 aprile, in territorio francese, non è più possibile combattere la cellulite con la mesoterapia, ultrasuoni, laser, infrarossi e radiofrequenza perché pericolosi per la salute. Una decisione che sta facendo molto discutere, soprattutto noi italiani.

Sono state vietate quelle tecniche di distruzione delle cellule di stoccaggio dei lipidi a fini estetici e quelle che usano agenti esterni per ottenere un effetto snellente. Il motivo? Le troppe segnalazioni al ministero della Salute di pazienti con gravi conseguenze dopo i trattamenti. Ma se sono così dannosi come mai in Italia non si fa nulla, perchè anche qui non vengono vietati? A chiederlo è la Codacons. Il problema principale è la poca chiarezza diffusa tra medicina estetica e la semplice estetica.

Il ministero della Salute ha risposto in modo tempestivo:

Avvieremo un’indagine con l’Istituto superiore di sanità per verificare la sicurezza delle pratiche di lipolisi, e se ci sia anche in Italia una casistica relativa alle complicanze collegate a tali trattamenti che ci possa portare a seguire la via decisa dalla Francia.

I medici invece sono rimasti abbastanza basiti perché si sta andando a vietare tecniche, come il laser, che per anni hanno dato ottimi risultati. Come detto prima, il vero problema – almeno in Italia – non è la terapia ma chi la esegue: spesso in centri estetici vengono effettuati trattamenti invasivi senza le reali competenze.  Ma quali sono queste tecniche:

Mesoterapia: consiste nell’iniezione sottocutanea, in dosi minime, di un cocktail di farmaci diluiti con soluzione fisiologica.

Cavitazione, un trattamento che prevede l’utilizzo di ultrasuoni e radiofrequenza e non serve solo per ridurre la cellulite ma anche per contrastare le zone di grasso: è molto usata anche degli uomini per la classica pancetta.

Laserterapia: è l’utilizzo del laser in associazione con la mesoterapia poiché in grado di potenziarne l’efficacia, ma a differenza di questa non comporta né l’utilizzo di aghi, né quello di sostanze farmacologiche.

Carbossiterapia: prevede la somministrazione, per via cutanea o sottocutanea, di anidride carbonica allo stato gassoso. Questa tecnica favorisce la vasodilatazione dei tessuti con un conseguente miglioramento della circolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>