Come smaltire il pranzo di Natale

di Redazione Commenta

Anche per quest’anno Natale è andato, e con esso il pranzo pieno di bontà e, purtroppo anche di calorie in eccesso. Certo la maratona culinaria delle feste non è ancora finita, anzi è solo all’inizio, tuttavia per mettersi al riparo da altri “attentati” alla dieta, scopriamo come smaltire il pranzo di Natale, anche grazie ai consigli che emergono da uno studio dell’Università di di Wisconsin-Madison pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.

Secondo gli esperti, l’aumento di peso durante le feste di Natale è la percentuale più significativa di quello medio annuo con almeno un chilo in più a testa. Tutti in palestra quindi? Non proprio, secondo gli autori dello studio, infatti, non basta essere attivi per essere immuni dall’aumento di peso durante le festività natalizie.

Lo studio americano ha coinvolto 443 adulti tra i 40 e i 69 anni, sottoposti a test relativi al peso corporeo prima e dopo le vacanze natalizie: dai risultati è emerso che anche le persone più attive avevano preso peso; inoltre, gli obesi erano ingrassati di più rispetto ai normopeso e alle persone in sovrappeso.

La dottoressa Amelia Fiorilli, professoressa di Scienze tecniche dietetiche applicate della Scuola di Scienze motorie dell’ Università degli Studi di Milano, spiega:

In effetti, siamo spesso portati a sopravvalutare la spesa energetica delle attività che svolgiamo abitualmente, comprese quelle legate allo sport amatoriale. Per mantenersi in buona forma fisica ed evitare indesiderati aumenti di peso, l’attenzione all’alimentazione non può prescindere da un adeguato livello di attività motoria

Quindi sì allo sport anche durante le festività, perché il rischio di muoversi meno rispetto agli altri giorni è tanto; via libera, perciò allo sport all’aria aperta: per smaltire il pranzo di Natale fate tante passeggiate, vi aiuterà a bilanciare le entrate caloriche. Per quanto riguarda l’alimentazione, mangiate normalmente, meglio se abbondanti porzioni di frutta e verdura e, soprattutto, non esagerate con le porzioni e dimenticate i bis.

 

[Fonte]

 

Photo Credit | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>