Chili di troppo e diabete? Con una pinta di birra al giorno si sta meglio

di Mariposa Commenta

Chi lo avrebbe mai detto, che il consiglio del 2011 in campo alimentare fosse quello di concedersi una pinta di birra al giorno? Di solito esperti nutrizioni e dietologi sono tutti d’accordo: l’alcol fa male e bisogna assumerlo in piccole dose. Questa volta però un gruppo di studiosi dell’Università di Barcellona ha scoperto che per perdere peso, contrastare il diabete e tenere bassa la pressione bisogna stappare una “bionda”.

In molte occasioni abbiamo parlato delle proprietà salutari della birra, ma nonostante sia una drink dissetante, si è sempre ritenuta una bibita ingrassante. Ora, però qualcosa è cambiato, perché gli esperti sostengono esattamente l’opposto, novità interessante per tutti coloro che apprezzano.

Il motivo? contiene acido folico, vitamine, ferro e calcio, che, stando allo studio spagnolo, fanno della ‘bionda’ un insospettabile, almeno fino ad oggi, scudo per il sistema cardiovascolare. Tanto più valido considerando che tra i drink la birra vanta un contenuto alcolico tra i più innocui. È ovvio che questa scoperta abbia fatto subito il giro del globo, conquistando soprattutto il Regno Unito, dove la birra è regina assoluta.

Accanto alla birra deve esserci però una dieta mediterranea equilibrata, solo così può aiutare a perder peso e produce effetti benefici per la salute, simili a quelli già attribuiti in passato al consumo moderato di vino. A Tal proposito Ramon Estruch e Rosa Lamuela, autori della ricerca, hanno commentato:

I risultati ottenuti sfatano un mito generato dal fatto che, soprattutto i britannici, consumano la birra in grosse quantità, accompagnandola il più delle volte a una montagna di patatine fritte e scarso movimento.

Infatti, il limite deve essere una pinta al giorno, non di più. In questo modo si assumono 200 calorie, proprio come un cappuccino con latte intero e se ci pensate meno di due bicchieri di vino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>