Cachi, ecco perché mangiarli fa bene

di Valentina

I cachi sono uno dei frutti più gustosi che l’autunno porta nelle tavole: molto dolci, particolarmente nella loro varietà vanigliata, possono fare parte di una dieta bilanciata a patto che se ne consumino le giuste quantità. Vediamo insieme perché fa bene mangiarli.

Aiutano a depurare il fegato e l’organismo

I cachi sono una fonte perfetta di antiossidanti, sostanze utili non solo a combattere l’invecchiamento cellulare ma perfette per apportare tutta una serie di benefici. Questi frutti sono molto utili per fornire energia all’organismo e vengono considerati quasi degli integratori naturali per la varietà di vitamine e nutrienti che li compongono.

Uno dei maggiori benefici che il caco apporta al corpo umano se consumato è quello di migliorare la salute del fegato. Potassio, vitamina C  e i suoi minerali possono aiutare a mantenere in buona salute il fegato, favorendo quindi la depurazione dell’organismo dalle tossine, basilare per sentirsi bene e contrastare tutte le conseguenze di brutte abitudini come la sedentarietà e il consumo di cibo spazzatura.

Un altro importante beneficio apportato dal consumo di cachi è quello della regolazione dell’attività intestinale: è risaputo che questo organo è molto importante per la salute del nostro sistema immunitario e il suo funzionamento senza problemi diventa spesso sinonimo di ottima salute. Grazie al suo ampio apporto di fibre questo frutto si rivela essere una mano santa contro la stitichezza e per usufruire di tutte le sue qualità, gli esperti ne consigliano il consumo a colazione.

Cachi non adatti a chi soffre di diabete

Il caco è un frutto zuccheroso e molto buono, ma non è adattissimo a tutti i regimi alimentari: dovrebbe essere infatti consumato con molta attenzione da coloro che soffrono di diabete e sono in sovrappeso. Sebbene abbia solo 46 calorie per etto, il frutto di per se stesso può avere un peso considerevole: fattore che rischia di far consumare alla persona un apporto calorico eccessivo.

Tornando ai benefici offerti dal consumo di cachi, quello del rappresentare una buona fonte energetica per l’organismo è senza dubbio uno di quelli, soprattutto grazie alle sue quantità di potassio: si tratta di un frutto ottimale da consumare nel caso ci si senta stanchi e spossati o se ci si è sottoposti a un forte sforzo. I suoi zuccheri semplici possono essere infatti comparati a della “benzina” da usare nell’immediato.

Il rame e la vitamina C contenuti al loro interno fanno dei cachi un ottimo “integratore” naturale per il sistema immunitario che, grazie al loro consumo, avrà maggiori munizioni da spendere contro virus e batteri.