Surimi cosa contiene veramente?

di Redazione

Il surimi, noto anche con il nome di bastoncini di granchio, è un alimento molto apprezzato, soprattutto d’estate in quanto si presta a piatti veloci e freschi, ma cosa contiene veramente? Il surimi, di origine giapponese, è un prodotto industriale formato da strati di pesce non meglio identificato (suri, sgombro Atka e specie di carpa asiatica), arrotolati e tenuti insieme da addensanti. Vediamo insieme quante calorie contiene il surimi e come viene prodotto.

Surimi di granchio: proprietà nutritive

La polpa di pesce utilizzate per il surimi è composta essenzialmente da avanzi di lavorazione tritati e pressati, addizionati con varie sostanze chimiche come zuccheri, stabilizzanti, coloranti, polifosfati, aromi, sale o glutammato monosodico. Nei paesi occidentali viene usato come surrogato di granchio, ma è evidente che con la polpa di granchio ha davvero molto poco in comune, anzi, proprio un bel niente!

In commercio si trovano diverse varietà di surimi, da quello a forma di che al cosiddetto affettato di mare. Questo prodotto è particolarmente amato dalle aziende e non è difficile capire perché: consente di utilizzare pesce economico e di “ammantarlo” delle proprietà nutritive della polpa di granchio o di altri tipi di crostacei. Di fatto, invece, il surimi contiene poco pesce, dal 30% al 40%, per il resto si tratta di fecola di patate o altri farinacei, albume d’uovo, grassi vegetali (es. olio di palma), spezie ed esaltatori di sapidità come appunto il glutammato monosodico di cui parlavamo prima o l’E635, anch’esso un additivo che migliora le caratteristiche sensoriali degli alimenti.

In parole povere il surimi è un prodotto di scarso valore nutritivo, prodotto con poco pesce e soprattutto di bassa qualità. Il prodotto originale, invece, conserva ancora le sue proprietà e viene preparato con pesci pregiati come il merluzzo d’Alaska o Pollack. Come ha spiegato Valentina Tepedino direttore della rivista Eurofishmarket:

Da tempo siamo interessati a fare una ricerca sul prodotto, ma non abbiamo mai avuto un riscontro da parte degli addetti ai lavori. La normativa non impone una quantità minima di pesce né una qualità in particolare. Per questo motivo il surimi viene considerato come se fosse un ingrediente a sé stante, e non una preparazione alimentare a base di polpa di pesce e altre sostanze. Sull’etichetta dovrebbe comparire a fianco della denominazione commericiale “surimi” l’elenco degli ingredienti. Si potrebbero anche indicare le tipologie di pesce utilizzate, precisando la percentuale.

Surimi di granchio: calorie e valori nutrizionali

  • Calorie: 99 kcal
  • Calorie: 414 kj
  • Grassi: 0.9 g
  • Carboidrati: 6.85 g
  • Proteine: 15.18 g
  • Fibre: 0 g
  • Zuccheri: 0 g
  • Acqua: 76.34 g
  • Ceneri: 0.72 g

Minerali

  • Calcio: 9 mg
  • Sodio: 143 mg
  • Fosforo: 282 mg
  • Potassio: 112 mg
  • Ferro: 0.26 mg
  • Magnesio: 43 mg
  • Zinco: 0.33 mg
  • Rame: 0.032 mg
  • Manganese: 0.011 mg
  • Selenio: 28.1 mcg

Vitamine

  • Retinolo (Vit. A): 20 mcg
  • Vitamina A, IU: 67 IU
  • Vitamina A, RAE: 20 mcg_RAE
  • Tiamina (Vit. B1): 0.02 mg
  • Riboflavina (Vit. B2): 0.021 mg
  • Niacina (Vit. B3): 0.22 mg
  • Acido Pantotenico (Vit. B5): 0.07 mg
  • Piridossina (Vit. B6): 0.03 mg
  • Folato alimentare: 2 mcg
  • Folato, DFE: 2 mcg_DFE
  • Folati, totali: 2 mcg
  • Cobalamina (Vit. B12): 1.6 mcg
  • Acido ascorbico (Vit. C): 0 mg
  • Alpha-tocoferolo (Vit. E): 0.63 mg
  • Fillochinone (Vit. K): 0.1 mcg

Grassi

  • Acidi grassi, monoinsaturi: 0.149 g
  • Acidi grassi, polinsaturi: 0.443 g
  • Acidi grassi, saturi: 0.191 g
  • Colesterolo: 30 mg

Amminoacidi

  • Acido aspartico: 1.518 g
  • Acido glutammico: 2.397 g
  • Alanina: 0.891 g
  • Arginina: 1.008 g
  • Cisteina: 0.163 g
  • Fenilalanina: 0.595 g
  • Glicina: 0.588 g
  • Isoleucina: 0.709 g
  • Istidina: 0.35 g
  • Leucina: 1.202 g
  • Lisina: 1.387 g
  • Metionina: 0.515 g
  • Prolina: 0.566 g
  • Serina: 0.663 g
  • Tirosina: 0.612 g
  • Treonina: 0.734 g
  • Triptofano: 0.092 g
  • Valina: 0.77 g

Il surimi, dunque, per quanto possa apparire un alimento nutrizionalmente di buona qualità è di fatto un prodotto fortemente artefatto, manipolato e ricco di additivi. Morale della favola? Meglio comprare il pesce fresco! Fa bene alla salute, ma anche al portafogli, il che non guasta mai!

Via| Il fatto Alimentare; Photo Credit| Thinkstock