L’alimentazione iposodica

di Daniela Commenta

Come evidenziato da molti studi, noi italiani siamo grandi consumatori di sale, tanto che ne assumiamo dieci volte in più delle dosi consigliate, forse perché tendiamo a preferire i cibi saporiti rispetti a quelli con un minor apporto di sale.  

I cibi troppo salati fanno male, non solo perché provocano la ritenzione idrica e la comparsa di quel fastidioso inestetismo che è la cellulite, ma soprattutto perché troppo sale mina il benessere e la salute del nostro organismo; infatti, l’eccesso di sodio è fra le principali cause dell’ipertensione e delle malattie cardiocircolatorie. Secondo gli esperti, la dose giornaliera raccomandata di sale è compresa tra 575 e 3500 mg/giorno, e quindi per scongiurare problemi di salute, è bene attenersi a queste dosi.

La prima regola è non usare il sale per condire ma usare le spezie, come il pepe, il peperoncino, l’origano, l’erba cipollina e la maggiorana che, oltre a donare sapore ai cibi, fanno bene al nostro organismo.

A parte ridurre il consumo del sale per condire i cibi, ricordate che ci sono moltissimi alimenti ricchi di sale, che, quindi, andrebbero consumati raramente; tra questi i più pericolosi sono sicuramente i salumi, seguiti da alcuni tipi di formaggio e dalle patatine fritte.

Proprio per questo, per chi soffre di ipertensione, o semplicemente vuole accelerare la scomparsa della cellulite, è bene che elimini dalla dieta quotidiana gli insaccati, i formaggi, soprattutto quelle stagionati, le conserve in scatola, i pesci grassi e i crostacei. Tra gli altri cibi che devono essere banditi ci sono i crackers e i prodotti da forno industriali, la pasta ripiena e il burro.

Via libera, invece, alle carni magre, come il manzo, il vitello, il pollo e il tacchino, i pesci magri, come il merluzzo e la sogliola, i formaggi freschi, il latte scremato, il riso, la verdura e la frutta. Per quanto riguarda i metodi di cottura, i più adatti sono sicuramente alla griglia e al vapore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>