Tisane dimagranti, sono utili?

di Tippi Commenta

tisane dimagrantiDopo le abbuffate natalizie o con l’approssimarsi dell’estate inizia l’assalto alle palestre e alle erboristerie. Va subito precisato che parlare di tisane dimagranti è improprio, poiché le erbe possono senza dubbio avere un effetto depurativo e diuretico, ma non certo dimagrante. Le tisane dimagranti vere e proprie, infatti, sono sottoposte ad una stretta normativa ministeriale e non sono di libera vendita, perché rischiose per l’organismo.

Spesso, alcune tisane vengono spacciate come prodotti miracolosi, ma bisogna sempre dubitare quando vengono promessi dimagrimenti sensazionali, e ancora di più quando non si richiede di seguire alcuna dieta.

Le tisane depurative, generalmente, sono composte da da erbe con effetto diuretico e lassativo come quelle a base di tarassaco, ortosifon, carciofo. Questi prodotti hanno un effetto blando e favoriscono il dimagrimento in modo indiretto, ovvero, contribuendo all’eliminazione delle sostanze tossiche e stimolando il senso di sazietà.

Le tisane, dunque, possono essere un valido alleato ma non un sostituto delle buone abitudini alimentari necessarie per perdere perso. Gli esperti, consigliano di orientarsi verso prodotti con poche erbe e tutte dichiarate. In Italia, infatti, l’etichetta dei prodotti deve essere approvata dal Ministero e questa è certamente una forma di garanzia. Fermo restando che sull’etichetta, così come nell’eventuale foglietto interno, non possono esserci indicazioni terapeutiche.

Questa, a mio avviso, è una grossa pecca, perché nonostante i prodotti di erboristeria non siano dei medicinali, è importante conoscerne la posologia, gli effetti collaterali se ce ne sono, le interazioni, ecc. Gli esperti, inoltre, sconsigliano fortemente l’acquisto di tisane e piante via Internet, perché è più difficile controllarne la qualità. Ma anche in questo caso, farei un distinguo. In rete, infatti, non si trovano solo siti sconosciuti che vendono chissà quali piante di origine esotica.

Sono molte, invece, le erboristerie riconosciute che operano anche online. Va sempre ricordato, tuttavia, che le tisane non fanno dimagrire, per perdere peso occorre cambiare il proprio stile di vita, fare un’attività fisica adeguata e costante, e seguire una dieta ipocalorica. Tuttavia, con queste premesse, le tisane depurative possono una risorsa preziosa per sedare la fame, o per favorire la diuresi e allontanare lo spettro della ritenzione idrica, la causa principale delle cellulite, e della stitichezza.

Tisane depurative per favorire il dimagrimento

  • Tisana a base di bardana: viene consigliata come trattamento diuretico. Ha, infatti, un effetto depurativo ed è indicata anche nei problemi digestivi.
  • Tisana a base di fucus: tra le diverse varietà di alghe, il fucus merita senz’altro un’attenzione particolare. Il fucus contiene numerosi sali minerali, l’acido alginico e l’alginato di sodio che formano nello stomaco un gel viscoso in grado di ridurre l’acidità, di proteggere la mucosa gastrica e di prevenire il reflusso gastroesofageo. Gli alginati, inoltre, hanno la particolarità di gonfiarsi dentro lo stomaco senza essere assimilati dall’organismo. In questo modo, aiutano a mangiare meno e a regolare il senso di sazietà.

 

  • Tisana a base di betulla: la proprietà fondamentale della Betulla per uso interno è quella di stimolare la diuresi senza indurre alcun effetto secondario sgradito; è perciò usata per ridurre gli stasi di acqua nei tessuti, e favorire l’eliminazione di acido urico. Gli infusi e le tisane di foglie di Betulla hanno anche la proprietà di aumentare la fluidità della bile e diminuire il tasso di colesterolo nel sangue.

 

  • Tisana a base di ortosifon: l’ortosifon è una pianta originaria del sud-est asiatico, dove da secoli viene usata come diuretico. Grazie alle sue proprietà, infatti, permette all’organismo di liberarsi dei residui come l’urea, i cloruri e l’acido urico, inoltre, è ricco di flavonoidi. L’ortosifon è quindi un eccellente complemento nelle diete dimagranti. La tisana va assunta 3 volte al giorno, la mattina prima di fare colazione, il pomeriggio e la sera.

Photo credit|ThinkStock