Sale iodato per combattere le malattie della tiroide

sale iodatoIl sale iodato è un sale da cucina ricavato dall’acqua di mare o dalle minierei di salgemma e poi addizionato di iodio sottoforma di iodato di potassio o di ioduro ed è la soluzione proposta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per cercare di risolvere i problemi causati da carenza iodica, responsabile di malattie tiroidee e di altri disturbi. Proprio in questi giorni, ha messo a punto i nuovi loghi da utilizzare sui pacchi di sale iodato e sulle etichette dei prodotti alimentari che contengono questa sostanza.

Iodio, perché è importante

Lo iodio è un minerale che serve per il corretto funzionamento della ghiandola tiroidea e ha un ruolo molto importante nel regolare la produzione di energia dell’organismo, ma non solo: favorisce la crescita, stimola il metabolismo basale ed è utile per la salute di unghie, pelle, denti e capelli.

Dove si trova lo iodio

Lo iodio si trova in tutti i tipi di prodotti marini, vegetali che animali, e quindi, sono ottime fonti di iodio il pesce, le alghe kelp, ma anche l’aglio i fagioli di soia, gli spinaci, le cime di rapa, i semi di sesamo, le bietole e le zucchine bianche; lo iodio si trova anche nelle uova e, seppur in dosi minori, nei prodotti caseari, nei cereali e nella carne.

Purtroppo, però, la quantità di iodio contenuta negli alimenti non è sufficiente a garantire il fabbisogno giornaliero di iodio e quindi è consigliata una iodioprofilassi, ossia un’integrazione nell’alimentazione, che consiste nell’usare il sale iodato anziché quello comune da cucina.

Iodio, dosi consigliate

Il sale iodato va utilizzato nelle stesse quantità del sale da cucina, in ogni caso, le dosi giornaliere consigliate di iodio solo di 150 mcg. per gli adulti, 175 mcg. per le donne incinte e 200 mcg. in caso di allattamento.

Sale iodato, i nuovi loghi del Ministero della Salute

L’ideazione dei loghi si inserisce nel progetto di iodoprofilassi in linea con la legge 55/2005 sulla prevenzione delle malattie tiroidee promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’Unicef. Nella popolazione italiana si registra una significativa carenza di iodio che causa patologie della tiroide e altre gravi disfunzioni, per questo il Ministero della Salute ha pensato di incentivare l’utilizzo del sale iodato, suggerendo alle aziende alimentari di utilizzare questo tipo di sale nella preparazione degli alimenti.

Ma non solo, sempre il Ministero della Salute ha messo a punto una serie di loghi che verranno apposti sui pacchi di sale iodato e sui prodotti alimentari che contengono questo tipo di sale.

 

[Fonte]

 

Photo Credit | Thinkstock

Condividi l'articolo:

14 commenti su “Sale iodato per combattere le malattie della tiroide”

  1. With havin so much content and articles do you ever run into any problems of plagorism or copyright infringement? My site has a lot of exclusive content I’ve either created myself or outsourced but it looks like a lot of it is popping it up all over the web without my authorization. Do you know any solutions to help stop content from being ripped off? I’d truly appreciate it.

    Rispondi
  2. I’ve been surfing online more than 3 hours today, yet I never found any interesting article like yours. It is pretty worth enough for me. In my view, if all web owners and bloggers made good content as you did, the internet will be much more useful than ever before.

    Rispondi
  3. What i do not understood is in fact how you are not really much more neatly-favored than you might be right now. You are so intelligent. You recognize therefore significantly relating to this subject, made me in my view imagine it from numerous numerous angles. Its like women and men don’t seem to be involved until it?¦s something to do with Lady gaga! Your individual stuffs outstanding. At all times take care of it up!

    Rispondi

Lascia un commento